Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Cosa fare prima di utilizzare per la prima volta un grande elettrodomestico.
 
Terminato il processo di produzione ogni elettrodomestico deve superare una ulteriore fase prima di essere immesso sul mercato per la vendita, il collaudo. Questa fase, precedente all’imballaggio, prevede una serie di controlli ed una verifica del suo perfetto funzionamento.

Nel concreto quando acquistiamo un grande elettrodomestico troviamo al suo interno un biglietto che attesta le verifiche che sono state effettuate e a seconda del prodotto ci possono essere dei residui delle prove effettuate.

Prima di utilizzare un grande elettrodomestico è opportuno praticare alcune operazione per eliminare eventuali residui del ciclo produttivo. Chiaramente i residui del collaudo o di produzione sono diversi tra le diverse tipologie di elettrodomestico, pertanto andremo ad analizzare le operazione che dobbiamo effettuare a seconda del prodotto acquistato prima di iniziare ad utilizzarlo.

Non meravigliamoci se, appena comprata, troviamo nella lavatrice e nella lavasciuga un residuo d’acqua. Infatti, dopo il test realizzato in fabbrica, rimane un deposito di acqua nella vasca, nel filtro e anche nel cestello, che può essere eliminato effettuando un lavaggio senza indumenti a 90C° e con mezzo misurino di detersivo. Ciò consentirà di eliminare l’acqua della produzione ed eliminare eventuali cattivi odori generati dal suo ristagno.

Anche la lavastoviglie ha un residuo d’acqua del test di collaudo, da eliminare con un lavaggio breve, anche se preferibile a 65°C , senza carico all’interno, con un minimo di detersivo o con un po’ di aceto.

Nella asciugatrice possono rimanere nel cestello eventuali residui di lavorazione, per eliminarli passare sulla superficie del cestello un panno umido oppure eseguire un ciclo di asciugatura breve inserendo nel cestello degli stracci puliti ed umidi.

Frigorifero e congelatore possono emanare un leggero cattivo odore per l’aria rimasta chiusa all’interno ed avere depositato sulle pareti qualche residuo di lavorazione, per eliminarli è necessario pulire le pareti con un panno inumidito con acqua o imbevuto con un po’ di aceto o detergente non aggressivo.

La cucina a libera installazione non presenta particolarità sul piano di cottura, che può essere utilizzato senza effettuare nessuna procedura specifica, è comunque chiaramente intesa una pulizia per eliminare polvere, componenti dell’imballo e quant’altro, mentre per il forno così come quello da incasso ci possono essere dei residui di produzione, che devono essere eliminati effettuando una pulizia attraverso un procedimento molto più impegnativo.

Il primo utilizzo del forno deve essere effettuato a vuoto ad una temperatura di 250°C per circa 1 ora, durante questa fase si avverte del cattivo odore e del fumo, generati dal riscaldamento delle componenti interne e dei residui di produzione. Terminata questa fase bisogna fare raffreddare il forno ed una volta raffreddatosi deve essere pulito deve essere pulito con un panno imbevuto di acqua calda o un detersivo non aggressivo ideale per questo scopo. Oltre alla parte interna vanno pulite accuratamente gli accessori interni quali la griglia e la leccarda, per evitare che eventuali residui possano andare a contatto diretto con gli alimenti.

Articolo aggiornato: venerdì 16 ottobre 2015

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Il consumo globale delle asciugatrici per uso domestico rappresenta una parte considerevole del consumo di energia elettrica, pertanto la necessità di ridurre i consumi energetici a livello mondiale e la valorizzazione dei prodotti più efficienti sta spingendo sempre di più i produttori, al raggiungimento di prestazioni sempre superiori.
 
 
Spazio trasparente.


Una asciugatrice con sistema di evacuazione dell’acqua a condensazione, durante il processo di asciugatura, consente di recuperare l’acqua che si trova all’interno dei tessuti e raccoglierla in un contenitore.
 
 
Spazio trasparente.


A seconda che ci troviamo di fronte ad una asciugatrice in pompa di calore o a condensazione (resistenza elettrica), il posizionamento deve essere valutato in modo differente. Il motivo è da ricondursi alla differenza di peso che c’è tra le due asciugatrici. Infatti, quella in pompa di calore, avendo al suo interno una serie di componenti, come il motore, il circuito frigorifero, lo scambiatore ed altro è più pesante rispetto ad un modello a condensazione, che internamente è composta da pochi elementi.
 
 
Spazio trasparente.


Nella scelta di un’asciugatrice molte volte prima di effettuare l’acquisto, viene preso in seria considerazione, oltre ai consumi energetici, i tipi di programmi svolti e la durata del ciclo di asciugatura, che può variare nei diversi modelli, anche se non di molto. A dire il vero non sempre si riesce a trovare un riferimento specifico per la durata di ogni singolo ciclo, ma dalla scheda prodotto si può conoscere quella del ciclo standard.
 
 
Spazio trasparente.


In caso di difetti e malfunzionamenti dell’asciugatrice Electrolux, gli stessi vengono mostrati sul display della macchina, per poter essere letti ed una volta individuata l’origine del difetto, procedere alla sua sistemazione.
 
 
Spazio trasparente.


La tecnologia a pompa di calore nelle asciugatrici, ha influenzato positivamente il miglioramento delle prestazioni energetiche, consentendo nel giro di pochi anni di diminuire in modo sensibile il loro consumo e consentirne una maggiore diffusione.
 
 
Icona regione.
Pamela da Ragusa giorno 16/10/2015
Salve, da due giorni ho acquistato un'asciugatrice Hotpoint Ariston FTCD 872 6HM1, 8 kg a++. Ieri ho fatto la prima asciugatura con biancheria da riporre in armadio, durata ciclo 3.20, dopo un’oretta circa di avvio si mette in pausa e compare il messaggio di svuotare la vaschetta se pur non piena perché ho centrifugato a 1000 giri la biancheria (tovaglie in cotone, poco più di mezzo carico). Spengo tutto, controllo lo stato di asciugatura della biancheria che risulta ancora umida, svuoto la vaschetta, controllo il filtro e faccio play. Poco dopo un quarto d'ora si ripresenta lo stesso problema. Essendo il primo avvio, ho forse dimenticato di togliere qualcosa? Inoltre mentre lavora in basso a dx c'è una ventola che emette un suono tipo tintennio.. come se una levetta sbattesse su qualcosa di metallico, è normale?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Pamela, se la vaschetta non è piena e continua a segnalarti che lo è, allora non funziona bene qualcosa, potrebbe esserci un problema al contenitore interno dell’acqua. il consiglio, considerata che è nuovissima, quindi in garanzia, e di contattare l’assistenza, tienici informati.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su