Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Le differenze che si evincono nel confronto tra l’energy label di due lavatrici oltre alla classe.

È oramai consolidato il concetto di equivalenza tra la classe energetica A con il basso consumo energetico.

L’acquisto della lavatrice è pertanto dettato dalla presenza di questo requisito, che si evince dalla certificazione energetica presente all’interno del prodotto.

Con la recente modifica dell’energy label sono stati introdotti nuovi livelli di appartenenza energetica, che tante aziende avevano già raggiunto ancor prima ottenendo delle performance, con un consumo così più basso, rispetto alla riferimento della classe A, da identificarsi oggi con la classe A+++.

La lettura dell’energy label, solitamente non viene analizzata in modo approfondito, e sebbene i dati identificativi di importanti qualità tecniche sono chiaramente indicati, ci si sofferma solo al confronto della classe di consumo.

A tal proposito confrontiamo due energy label con classe energetica A++. Da un primo sguardo, e se ci soffermiamo solo alla classe, i prodotti sono uguali, ma se diventiamo un po’ più scrupolosi, possiamo notare come nel primo caso abbiamo un consumo di 219 Kw/annui, mentre nel secondo il consumo è di 221 Kw/h annui. Una differenza trascurabile di appena 2 Kw/annui, che non aggrava in modo significativo il costo della nostra bolletta.

Ma andiamo avanti e notiamo che c’è una differenza nel consumo di acqua di ben 580 litri annui a vantaggio sempre della prima lavatrice. Un risparmio di acqua considerevole se si pensa che per una doccia si impiegano grossomodo 50 litri di acqua.

Continuando l’analisi riscontriamo due dati equivalenti, ovvero la capacità di carico in Kg della lavatrice (8 kg) e la sua classe di efficienza di centrifugazione, che si attesta nella C. A tal proposito, dobbiamo sottolineare che rispetto alla vecchia etichettatura, non viene indicato il numero di giri, che nel caso di questo confronto è di 1000 giri al minuto. Riteniamo questa sia una limitazione della nuova Energy label.

Per finire la valutazione della scheda energetica, due parametri assolutamente da tenere in considerazione, che identificano la rumorosità della lavatrice in fase di lavaggio e di centrifuga. La bilancia anche in questo caso pende verso le migliori prestazioni della prima lavatrice, che è chiaramente più silenziosa con 51 db in lavaggio contro i 55 db della seconda ed i 71 db in centrifuga contro i 76 db della seconda lavatrice.

Volendo fare una considerazione va detto che tutti i dati di migliore prestazione di una lavatrice piuttosto che di un'altra, derivano da migliori tecnologie impiegate per ottenere quelle prestazioni o materiali migliori che rispondono meglio a determinate azione meccaniche.

Un dato solo ci preme ancora ricordare circa l’assorbimento elettrico della macchina, ovvero quanto watt assorbe al massimo della sua potenza durante il suo funzionamento. L’energy label attuale non regolamenta quest’aspetto che comunque consigliamo di considerare. Un maggior o minor assorbimento in watt, non implica un maggior o minor consumo di energia elettrica per tutta la fase del lavaggio, ma un impiego di una determinata potenza per un determinato tempo. Quindi nel caso di contatoti da 1,5 kw/h, ma anche di 3 kw/h è importante conoscere l’assorbimento per gestire al meglio tutti gli apparati elettrici di casa.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando durante la fase del lavaggio di una lavatrice o di una lavasciuga l’acqua non viene riscaldata, il motivo è da ricondursi al non funzionamento della resistenza elettrica di riscaldamento, ovviamente le motivazione che la inducono a non funzionare possono essere di diversa natura, sia elettriche che elettroniche, ma in molti altri casi è proprio l’intero elemento che non va e pertanto deve essere sostituito.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto nell’articolo relativo al funzionamento della vaschetta del detersivo, quale è il procedimento che consente al detersivo, alla candeggina ed all’ammorbidente di essere prelevati nel momento in cui il lavaggio lo prevede, quindi un impiego cadenzato.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Non capita molto spesso, ma è un guasto che si può presentare improvvisamente alla nostra lavatrice, che fino a poco prima funzionava perfettamente ed improvvisamente quando viene impostata la centrifuga o è il momento che questa entri in funzione, la vediamo rallentata.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il 20 dicembre del 2011 è scattato l’obbligo per il produttore di fornire ogni lavatrice della nuova etichettatura energetica. La normativa comunque consente al venditore di continuare a vendere, anche le lavatrici con la vecchia etichettatura, fino al loro esaurimento.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto in un altro articolo come eseguire il ciclo diagnostico su lavatrici Whirlpool di una serie recente. In questo invece vedremo come eseguire il test dei componenti e quindi la visualizzazione di errori su una serie più vecchia.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La lavatrice è fatta da un mobile in metallo al cui interno ci sono una serie di componenti che consentono il suo funzionamento. Sia che si tratti di un modello con la carica frontale o dall'alto, al suo interno c'è il cestello. Un un cilindro in acciaio orizzontale nel primo caso, verticale nel secondo, che presenta una estremità aperta o apribile, dalla quale si inseriscono gli indumenti.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea