Icona accesso.
 
 
Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
 
 
 
 
 

I due motivi per i quali il cestello della lavatrice non gira neppure spingendolo con le mani.

 
Uno dei guasti che più spesso si verifica nel funzionamento della lavatrice è quello relativo al blocco del cestello. Tutto d’un tratto rimane fermo, bloccato, non gira più durante il lavaggio e conseguentemente impedisce lo svolgimento del programma in atto.

Di norma questo difetto è causato, lo abbiamo visto in degli articoli precedenti, dall’usura delle spazzole del motore, dallo scaricamento o rottura del condensatore di spunto o dalla fuoriuscita della cinghia. In questi tre casi c’è una condizione accomunante, ovvero, il cestello, se ruotato a mano, gira.

Pertanto se dopo avere avviato il ciclo di lavaggio, notiamo la mancanza di movimento del cestello, per restringere il campo è necessario, prima di azzardare qualsiasi tipo di valutazione del guasto, provare a ruotarlo con la mano. Tralasciando il caso in cui ruoti, per il quale si rimanda alla lettura dei casi precedentemente indicati, ci soffermiamo sulla seconda circostanza.

Cestello lavatrice non gira.

In questo caso, possiamo riscontrare due condizioni leggermente differenti, ovvero un cestello completamente immobile, quindi esercitando forza sia in un verso che nell’altro, resta piantato, saldamente ancorato nella sua posizione. Oppure un cestello che gira a fatica sia in un verso che nell’altro, e magari in determinati punti assume una resistenza inferiore. Sono due fattori che dobbiamo distinguere in quanto ci consentono di capire la ragione del blocco e conseguentemente identificare cosa non sta funzionando.

Nel primo caso, la causa è da ricondurre ad un cedimento del cestello, che dalla sua posizione originale si è piegato verso il basso, urtando contro la vasca, pertanto non gira più liberamente. A seconda del punto di attrito, nel momento il cui si gira il cestello con le mani, la resistenza può essere differente. In ogni caso c’è, e la lavatrice non può essere utilizzata, anche se in una fase iniziale la forza del motore riesce a far girare il cestello e potremmo anche non accorgercene immediatamente.

Se usata in queste condizioni, potremmo sentire uno stridere nella rotazione, un rumore strano ed addirittura la fuoriuscita di fumo dal cassetto del detersivo o dal cestello nel momento in cui si apre l’oblò. Per ripristinare il corretto funzionamento è necessario sostituire il gruppo vasca.

In buona sostanza, in questa circostanza, provocata dei detersivi,  si è concretizzato un deterioramento della crociera, che si è spezzata in uno dei sui bracci, non mantenendo più il cestello in sospensione all’interna della vasca, pertanto facendolo piegare verso di essa fino a farvelo urtate. In base a come si spezza la crociera, l’urto con la vasca può essere differente, ecco perché può capitare che in dei casi il cestello non gira per niente, in altri gira, ma si sente che c’è qualcosa che lo frena ed in altri ancora in dei punti è frenato, sperati i quali sembra girare liberamente.

La seconda circostanza invece vede il cestello completamente bloccato, anche esercitando forza sia in un senso che nell’altro non si muove. In questo caso, diversamente dal primo, se osserviamo il cestello è ben distanziato dalla vasca, ovvero lungo tutta la sua circonferenza c’è quel mezzo centimetro di spazio, che ci fa capire che non è un problema di crociera spezzata, ma molto probabilmente di motore guasto.

Cestello lavatrice attaccato alla vasca.

Cestello correttamente distanziato dalla vasca.

Per capire se effettivamente sia esso il difetto è necessario, dopo aver staccato l’alimentazione elettrica, togliere il pannello posteriore e sganciare la cinghia. Afferriamo la puleggia e la facciamo ruotare, se è libera il cestello e più in generale il gruppo vasca non ha nessun problema.

Focalizziamo l’attenzione sul motore, afferriamo l’albero con le dita, nel punto in cui era agganciata la cinghia e proviamo a farlo ruotare da un verso o dall’altro. Potremo notare che rimane fermo, inchiodato. Il motore è andato e per ripristinare il corretto funzionamento della lavatrice è necessario sostituirlo.

Motore rotto.

 
 
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se sul display della lavatrice Whirlpool della line Wave, compare il codice di errore F18 o FoD significa che è stata rilevata una eccessiva quantità di schiuma durante il lavaggio. Potrebbe sembrare strano ma utilizzare troppo detersivo, può creare sia dei malfunzionamenti che anche un deterioramento accelerato delle componenti interne.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il panorama delle lavatrici proposte sul mercato ha raggiunto per quanto riguarda il consumo di energia elettrica dei risultati degni di grande apprezzamento. Non sono più commercializzate, anche perché non sono più prodotte, almeno per quanto riguarda la maggior parte dei mercati, lavatrici di classe inferiore alla A. Ci orientiamo all’acquisto, solitamente su un prodotto medio, in altri casi pretendendo delle migliori prestazioni di lavaggio, asciugatura e programmi speciali su una lavabiancheria di alta qualità. In ogni caso abbiamo acquistato un prodotto in classe A, associando alla categoria energetica in questione il basso consumo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La pompa di scarico in una lavatrice o lavasciuga, ma anche in una lavastoviglie, ha la funzione di espellere l’acqua dall’interno della vasca, nel momento in cui il programma di lavaggio lo necessita, questo abitualmente si verifica prima dell’inizio della fase di carico dell’acqua, successivamente durante la fase dei risciacqui ed infine al termine del lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Come già spiegato in altri articoli per identificare il consumo energetico di una lavatrice basta leggere il dato riportato sulla Energy label applicata su di essa. Tuttavia l’identificazione del consumo non ci consente di farci un’idea immediata di quanto sia la differenza tra le diverse classi energetiche.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nell’arco di pochissimi anni l’evoluzione tecnologia ha coinvolto moltissimi settori, ed abbiamo assistito ad un veloce processo di cambiamento di tanti prodotti, che fino a quel momento, proponevano un funzionamento basato su processi meccanici. Oltre alla più palese delle evoluzioni tecnologiche, quella che ha coinvolto il mondo della comunicazione, c’è quella che ha interessato il mondo degli elettrodomestici.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Su molti modelli di lavatrice dotate di display digitale, sul quale in base al ciclo di lavaggio impostato, compare il tempo residuo per terminarlo, può capitare che improvvisamente lo scorrere del tempo, si blocchi, per poi riprendere solo dopo essere trascorso un lasso di tempo variabile.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenzelineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea