Spazio trasparente.
 
Procedura per sollevare il piano di cottura da incasso dalla cucina.
 
Foto articolo.
Potremmo avere necessità di togliere il piano cottura da incasso dalla cucina, magari per eseguire una riparazione oppure per sostituirlo con uno nuovo. In ogni caso per toglierlo dobbiamo rimuovere dei fermi che lo tengono bloccano al top.

Il piano di cottura nella fase di installazione prevede l’inserimento nella parte inferiore di alcuni fermi che lo bloccano al piano in legno o in marmo della cucina componibile. Questi sono utilizzati sia per bloccarlo che per stringere la pasta di isolamento che viene impiegata in tale fase, e pertanto evita che si possa alzare anche di poco, per impedire che dello sporco si infili al di sotto del piano.

In alcuni casi può capitare che detti perni, non vengano utilizzati e quindi per sollevare il piano basta semplicemente infilare sotto la piastre la punta di un cacciavite, fare leva ed alzarlo.

Quando invece, per quanto facciamo leva, il piano non si muove, allora i perni sono stati fissati e se volgiamo toglierlo dobbiamo prima rimuoverli.

Questo intervento non è difficile, ma è un po’ una seccatura in quanto è necessario rimuove, laddove il forno è posizionato sotto il piano, questo succede in molte cucine componibile, anche questo.

Una volta che abbiamo accesso alla parte inferiore del piano, potremmo subito notare i perni, ovvero delle piccole piastre, che da un lato sono fissate al piano di cottura e dall’altro vanno a poggiarsi sotto il top della cucina, così che nel caso si faccia leva sul piano per sollevarlo, queste sono bloccate contro il top e lo tengono immobile.

Procediamo quindi chiudendo la mandata del gas e staccando la spina dell’accensione elettrica del piano, se ne è dotato.

Con una chiave inglese o una a pappagallo, svitiamo il dado che fissa il tubo di alimentazione del gas all’innesto della cucina.

Successivamente ci basterà utilizzare un cacciavite, solitamente a croce, o comunque quello necessario, per svitare le viti di ognuno dei perni. Una volta svitate i perni possono essere ruotati in modo tale da non farli più urtare contro la parte sottostante il top.

Avendo rimosso tutti i blocchi, e sganciato il tubo del gas e della corrente, il piano ora è completamente libero e può essere sollevato. Con l’ausilio di un cacciavite a taglio, che infileremo sotto la piastra del piano di cottura, facciamo leva fino a quando non avvertiamo che il piano si distacca dal top. Potrebbe esserci un po’ di resistenza, in quanto con il tempo ed a causa del mastice sigillante, si potrebbe essere creato un sorta di collante, ma forzando un po’ il piano si solleverà e potremo estrarlo per la riparazione o sostituzione.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Una tipologia di forno, non particolarmente diffusa in Italia ma, che merita assolutamente una particolare attenzione è quella con funzione pirolitica. Questo tipo di forno a dire il vero è molto diffuso in tutta Europa ed in particolar modo nel territorio francese, dove quasi tutti i forni venduti sono dotati di questa funzione.

Pubblicato:
mercoledì 8 maggio 2013
 
 
Spazio trasparente.
Ogni fornello del piano di cottura della cucina è comandato da un pomello, che ne consente l’accensione e ne regola l’intensità della fiamma. Difatti ruotando tale manopola in senso antiorario la fiamma si abbassa, mentre girandolo in verso orario la fiamma si alza.

Pubblicato:
giovedì 22 settembre 2016
 
 
Spazio trasparente.
Nell’ambito del panorama di prodotti proposti per i piani cottura da incasso, un approfondimento specifico deve essere dedicato ai piani cottura in vetroceramica.

Pubblicato:
giovedì 16 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Per la nostra cucina possiamo scegliere diversi tipi di piani di cottura, non solo dal punto di vista estetico, ma in particolar modo per la tecnologia che utilizzano per trasmettere il calore alle pentole e consentire di cucinare gli alimenti al suo interno.

Pubblicato:
martedì 21 maggio 2013
 
 
Spazio trasparente.
I forni da incasso sono costruiti con delle misure standard in modo tale da poter essere inseriti, indipendentemente dalla marca della cucina componibile, all’interno del vano appositamente creato.

Pubblicato:
venerdì 28 ottobre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Può capitare che dopo anni di utilizzo, lo sportello del nostro forno in cucina, sia esso di tipo elettrico a gas o di altro genere, non chiuda più in modo corretto. Ci accorgiamo che la chiusura non avviene in modo ottimale, ovvero che non attecchisce in modo perfetto, come avveniva prima, alla parete del mobile.

Pubblicato:
giovedì 18 febbraio 2016
 
 
Spazio trasparente.
Standardizzato in dimensioni da 90 cm, da 75 cm e da 60 cm, ha rispettivamente bisogno, per il suo inserimento, di un vano con una luce di 47,5 cm per 83,5 cm per il piano da 90 cm e di 47,5 cm per 55,5 cm per il 75 cm ed il 60 cm.

Pubblicato:
lunedì 19 settembre 2011
 
 
Spazio trasparente.
A gas, elettrico statico o ventilato multifunzione, i forni hanno sulla manopola di comando del forno dei simboli, ognuno dei quali corrisponde a specifiche modalità di cottura.

Pubblicato:
martedì 29 maggio 2012
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo sempre distinto i piani cottura tra quelli a gas, elettrici, e vetroceramica in generale. Soffermandoci su quelli a gas oltre a quello che tradizionalmente conosciamo, ovvero quello tradizionalmente più diffuso, vogliamo soffermarci su una nuova tecnologia che è presente sul mercato.

Pubblicato:
venerdì 16 maggio 2014
 
 
Spazio trasparente.
Nel forno elettrico o a gas, è presente una guarnizione che è posizionata sul contorno del profilo del forno e funge da tenuta per calore, quindi della temperatura interna, nel momento in cui lo sportello è chiuso e vi aderisce.

Pubblicato:
giovedì 20 settembre 2018
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenze lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su