Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Qual è il corretto posizionamento del tubo di scarico della lavatrice.
 
Abbiamo parlato di come si deve installare una lavatrice, ovvero le fase riguardanti l’eliminazione dei blocchi e di come debba essere posizionata e livellata. Trascurando tuttavia un parte fondamentale dell’installazione: il posizionamento del tubo di scarico.

Potrebbe sembrare una condizione abbastanza ovvia, ma c’è da dire che dal suo non corretto posizionamento, potrebbero scaturire delle anomalie di funzionamento, non riconducibili immediatamente a questa condizione. Anomalie, che prima di poter essere risolte, potrebbero farci focalizzare l’attenzione su componenti non responsabili dei comportamenti che andremo a descrivere.

Prima di esporre le anomalie che si possono verificare, vediamo come deve essere posizionato correttamente il tubo di scarico. Per questo dobbiamo prima però stabilire le differenti condizioni di evacuazione dell’acqua alle quali possiamo trovarci davanti:

1) Scarico a muro: è molto diffuso è consiste nel lasciare, solitamente dietro la lavatrice, un tubo incassato nel muro, che si raccorda sottotraccia alla colonna di scarico dell’impianto casalingo;

Scarico lavatrice.

2) Scarico in un tubo, è poco diffuso ed è spesso un tipo di scarico montato successivamente. Si tratta di un tubo rigido, sempre collegato allo scarico casalingo, che assume una posizione verticale ed è esterno al muro;

Scarico lavatrice.

3) Scarico a sifone, si predispone l’allaccio al sifone che si trova ed è parte integrante dello scarico del lavandino;

Scarico lavatrice.

4) Nessuno scarico: il tubo di scarico della lavatrice viene condotto in un lavandino o una vasca nelle sue immediate vicinanze.

Scarico lavatrice.

Come si può notare in tutte le tipologie di scarico, il tubo che esce dalla parte bassa della lavatrice, prima di raggiungere il punto dove scarica, assume una direzione, che lo vede salire, in modo perpendicolare al mobile, per fare questo se dietro la lavatrice c’è un fermo utilizziamolo, fino a raggiungere un’altezza compresa tra un minimo di 65 cm ed un massimo di 100 cm. Nei disegni si può notare che in alcuni casi è stata indicata come altezza massima 80 cm, anche in quel caso può raggiungere i 100 cm, che è la misura massima che la spinta della pompa di scarico riesce a coprire. Tuttavia riteniamo che il punto di scarico dovrebbe stare tra i 65 cm e gli 80 cm, anche perché superata questa altezza, ci troveremo ben oltre l’altezza della lavatrice stessa, il che renderebbe antiestetico il tutto.

In tutti i casi è stato impiegato il collo d’oca, la parte in plastica, quella con la forma di un ferro di cavallo, in dotazione alla lavatrice. Serve per consentire alla parte finale del tubo, di assumere la forma necessaria per il corretto deflusso dell’acqua, che una volta superato il punto massimo di salita, e dopo aver superato il punto di piano, si trova nella parte in discesa dalla quale non può tornare indietro. Diversamente un posizionamento dritto, consente un ritorno d’acqua.

Ora vediamo piccoli accorgimenti in base alle quattro diverse installazioni:

1 ) Scarico a muro: la parte finale del tubo deve essere raccordata con gli appositi kit di scarico disponibili nei negozi di idraulica;
2) Scarico in tubo: è opportuno che il tubo fisso sia leggermente più largo del tubo di scarico, che deve esservi ben fissato, per evitare che nello scarico venga spinta fuori;
3) Scarico a sifone: anche qui utilizziamo gli appositi kit per l’allaccio;
4) Scarico nel lavandino: la parte finale del tubo non deve essere distante dal fondo del lavandino, in modo tale che durante lo scarico, l’acqua alzandosi di livello, non ne ostruisca l’uscita. Fissiamo con una vite o utilizzando una cordicella, che possiamo far passare buco presente sul collo d’oca, il tubo, in modo tale che non possa cadere.

Se il posizionamento del tubo di scarico non è effettuato nel modo corretto, ci potremmo trovare in presenza di alcune anomalie di funzionamento, quali:

1) La lavatrice carica e scarica acqua continuamente;
2) Il ciclo di lavaggio non finisce mai e nei modelli con display digitale e tempo residuo al termine del lavaggio, la lavatrice segna 1 minuto ma continua a lavare. Al posto di 1 minuto potrebbe fermarsi su un altro numero, ma con la medesima condizione;
3) Sul display appare, su alcuni modelli il simbolo H2O.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Presente in tutte le case, la lavatrice è un elettrodomestico che in alcuni casi risulta sconosciuto, nel senso che, sappiamo esattamente a cosa serve, ma non tutti i membri della famiglia sanno utilizzarlo. Ci troviamo pertanto, in alcuni casi, a dover impostare un ciclo di lavaggio e non sapere assolutamente da dove iniziare.
 
 
Spazio trasparente.


La mancata rotazione del cestello della lavatrice può dipendere da diversi fattori, come le spazzole consumate su un motore universale, dal condensatore scarico su uno ad induzione, da problemi con la cinghia e da altri fattori, tra i quali un guasto al motore.
 
 
Spazio trasparente.


Il nemico numero uno per la lavatrice, ma questo vale anche per la lavastoviglie, ed in generale per tutti gli elettrodomestici che vengono a contatto con l’acqua, è il calcare, che inesorabilmente dai primi utilizzi dell’apparecchio inizia la sua azione di deposito su alcuni componenti.
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo visto in un articolo precedente come usare la lavatrice, pertanto quali sono le fasi preparatorie relative ai vari capi che è necessario lavare, quindi come dividerli, le macchie e la funzione degli scomparti del cassetto del detersivo.
 
 
Spazio trasparente.


Grande successo ha riscontrato sul mercato il motore, della lavatrice della Lg, inverter direct drive, che, per chi non lo sapesse, è caratterizzato dall’eliminazione della tradizionale cinghia che collega il motore al cestello, con un sistema innovativo di innesto del motore direttamente sul cestello.
 
 
Spazio trasparente.


L’errore F12 nella lavatrice a marchio Whirlpool, appartenente alla linea Wave, è originato da un difetto relativo alla resistenza di riscaldamento, ovvero siamo in presenza di un corto circuito.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su