Spazio trasparente.
 
Quali sono e come vanno interpretati i codici di errore segnalati dalle lavastoviglie Whirlpool.
 
Foto articolo.
Come per altri marchi di cui abbiamo già parlato, anche per le lavastoviglie della Whirlpool, nel momento in cui si è in presenza di un cattivo funzionamento, si è spesso al cospetto di un guasto del sistema, che viene segnalato dalla macchina attraverso un codice visualizzato sul display o tramite dei lampeggi dei led.

In presenza del display si potrà visualizzare un codice a due cifre, solitamente che inizia per F, mentre in assenza del display la spia dell’avvio lampeggerà ad intermittenza, ed il numero dei lampeggi corrisponderà al codice di errore.

Ora andremo a descrivere i diversi codici di errore, che è bene precisare valgono in linea generale ma nello specifico ogni modello può avere delle diverse codifiche.

F1: questo codice stabilisce che la temperatura dell’acqua non corrisponde a quella che ci dovrebbe essere all’interno della vasca. Normalmente rileva che rispetto a quella che dovrebbe essere o è inferiore di circa 3 °C oppure ha superato gli 85°C. In questa circostanza ci possono essere due ragioni che riconducono all’errore, la prima che l’acqua è entrata ad una temperatura elevata, parliamo dei casi in cui è collegata direttamente l’acqua calda, la seconda ed è la più probabile che la sonda NTC sia starata è non stacchi quando è necessario, in questo caso va sostituita;

F2: questo è un indicatore di perdita di acqua all’interno della macchina, che è normalmente associato ad un blocco del ciclo di lavaggio che termina improvvisamente con lo scarico dell’acqua, che può prolungarsi e continuare anche da solo, in quanto essendo rilevata la perdita la scheda da l’impulso per preservare la macchina da ulteriori problemi;

F3: indica che il riscaldamento dell’acqua non è avvenuto nel tempo massimo stabilito, quindi siamo in presenza di una anomalia nel riscaldamento, che può avere origini diverse: un problema alla resistenza di riscaldamento, un problema al sensore di riscaldamento, un difetto alla scheda elettronica o collegamenti;

F4: siamo in presenza di un problema legato allo scarico dell’acqua, quindi potrebbe trattarsi della pompa di scarico difettosa, del tubo di scarico strozzato o ostruito, di un problema di sifonaggio o di un difetto della scheda elettronica;

F5: indica che il motore non gira, quindi il ciclo di lavaggio non si sviluppa. In questo caso è necessario sostituire il motore;

F6: questo codice indica una incongruenza con il carico dell’acqua, ovvero che non sta entrando all’interno della vasca nei tempi e nella quantità necessaria. Potrebbe semplicemente essere causato da una pressione bassa, dal rubinetto chiuso o aperto solo parzialmente, dal tubo di carico strozzato. Tecnicamente invece possiamo trovarci in presenza dell’elettrovalvola difettosa o qualche anomalia legata al pressostato ed al rilevamento del pieno in vasca;

F7: normalmente è riferito in modo specifico al misuratore di portata o valvola conta litri difettosa, ma in linea generale potrebbe anche richiamare le stesse problematiche del codice F6;

F8: è indicatore di un eccessiva quantità di acqua all’interno della vasca. Le cause possono essere diverse, ovvero relative ad un problema con il drenaggio, quindi tutto può riguardare tutto ciò che ha a che fare con lo scarico, un entrata eccessiva di acqua, quindi un problema relativo al circuito di caricamento dell’acqua;

F9: è riscontrabile nel momento in cui si verifica un continuo caricamento di acqua, che può essere originato da un difetto tecnico, relativamente all’elettrovalvola difettosa o sfondata, o di natura elettronica, la scheda;

F0 (10 lampeggi): questo codice si visualizza se si è eseguita una fase di test;

FA (11 lampeggi):  il sensore che controlla lo stato della pulizia dell’acqua è in errore, quindi può essere che l’acqua è sporca e pertanto verrà eseguito un ulteriore risciacquo oppure un eccessivo impiego di detersivo ha generato un eccesso di schiuma che non fa sfalsare la lettura;

FB (12 lampeggi): Indica un difetto di funzionamento relativamente alla valvola deviatrice motorizzata che gestisce il flusso dell’acqua alla pala superiore di lavaggio;

FC: (13 lampeggi): indica che il sensore di durezza dell’acqua è difettoso.

Pubblicato: giovedì 5 luglio 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Fortunatamente è un fenomeno che si verifica non molto frequentemente, tuttavia possiamo trovare delle macchie di ruggine all’interno della vasca della lavastoviglie, che se non opportunamente prese in considerazione, ponendovi rimedio, possono provocare dei danni ulteriori.

Pubblicato:
lunedì 13 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Ogni modello di lavastoviglie Hotpoint Ariston è progettata per indicare in caso di un’anomalia di funzionamento, attraverso il display led o tramite le spie di funzionamento il difetto riscontrato.

Pubblicato:
giovedì 10 luglio 2014
 
 
Spazio trasparente.
Un’anomalia che non di rado si verifica nel funzionamento della lavastoviglie è quella relativa al fermo del programma dopo la fase di carico dell’acqua di lavaggio. La prima parte del ciclo si svolge in modo regolare, ovvero viene attivata la pompa di scarico iniziale e poi segue il caricamento dell’acqua per alcuni minuti.

Pubblicato:
lunedì 6 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Come per altri marchi di cui abbiamo già parlato, anche per le lavastoviglie della Whirlpool, nel momento in cui si è in presenza di un cattivo funzionamento, si è spesso al cospetto di un guasto del sistema, che viene segnalato dalla macchina attraverso un codice visualizzato sul display o tramite dei lampeggi dei led.

Pubblicato:
giovedì 5 luglio 2018
 
 
Spazio trasparente.
Quando viene effettuato un ciclo di lavaggio, nella lavastoviglie, chiaramente deve essere inserito del detersivo specifico, per rendere l’azione di pulizia efficace. Il detersivo si inserisce in un apposito contenitore che è posizionato nella parte interna dello sportello.

Pubblicato:
domenica 16 gennaio 2011
 
 
Spazio trasparente.
È a conoscenza diffusa, che per un corretto funzionamento della lavastoviglie deve essere inserito al suo interno il sale. Sul fondo della vasca c’è un contenitore, sigillato con un tappo a vite, che una volta rimosso dona l’accesso al contenitore, nel quale, con un apposito imbuto in dotazione alla lavastoviglie al suo acquisto, si può versare comodamente il sale.

Pubblicato:
giovedì 26 aprile 2012
 
 
Spazio trasparente.
Avvertire una scossa di elettricità, nel momento in cui si viene a contatto con la lavatrice o la lavastoviglie, è un avvenimento poco piacevole, che ci indica che siamo in presenza di una anomalia. La scossa è avvertita solitamente nel momento in cui, soprattutto in presenza di mani bagnate, si urta il mobile o magari quando dopo aver aperto l’oblò della lavatrice, tocchiamo gli indumenti bagnati.

Pubblicato:
venerdì 10 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Tralasciando tutte le differenze tecniche e di programmazione che possono essere determinanti per scegliere una lavastoviglie piuttosto che un’altra, vediamo di capire quale è più performante riferendoci ai dati che per normativa devono essere esposti sul prodotto.

Pubblicato:
domenica 20 novembre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Chi già possiede una lavastoviglie, sa esattamente quanto sia importante che il cestello superiore possa essere regolato in altezza. Questa caratteristica, consente di recuperare spazio da sfruttare per sistemare nel cestello inferiore delle stoviglie più alte, come i piatti per la pizza o altri oggetti più ingombranti, che altrimenti non riusciremmo lavare.

Pubblicato:
martedì 11 settembre 2012
 
 
Spazio trasparente.
La gamma delle lavastoviglie Indesit a libera installazione presente sul catalogo 2013 si compone di dieci modelli, divisi in otto con misure standard tradizionali e due compatte. Nel dettaglio delle misure abbiamo sei modelli con larghezza da 60 cm, altezza 85 cm e profondità 60 cm, due modelli con larghezza ridotta a 45 cm ed infine le compatte che hanno una dimensione di 44 cm di larghezza, 55 cm di altezza e 52 cm di profondità.

Pubblicato:
lunedì 30 settembre 2013
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su