Come impostare nella lavastoviglie, in base al tipo di sporco, il lavaggio e come comportarsi in base al tipo di materiale delle stoviglie.
 
Quando si imposta un ciclo di lavaggio, a meno che non si possieda una lavastoviglie con il programma automatico, capace di adeguare la temperatura di lavaggio al tipo sporco, bisogna scegliere tra i cicli proposti, quello più appropriato per il tipo di sporco che abbiamo necessità di pulire.

Per utilizzare al meglio la lavastoviglie, è importante conoscere i diversi tipi di sporco che andremo a lavare e le proprietà del materiale di cui sono composte le stoviglie, al fine di ottimizzare la qualità del lavaggio, riducendo i consumi energetici, ed evitare spiacevoli inconvenienti alle stoviglie, per le quali non abbiamo adottato gli accorgimenti necessari a preservare il loro stato di conservazione.

Prima di analizzare i differenti tipi di sporco, vogliamo sottolineare che il lavaggio deve essere preceduto dalla preparazione delle stoviglie, ovvero la rimozione dei residui di sporco con un tovagliolo, senza passare le stoviglie sotto l’acqua corrente. Se non si effettua subito un lavaggio bisogna lasciare le stoviglie in ammollo per evitare che lo sporco si secchi.

Le tipologie di sporco più comuni sono:

1) grassi, in questa categoria rientrano quegli alimenti che sono insolubili al contatto con l’acqua, prendiamo ad esempio i diversi tipi di olio e i loro derivati, necessitano di una fase di ammollo, che ne consenta un loro indebolimento e di una temperatura di lavaggio non bassa, per asportare lo sporco;

2) zuccheri, residui zuccherosi come quelli della frutta sono facilmente lavabili con le alte temperature;

3) amidi, il residuo di amido più comune in cucina è quello che rimane nel tegame dove abbiamo fatto bollire della pasta. La maggior parte delle volte non viene notato in quanto l’acqua viene scolata, ma se invece di scolare l’acqua togliamo la pasta e lasciamo l’acqua a raffreddarsi noteremo il crearsi di una patina di amido. Si lavano facilmente in acqua fredda a meno che non si siano seccati sulle stoviglie;

Per quanto riguarda le stoviglie in base al materiale di costruzione per essere lavate nel miglior modo possibile necessitano di temperature ed in certi casi anche di posizioni diverse, vediamo alcuni dei materiali più comunemente diffusi nelle nostre case:

1) plastica, non deve essere posizionata vicino alla resistenza elettrica quando questa si trovi all’esterno della vasca anche se ormai nella quasi totalità delle lavastoviglie la resistenza non è più esterna, ma interna alla vasca, quindi questo problema si pone limitatamente a modelli più obsoleti. Bisogna verificare che riporti l’indicazione che può essere lavata nella lavastoviglie.

La conferma è data da questo simbolo che ne sancisce l’idoneità del materiale.

Su alcune plastiche invece è espressamente indicato il contrario dalla presenza di questo simbolo.


 
2) argento, può essere lavato avendo l’accortezza di rimuovere i residui di cibi acidi come il condimento di insalate, di frutta e di sale che causano a contatto prolungato la loro ossidazione. Non deve venire in contatto con altri metalli per evitare l’ossidazione e l’insorgere di macchie di ruggine;
3) acciaio inox, può essere lavato senza nessun problema;

4) legno, per le stoviglie costruite interamente o parzialmente in legno è preferibile evitare il lavaggio in lavastoviglie, il legno tende ad assorbire acqua e le alte temperature in fase di lavaggio e di asciugatura possono farle seccare e spaccare. Quelle parzialmente in legno sono in alcuni casi assemblati con l’ausilio di colla che con il calore perde forza e tende a staccarsi;

5) porcellana, anche la porcellana è un materiale molto delicato che può essere lavato a basse temperature, tuttavia e bene sincerarsi se è espressamente indicato su di essa tale possibilità e nel caso in cui è decorato è consigliabile non procedere con la fase di asciugatura per evitare delle decolorazioni;

6) vetro, può essere lavato senza nessun problema, sono da evitare solo gli oggetti dipinti o decorati;

7) cristallo, è opportuno non lavarlo nella lavastoviglie se non espressamente indicata tale possibilità sul prodotto ed è consigliabile l’impiego di programmi, appositamente studiati per questa tipologia di materiale, in grado di controllare elettronicamente la temperatura evitando sbalzi di gradi responsabili di shock termici, che possono generare la spaccatura del cristallo. La temperatura del lavaggio è sempre molto bassa.

Articolo aggiornato: sabato 7 giugno 2014

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Ci sono molti sistemi che consentono agli impianti idrici di casa di disporre per tutto l’anno di acqua sempre calda è, pertanto, logico pensare di poter ottenere il massimo rendimento, sfruttandola per elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie, ai quali far risparmiare il tempo necessario al riscaldamento, effettuato per mezzo di una resistenza elettrica e conseguentemente risparmiare energia elettrica.
 
 
Spazio trasparente.


Avvertire una scossa di elettricità, nel momento in cui si viene a contatto con la lavatrice o la lavastoviglie, è un avvenimento poco piacevole, che ci indica che siamo in presenza di una anomalia. La scossa è avvertita solitamente nel momento in cui, soprattutto in presenza di mani bagnate, si urta il mobile o magari quando dopo aver aperto l’oblò della lavatrice, tocchiamo gli indumenti bagnati.
 
 
Spazio trasparente.


Tralasciando tutte le differenze tecniche e di programmazione che possono essere determinanti per scegliere una lavastoviglie piuttosto che un’altra, vediamo di capire quale è più performante riferendoci ai dati che per normativa devono essere esposti sul prodotto.
 
 
Spazio trasparente.


Un’anomalia abbastanza diffusa nella lavastoviglie è quella relativa al processo di asciugatura, che a seconda dei casi può presentarsi con una scarsa qualità ed in altri con una assoluta assenza, con relative stoviglie bagnate al termine del lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.


Una volta che abbiamo identificato il componente o uno dei componenti che potrebbe essere responsabile del malfunzionamento della lavatrice, della lavastoviglie o altro elettrodomestico, per assicurarci che sia difettoso possiamo in alcuni casi testarlo.
 
   
 
 
Icona regione.
Enrico da Cesena giorno 07/06/2014
Ho una lavastoviglie marca IKEA, credo prodotta da Rex, che mi lascia coltelli e forchette con delle orribili incrostazioni marroni, sebbene quando le metta dentro siano solo sporche di olio al massimo. Finito il lavaggio, apro lo sportello e tutto è pulito e asciutto alla perfezione, eccetto forchette e coltelli (i cucchiai raramente) che hanno queste incrostazioni. Non macchie o aloni ma proprio incrostazioni, che vanno via se le si strega forte. Non so esattamente cosa fare, ho provato a cambiare detersivo ma il problema permane. Le posate appartengono tutte allo stesso servizio.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Enrico, è un avvenimento anomalo al quale non so darti una spiegazione specifica. Suppongo anche se è ovvio che il problema sia generato dalle posate stesse, di che materiale sono? Hanno dei manici in qualche materiale particolare?

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su