La causa che determina la formazione di uno spesso strato di ghiaccio sulla parete del frigorifero e come cercare di risolvere.
 
Normalmente durante il periodo estivo sulla parete di fondo di un frigorifero statico, si assiste alla formazione sempre più abbondante di uno strato di ghiaccio.

Sappiamo che nel funzionamento normale, sulla parete si formano delle gocce di acqua, che cristallizzano, ma grazie al sistema dello sbrinamento automatico, lo strato di ghiaccio rimane nella normalità.

Pur non avendo cambiato nessuna impostazione, rispetto al periodo invernale, con il caldo, potremmo assistere alla formazione di una lastra di ghiaccio, che aumenta sempre di più e impedisce allo stesso tempo un corretto raffreddamento della cella frigorifero. Ma qual è la causa che determina questa condizione?

Nella maggioranza dei casi questo fenomeno si verifica a causa di una non proporzionale impostazione della temperatura del frigorifero rispetto a quella  dell’ambiente, alla quale circostanza si aggiunge una problematica che può essere determinata dalla classe climatica. In buona sostanza il motore del frigorifero non riesce a raggiungere la temperatura impostata in tempi brevi e pertanto le fasi di sbrinamento automatico si riduco, non consentendo all’acqua di condensa, poi ghiaccio, di essere smaltita con conseguente accumulo ed inspessimento sulla parete di fondo.

Inoltre, va precisato, che ci può essere una causa, più comune, di natura tecnica, legata ad un difetto al termostato, che non è in grado di rilevare correttamente la temperatura all’interno della cella e non consente al motore di attaccare e staccare con i tempi necessari per consentire lo sbrinamento automatico. E per completare il quadro un problema di coibentazione che non risponde più ai requisiti per mantenere il più possibile isolata la cella.

Tornando alla prima circostanza, vediamo di capire cosa succede nel funzionamento del frigorifero quando è impostata una temperatura troppo bassa, e conseguentemente perché si inspessisce lo strato di ghiaccio.

Ogni frigorifero è dotato di un selettore, meccanico o elettronico, che consente di impostare la temperatura. A seconda del periodo dell’anno potremmo avere la necessità di abbassarla o alzarla per avere degli alimenti più o meno freddi. In estate chiaramente, essendoci nell’ambiente una temperatura molto alta, si cerca di abbassare quella del frigorifero per avere degli alimenti più freddi. Questo comporta però un lavoro maggiore del motore, che per raggiungere la temperatura impostata stacca di meno e pertanto lo strato di ghiaccio tende ad aumentare, e la fase dello sbrinamento automatico riesce a smaltire poco. Ed anzi, con il passare dei giorni e l’aumentare del ghiaccio,  la massa diventa sempre più consistente e il suo scioglimento sempre minore. Conseguenza finale è una massa di ghiaccio che invade la parte di fondo del frigorifero e uno scarso raffreddamento all’interno della cella. Difatti la massa di ghiaccio impedisce al freddo che proviene dalla parete di fondo di espandersi all’interno del vano frigo.

Anche se non abbiamo eseguito nessun tipo di cambio di impostazioni sul termostato, questa condizione si può verificare ugualmente. La temperatura era già impostata sul basso e durante i periodi meno caldi il frigorifero non aveva riscontrato difficoltà al raffreddamento avendo delle fasi di attacco e stacco regolari, mentre con il caldo si crea la difficoltà.

Durante la stagione calda vi è da dire che la formazione di condensa, poi ghiaccio, è maggiore a causa di aria più carica di umidità. Anche la tipologia di alimenti che riponiamo nel frigorifero possono essere più ricchi di acqua, e quindi aumentano la formazione della condensa. Quando si apre e si chiude la porta del frigorifero si verifica un forte scambio termico, che genare la formazione della brina. È da evitare sempre l’inserimento all’interno della cella di alimenti caldi.

In definitiva se il frigorifero ha un grosso strato di ghiaccio, dovremmo per riportarlo ad una condizione di lavoro ottimale ed evitare la formazione oltre misura del ghiaccio, eseguire uno sbrinamento. Successivamente impostare sul termostato una temperatura più alta. Evitare di aprire troppe volte il frigorifero e comunque limitare il tempo che lo sportello rimane aperto al minimo indispensabile.
Se il problema persiste, come abbiamo detto in precedenza potrebbe essere una problematica dettata da una classe climatica, che ha dei limiti di funzionamento nelle condizioni ambientali in cui sta lavorando.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Samsung esordisce sul mercato con un frigorifero versatile che può a seconda delle necessità diventare anche solo frigorifero. La serie GGH , nello specifico commercializzata in due modelli , l’RT 60KZR IH colore shine inox e il modello RT 60KZR VB colore sabbia.
 
 
Spazio trasparente.


Sostituendo il vecchio frigorifero, può essere capitato a molti, osservando il nuovo con più attenzione o semplicemente per il fatto che, diversamente dal vecchio che era da incasso, il nuovo è di libera installazione e quindi con i laterali a vista e scoperti, di constatare poggiando la mano sui fianchi un eccessivo calore. Il gas refrigerante in circolo nel frigorifero, veicola il calore portandolo nel condensatore, che provvede a cederlo all’esterno. Tradizionalmente i frigoriferi hanno sempre avuto il condensatore all’esterno del mobile, e per esattezza è la griglia nera applicata sul dietro del frigorifero.
 
 
Spazio trasparente.


Molte volte si sente parlare della diversa capacità di raffreddamento di un frigorifero in base alla tecnologia utilizzata, tra no-frost, ventilata o statica. La conclusione dell’analisi verte sulla migliore capacità di conservare gli alimenti del no-frost, poi del ventilato ed infine dello statico.
 
 
Spazio trasparente.


Tutti i frigoriferi all’interno della cella di raffreddamento dispongono di spazi con temperature e umidità diverse, in generale se non ci sono dei cassetti specifici troviamo sempre un cassettone in basso, destinato al contenimento della frutta e della verdura, in particolare su altri modelli c’è anche il cassetto con una temperatura di 0°C, utile per la conservazione di carne e di pesce. Inoltre in alcuni modelli ci sono anche dei cassetti con temperature intermedie ai due precedenti.
 
 
Spazio trasparente.


Sebbene il frigorifero da incasso è genericamente considerato avere delle misure standard, bisogna fare delle distinzioni, onde evitare di acquistarne uno che non ha le misure idonee per essere inserito nel vano della cucina componibile.
 
   
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su