Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Elementi interessati per l’errore F13 in una lavatrice Whirlpool.
 
La prima azione che compie la lavatrice prima di avviare il ciclo di lavaggio è chiudere il bloccoporta, quindi serrare lo sportello per evitare che questo si possa aprire durante il ciclo.

Se dal controllo eseguito, che avviene prima del lavaggio, durante il suo svolgimento ed infine al termine, viene rilevato un difetto sul display della lavatrice Whirlpool, verrà restituito il codice di errore F13.

La presenza del difetto potrebbe anche far si che il led relativo al chiusura dello sportello, che in un funzionamento ottimale, si spegne subito prima l’avvio del lavaggio, resti acceso per tutta la durata del programma.

In presenza dell’errore il ciclo di lavaggio potrebbe anche essere compromesso, ovvero potremmo trovarci ad averne avviato uno, ma che questo non inizi, difatti se non viene confermata la chiusura dello sportello non si passa alla fase del lavaggio.

A prescindere dal comportamento della lavatrice, possiamo identificare come causa della comparizione del codice di errore F13, un problema nella chiusura dello sportello, nello specifico un difetto al bloccoporta.

In questa circostanza il difetto oltre a poter essere imputato al bloccoporta, può essere pure ricondotto ad un problema di connessione tra quest’ultimo e la scheda elettronica o, come può avvenire per tutti gli errori, alla scheda elettronica.

Per cercare di identificare quale delle condizioni interessa il malfunzionamento, dobbiamo distinguere se il lavaggio non inizia o se l’errore si manifesta nel durante. Nel primo caso è probabile che sia il bloccoporta difettoso, nel secondo un difetto di connessioni o di scheda.

In entrambi i casi dobbiamo accedervi e pertanto dopo aver staccato la corrente elettrica, dobbiamo rimuovere la guarnizione, e prima di essa la molla di tenuta, in prossimità della chiusura dello sportello. In questo modo possiamo, infilando la mano, afferrare il bloccoporta e svitare le viti che lo fissano al telaio della lavatrice.

Lo estraiamo e potremmo già notare, se è esso ad essere difettoso, la presenza di bruciature, quindi possiamo sostituirlo con uno nuovo. Possiamo fare lo stesso anche in assenza se è la prima condizione a portare l’errore.

Nella seconda condizione, è necessario controllare la connessione che lo mette in comunicazione con la scheda elettronica, pertanto se i connettori che lo alimentano sono ben innestati, è necessario controllare anche se i fili raggiungono senza nessuna interruzione la scheda elettronica. Anche sulla scheda dobbiamo eseguire i controlli relativi al collegamento, quindi verificare che gli innesti ad esso relativi, siano ben inseriti.

Possiamo eventualmente procedere anche staccando il collegamento e ripristinandolo per essere certi di un inserimento ben eseguito.

Se tutto è regolare ed il difetto rimane è necessario eseguire un controllo sulla scheda elettronica, ci potrebbe essere la parte che interessa la chiusura e l’apertura del bloccoporta, non funzionante. Questo tipo di controllo lo possiamo eseguire visivamente, alla ricerca di punti di bruciatura sulla scheda.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Nel momento in cui si verifica un funzionamento non corretto, che può essere generato da un guasto ad una componente della lavatrice, piuttosto che da una anomalia di diversa natura, l’elettrodomestico ci viene incontro restituendo dei segnali e più comunemente dei codici, che sono evidenziati sul display, che ci consentono di identificare il pezzo che non sta funzionando correttamente o comunque di capire cosa non va nel processo del lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.


Nel malfunzionamento della lavatrice oltre al guasto che si può manifestare in un determinato momento e che quindi è necessario riparare, si può creare un’ulteriore problematica per il mancato scarico dell’acqua. Difatti si può bloccare con il cestello pieno d’acqua. Cosa fare in questa circostanza?
 
 
Spazio trasparente.


Il contenitore del detersivo è diviso in tre scomparti, uno dedicato al detersivo per la fase del prelavaggio, uno per il lavaggio ed il terzo per l’ammorbidente. In alcuni modelli c’è un quarto e più piccolo scomparto destinato a contenere la candeggina, anche se è sempre meno presente.
 
 
Spazio trasparente.


È oramai consolidato il concetto di equivalenza tra la classe energetica A con il basso consumo energetico. L’acquisto della lavatrice è pertanto dettato dalla presenza di questo requisito, che si evince dalla certificazione energetica presente all’interno del prodotto.
 
 
Spazio trasparente.


La lavatrice come gli altri elettrodomestici nasce per un impiego casalingo, un apparecchio destinato ad essere utilizzato all’interno dell’ambiente domestico. Normalmente nelle abitazioni c’è uno spazio lavanderia, destinato ad accoglierla, o un bagno dopo poterla sistemare o comunque uno spazio dove localizzarla.
 
 
Spazio trasparente.


Un’anomalia di funzionamento della lavatrice o lavasciuga, alla quale ci si trova davanti dopo alcuni anni del suo utilizzo è quella del cestello che non gira. Prima di andare avanti precisiamo che il fermo del cestello può dipendere da diversi fattori, ma in particolare in questo caso ci riferiamo ad una condizione del tutto normale, conseguente alla regolare usura delle spazzole a carboncino.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su