Spazio trasparente.
 
Parete di fondo del frigorifero gocciolante e sbrinamento automatico.
 
Foto articolo.
Potrebbe capitare che nel momento in cui andiamo ad aprire lo sportello del frigorifero di notare sulla parete di fondo la presenza di gocce di acqua o quella della formazione di brina.

Normalmente nel funzionamento regolare del frigorifero questo avviene costantemente, tuttavia a seconda del periodo ed alcune volte in funzione di quanto lo sportello viene aperto, tale presenza potrebbe essere differente. Pertanto in alcuni casi potremmo non notarla, mentre in altri potrebbe presentarsi in modo consistente e quindi balzarci agli occhi e farci sorgere il dubbio di un malfunzionamento.

In realtà il frigorifero sta funzionando correttamente e siamo in presenza dello “sbrinamento automatico” un processo che elimina la condensa che si forma durante il suo funzionamento.

Per comprenderne la formazione ed anche la sua maggiore o minore presenza, bisogna partire dalla base del funzionamento del frigorifero. L’aria fredda che c’è all’interno si forma per effetto dell’espulsione del calore che è presente nella cella, tramite il gas refrigerante, che per effetto dello scambio termico lo assorbe. Il gas refrigerante, che è freddo, passa proprio nella parete di fondo che è per l’appunto la parte più fredda della cella.

Su di essa pertanto impatta l’aria calda che entra ne frigorifero quando viene aperto lo sportello e comunque essendo sempre più fredda rispetto a tutta l’aria che è presente nella cella, per effetto dello scambio termico, assorbe calore ed allo stesso modo crea la condensa.

Per intenderci è l’effetto che si verifica in inverno quando l’aria fredda presente all’esterno di una casa, va a battere contro i vetri freddi e crea la condensa.

Sulla parete del frigorifero si genera sotto forma di acqua, di piccole gocce, che a seconda della fase del funzionamento del frigorifero possono trasformarsi in piccoli cristalli di ghiaccio e poi nuovamente in acqua. Nel momento in cui il motore è in funzione e quindi il refrigerante passa nella parete di fondo raffreddandola, le gocce presenti si cristallizzano, mentre l’impatto di aria nuova crea altre gocce.

Nella fase in cui il motore si ferma, quella parte è meno fredda e la brina formatasi si scioglie, scivolando sulla parete fino a raggiungere la parte in basso, dove un apposito raccoglitore, consente all’acqua di essere incanalata, verso il centro dove c’è un foro di evacuazione.

Da questo l’acqua termina su una vaschetta posa sul motore, che si riempie d’acqua, fino con la sua entrata in funzione ed il suo riscaldamento, il motore, manda calore alla vaschetta, che si riscalda, pertanto l’acqua al suo interno diventa calda al punto di evaporare nella stanza. Tutto questo processo è lo sbrinamento automatico.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Disorientati da una scelta molto ampia di prodotti, alcune volte viene effettuata una valutazione errata del consumo energetico di un frigorifero.

Pubblicato:
lunedì 20 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Probabilmente non desta particolare interesse il metodo che viene utilizzato per determinare la classe energetica del frigorifero. Ci si limita, credo, nella maggior parte dei casi a prendere atto di quanto dichiarato dall’energy label.

Pubblicato:
mercoledì 22 febbraio 2012
 
 
Spazio trasparente.
Quando ci troviamo davanti al nostro frigorifero statico che non ne vuole sapere di partire e vogliamo identificare il problema che si sta verificando e che ne impedisce il funzionamento, possiamo effettuare delle prove generali, che ci possono consentire di identificare la problematica.

Pubblicato:
venerdì 16 dicembre 2016
 
 
Spazio trasparente.
È passato parecchio tempo da quando i frigoriferi erano degli apparecchi dal consumo energetico medio, con la corsa e la necessità al risparmio le aziende hanno fatto dei passi da giganti in pochissimo tempo riuscendo a produrre dei frigoriferi a basso assorbimento e consumo energetico.

Pubblicato:
martedì 4 ottobre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Non acquistando tutti i giorni elettrodomestici capita, che quando avviene e dobbiamo preoccuparci del trasporto, ci viene in mente che bisogna avere delle accortezze subito dopo il trasporto e prima di accenderlo. Non si deve mettere subito in funzione, questa è la raccomandazione fatta anche dal venditore.

Pubblicato:
sabato 18 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Per frigorifero da incasso si possono intendere varie tipologie, di alcune quali i doppia porta, i combinati e i sotto piano, abbiamo già parlato in altri articoli, ora ci soffermiamo sui modelli mono porta armadio, dei quali abbiamo catalogato, in base alle dimensioni, le proposte dei diversi produttori.

Pubblicato:
mercoledì 18 novembre 2015
 
 
Spazio trasparente.
Un aspetto molto importante da considerare in merito alla qualità del freddo, all’interno della cella frigorifero e congelatore, nel caso di tecnologia di raffreddamento di tipo “ventilato e no frost combinato” e “total no frost”, è il sistema di evaporazione dell’aria e conseguentemente la intercomunicazione delle celle.

Pubblicato:
venerdì 15 giugno 2012
 
 
Spazio trasparente.
In molte condizioni l’acquisto di un nuovo frigorifero non è sempre compatibile con lo spazio in cui va collocato. Succede spesso infatti che anche se le dimensioni sono esatte il verso di apertura dello sportello non corrisponde a quelle che sono le tue esigenze.

Pubblicato:
mercoledì 29 giugno 2011
 
 
Spazio trasparente.
La migliore qualità dell’aria all’interno di un frigorifero, garantisce un ambiente più sano e privo di batteri, che genera una migliore e più lunga conservazione degli alimenti. I diversi produttori si interessano a questo aspetto, con soluzioni diverse ottenute con studi specifici su determinate tecnologie. In questo caso ci soffermiamo sul filtro sviluppato dalla Whirlpool in collaborazione con la Microban.

Pubblicato:
domenica 15 aprile 2012
 
 
Spazio trasparente.
La diffusone dell’utilizzo del computer e di internet, in particolare, ha assunto una importanza fino a qualche anno fa assolutamente inimmaginabile.

Pubblicato:
martedì 10 maggio 2011
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su