Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.

Come capire la causa del mancato caricamento dell’acqua nella lavastoviglie.

 
Un difetto che si può verificare nell’impiego di una lavastoviglie è quello che la vede improvvisamente non caricare più l’acqua. Fino al lavaggio precedente tutto regolare ed ora, niente! Non prende più l’acqua!

Ci rendiamo conto che l’acqua non entra in quanto non sentiamo più il classico rumore del caricamento ma anche dal fatto che se apriamo lo sportello non ne vediamo.

La prima cosa che verrebbe da pensare è che la responsabilità di tale anomalia sia da imputare all’elettrovalvola, che in pratica è il componente responsabile del caricamento dell’acqua e per la maggior parte delle volte la vera causa del difetto, ma in realtà ci sono altre cose da considerare che potrebbero causare il problema.

Ora vedremo tutte le parti interessate ed in quale momento del lavaggio sono chiamate ad agire, in modo tale da creare una logica consequenziale così da poter escludere di volta in volta uno di essi e giungere al componente responsabile del difetto e poter eseguire una diagnosi del guasto.

I componenti o le condizioni che possono essere responsabili sono:

1 - Chiusura dello sportello;
2 - Tasto avvio;
3 ­ Pompa di scarico;
4 - Condotta di scarico;
5 - Rubinetto;
6 - Pressione idrica;
7 - Tubo di carico;
8 - Filtri ostruiti;
9 - Perdita di acqua;
10 - Elettrovalvola;
11 - Scheda elettronica.

Dopo aver acceso la lavastoviglie ed impostato un ciclo di lavaggio o anche se lo si fa successivamente alla chiusura dello sportello, si esegue un’azione meccanica nel chiuderlo ed allo stesso tempo ne avviene una elettronica, che comunica alla scheda che lo sportello è chiuso. Se c’è un difetto nella chiusura il caricamento dell’acqua non può avvenire.

La fase successiva consiste nel dare l’avvio al programma premendo il tasto specifico. Anche in questo caso se c’è un difetto nel tasto o nella scheda display il ciclo non si avvia ed il caricamento dell’acqua non avviene. Queste due condizioni non si verificano con frequenza, tuttavia è necessario sapere che possono palesarsi, così da poter eseguire una corretta diagnosi, che ci evita di perdere tempo in altre direzioni.

Queste due circostanze, riusciamo ad escluderle facilmente nel momento in cui siamo in grado di percepire subito dopo aver premuto il tasto di avvio, l’entrata in funzione della pompa di scarico, che è il componente che si attiva immediatamente prima del caricamento dell’acqua. In buona sostanza se la pompa di scarico è entrata in funzione significa che la chiusura dello sportello e l’avvio sono perfettamente funzionanti. Resta accesa per alcuni secondi fino a quando non scarica l’eventuale acqua residua presente nella vasca. Al termine della sua azione se andassimo ad aprire lo sportello non vedremmo più acqua all’interno. Se invece non la sentiamo entrare in funzione è necessario eseguire un controllo su di essa.

Se la pompa di scarico si è attivata regolarmente ma il carico dell’acqua non avviene, ci potrebbe essere una ostruzione al suo interno, da controllare, oppure un problema alla conduttura di scarico, un intasamento, relativamente allo scarico a muro, al sifone o la presenza di una strozzatura sul tubo di scarico. La mancata evacuazione dell’acqua, non consente il rilevamento del vuoto, alla scheda non arriva il segnale e conseguentemente non consente il carico dell’acqua. In questo caso di norma viene restituito un codice di errore.

Se tutto è andato bene ma la lavastoviglie non carica l’acqua, potrebbe esserci un problema con il rubinetto chiuso, capita spesso di dimenticarselo. In questi casi ovviamente basta solo aprirlo per risolvere il problema. Ce ne accorgiamo, oltre che eseguendo un controllo materiale, in quanto si sente una sorta di ronzio, che è l’elettrovalvola che si è aperta, ma non essendoci acqua emette il suono. Altra causa possibile del mancato caricamento dell’acqua è il tubo di carico strozzato. Magari spostando la lavastoviglie inavvertitamente abbiamo fatto piegare il tubo, che non consente il passaggio dell’acqua. Ancora, ci potrebbe essere una problema di bassa pressione dell’acqua. Per capirlo è necessario verificare quanta acqua esce dal rubinetto dove è collegato il tubo di carico. Sul display può comparire il codice di errore H20 oppure il simbolo del rubinetto.

Se l’acqua arriva alla giusta pressione non ci resta che controllare i filtri che si trovano al punto di innesto del tubo di carico e quello inserito nell’entrata dell’elettrovalvola. Se sono intasati possono impedire il passaggio dell’acqua e non consentire il carico.

La perdita di acqua interna è un’altra causa riconducibile al difetto di cui stiamo parlando. In questo caso vi è da dire che la pompa di scarico resta sempre attiva al fine di eliminare l’acqua dal vassoio di raccolta sul fondo e nel farlo comunica un codice di errore che blocca l’azione di un eventuale carico per eseguire un lavaggio. In questo caso di norma viene restituito un codice di errore.

La causa più frequente è un difetto dell’elettrovalvola, che una volta che abbiamo stabilito che tutti i processi precedenti sono funzionanti, è facilmente diagnosticabile. Se è questo il caso è necessario procedere alla sua sostituzione.

Infine il difetto, quando tutte le condizioni precedenti sono in regola, è riconducibile alla scheda elettronica.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Risultati assolutamente interessanti in termini di prestazioni sulle lavastoviglie, la Bosch li ottiene con le nuove lavastoviglie dotate del sistema Active Water abbinato all’impiego della zeolite.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Potrebbe capitare che la lavastoviglie, che ha sempre lavato in modo esemplare, ad un bel momento al termine del lavaggio non restituisca più piatti, bicchieri, posate, stoviglie e quant’altro ben pulite. Ovvero che non lavi più in modo efficace, come aveva fatto fino al precedente lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Per eseguire un ciclo di lavaggio con la lavastoviglie come ben sappiamo è necessario utilizzare il detersivo ed il brillantante, che vengono inseriti nello sportellino che si trova sul lato interno dello sportello. Possiamo utilizzare le pastiglie, che potrebbero includere il brillantante, o del detersivo in polvere, da dosare col misurino. Il brillantante normalmente viene inserito sempre nell’erogatore, ma su un altro scomparto.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando si imposta un ciclo di lavaggio, a meno che non si possieda una lavastoviglie con il programma automatico, capace di adeguare la temperatura di lavaggio al tipo sporco, bisogna scegliere tra i cicli proposti, quello più appropriato per il tipo di sporco che abbiamo necessità di pulire.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Contrariamente alla lavatrice, che è presente in tutte le case, la lavastoviglie ha una presenza di gran lunga inferiore. Mentre la prima è divenuta oramai indispensabile, l’acquisto della lavastoviglie, alcune volte, viene sottovalutato, o meglio considerato come superfluo anche perché il suo utilizzo viene associato ad un consumo di energia elettrica da sommare a quello che già si ha con altri elettrodomestici.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sebbene tutte le lavastoviglie abbiano lo stesso compito, ovvero lavare piatti, bicchiere e tutto il resto, ed in linea generale abbiano dei programmi di lavaggio che riprendono le medesime caratteristiche, tra di loro ci sono dei modelli dotati di programmi speciali.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenzelineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su