Come e perchè intervenire quando il rivestimento dei tubi del condizionatore d’aria si è consumato.
 
Tra le attività di controllo che bisogna effettuare per tenere in buono stato di funzionamento, o meglio dire preservare la piena efficienza di un impianto di condizionamento, c’è quella di verificare la condizione della tubatura di collegamento tra l’unita interna e quella l’esterna.

Nello specifico ci riferiamo a quel pezzo di tubatura che è esterna, quella che esce dal muro e, a seconda dei casi, in base alla distanza dal motore, può essere più o meno lunga e collega le due unità costituendo il circuito dentro il quale si muove il gas refrigerante.

La tubatura è composta da un tubo in rame, ricoperto da una speciale guaina, che ha il compito di isolarlo, evitando dispersioni di temperatura, che possono influenzare il funzionamento e la resa dell’impianto. Allo stesso tempo, anche se non è la sua funzione principale, funge anche da protezione al tubo.

Questa parte di tubatura, se non opportunamente ricoperta da isolanti specifici, essendo per forza di cose all’esterno ed essendo soggetta alle variazioni climatiche di diversa natura: pioggia, sole, caldo, freddo e via dicendo, nel corso del tempo tende a deteriorarsi fino a sgretolarsi completamente. Non è raro infatti notare impianti con parte della tubatura scoperta o solo parzialmente ricoperta dalla guaina protettiva. Immaginiamo il caso in cui i tubi siano tutti scoperti e non riparati, la caduta di oggetti o un evento atmosferico come una forte grandinata, anche se i tubi sono molto resistenti, potrebbe causarne la rottura, provocando la fuoriuscita del gas refrigerante. Anche l’azione di piogge acide può contribuire al loro deterioramento.

Si capisce, di conseguenza, quanto sia importante che i tubi si mantengano in buono stato e, nel caso in cui il deterioramento sia oramai sopraggiunto, si provveda alla loro sistemazione.

Per rimpiazzare il vecchio rivestimento bisogna munirsi di un tubo isolato, si può reperire presso una ferramenta o in un negozio specializzato in impianti per climatizzazione, del nastro adesivo americano, di una lama, necessaria a tagliare il tubo, delle fascette per il cablaggio.

Intanto ci sono per ogni split due tubi e fino ai 12000 btu/h solitamente la tubatura è di ¼ e di 3/8, quindi nel chiedere il nuovo tubo isolato bisogna tenere in considerazione questa misura e chiederne una un po’ più grande in quanto avremo necessità di tagliarla. Per gli impianti più potenti la tubatura è più grande.

Il nastro adesivo americano è quello più indicato per i lavori da esterno in quanto è resistente all’acqua e soprattutto ad una temperatura compresa tra i -20°C e gli 85°C, quindi in grado di sopportare i cambiamenti climatici.

A questo punto, leviamo la corrente elettrica e procediamo pulendo i tubi sui quali dobbiamo lavorare, togliendo le parti di rivestimento in via di deterioramento, basta toccarlo e stringerlo leggermente, quello malandato si sgretola e si stacca senza nessuna difficoltà. Le operazioni devono essere eseguite senza forzare la sagomatura del tubo in rame, non bisogna spostarlo.

Considerato che non possiamo sganciare i tubi dal motore del condizionatore (operazione riservata solo ai tecnici), pratichiamo un taglio dritto per tutta la lunghezza del tubo isolato, utilizziamo una lama, un cutter, delle forbici o quello che è necessario, successivamente, cercando di innestarlo sul tubo in rame, eliminiamo tutta la parte che eccede e che non consente ai due lati di unirsi quando stringendolo cerchiamo di attestarlo.

Eliminata la parte eccedente, iniziamo ad infilarlo da una estremità sul tubo in rame e  man mano stringiamolo fissandolo con il nastro americano, fino a coprire tutto il tubo.

Nel caso ci sono dei pezzi di tubo isolato vecchio in buono stato, possiamo lasciarlo e raccordare i due tubi unendoli con il nastro. Alle due estremità, se le condizioni lo consentono ed il tubo rimane un po’ più largo stringiamolo con delle fascette per il cablaggio, che possiamo impiegare anche per tenere vicini o comunque fissare i tubi in generale.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Cambia il panorama dell’etichettatura energetica dei climatizzatori d’aria e diversamente da quanto avveniva con la vecchia, che uniformava tutti i climatizzatori in modo indistinto senza considerare la tecnologia, la nuova normativa, che entra in vigore giorno 1 gennaio del 2013, distingue le diverse tecnologie.
 
 
Spazio trasparente.


La climatizzazione deve essere intesa ambiente per ambiente, nel senso che se abbiamo necessità di climatizzare un appartamento, dovremmo montare tanti split per quanto sono le stanze che abitiamo e comunque abbiamo necessità di climatizzare.
 
 
Spazio trasparente.


Il condizionatore come noto è composto da una unità interna, definita split, ed una esterna, detta motore. La prima viene posizionata all’interno dell’ambiente da climatizzare, mentre la seconda è posizionata all’esterno, quindi fuori dall’abitazione.
 
 
Spazio trasparente.


In presenza di ambienti particolarmente grandi da climatizzare, un solo climatizzatore di potenza elevata può non essere sufficiente.
 
 
Spazio trasparente.


Una forte convergenza, da parte di tutti i produttori di climatizzatori fissi, si è concretizzata nell’impiegare, nella loro produzione, la tecnologia inverter, che invece è poco impiegata nella costruzione di condizionatori portatili.
 
   
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su