Spazio trasparente.
 
Come verificare se la lampadina della cappa è funzionante e come sostituirla.
 
Foto articolo.
Uno degli interventi che più spesso viene eseguito e che potremmo quasi considerare di routine per quanto riguarda una cappa da cucina è quello relativo alla sostituzione della lampadina.

Come le lampadine di casa anche quella della cappa si può fulminare da un momento all’altro, pertanto la durata non è determinabile a priori, in generale può dipendere dalla qualità della stessa e da quanto viene usata, ma nello specifico si può fulminare in qualsiasi momento.

La lampadina è posizionata all’interno della cappa, ed è raggiungibile aprendo il suo pannello, che può essere differente a seconda del modello, ma comunque sempre estremamente semplice da sganciare.

Una volta che si ha accesso alla parte interna, la lampadina è in bella vista agganciata al portalampada. L’intervento di sostituzione di per sé è semplicissimo, basta svitare la lampadina e sostituirla con la nuova. Questo intervento può essere eseguito anche con la corrente elettrica attaccata, bisogna fare solo attenzione a toccare esclusivamente la lampadina nella parte in vetro, e nello svitarla non toccare la parte metallica filettata dove c’è la corrente.

Se invece si ha qualche timore è assolutamente consigliato staccare la corrente elettrica.

Una volta svitata ci possiamo, nella maggior parte dei casi, rendere conto che è fulminata guardandola attentamente, nel senso che potremo notare, nei modelli ad incandescenza, uno dei filamenti staccati. Tuttavia può succedere che tutti i filamenti sono integri e quindi può sorgere il dubbio, che non si tratti di una rottura della lampadina.

Certamente per fugare il dubbio basterebbe comprarne una nuova e provarla, ma se non vogliamo acquistarla inutilmente, dobbiamo effettuare una verifica per capire se il problema è da ricondursi ad essa o ad altro. In questo caso abbiamo due strade per capirlo, la prima è verificare se la corrente elettrica arriva fino al portalampada e quindi al suo interno, la seconda è provare la lampadina.

Prima di spiegare cose eseguire le due prove volgiamo specificare che sono da farsi solo se si possiedono le competenze tecniche necessario, si ha a che fare con la corrente pertanto è pericoloso.

Il portalampada possiamo testarlo con l’ausilio di un cacciavite cercafase, di cui poggeremo la punta prima su una e poi sull’altra lamella all’interno del portalampada. Ricordiamo che effettuando questo operazione è necessario che poggiamo il pollice sulla testa del manico del cercafase, altrimenti non funziona. Su una delle due lamelle il cercafase si dovrà accendere, saremo così certi che il portalampada è alimentato. Ricordiamo che il pulsante che dovrebbe accendere la luce deve essere premuto o comunque nella posizione che normalmente la luce è accesa.

Per testare la lampadina invece è necessario disporre di un portalampada con la stessa filettatura collegato ad un cavo elettrico o in assenza, possiamo prendere un cavo elettrico, attaccare ad una estremità una spina e dall’altro lato sfilacciare il filo che porta la corrente e la fase, normalmente sono il nero per la corrente ed il blu per la fase. Prima di attaccare la spina alla corrente, diamo la forma ai fili in modo tale che uno (nero) possa poggiare sull’estremità della lampadina e l’altro (blu) sulla parte metallica filettata, se la lampadina non si accende è rotta.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Tutti i piani di cottura oramai sono dotati del piezoelettrico per l’accensione elettronica. Basterà pertanto premere la manopola della mandata del gas per sentire il ticchettio e vedere la scintilla in corrispondenza del fornello, che ne consente l’accensione.

Pubblicato:
giovedì 4 ottobre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Per garantire nel tempo il massimo dell’efficienza della macchina del caffè è fondamentale eseguire periodicamente, una delle operazioni più importanti per il suo funzionamento, la decalcificazione.

Pubblicato:
venerdì 1 aprile 2016
 
 
Spazio trasparente.
Arrosti, pizze e lasagne…. Delle bontà da degustare da soli o in compagnia, ma finito di mangiare, dando un’occhiata al forno possiamo riscontrare sullo sportello e sul vetro dello sporco indesiderato.

Pubblicato:
giovedì 29 settembre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Nei piani di cottura dotati di accensione elettronica, oramai lo sono quasi tutti, potrebbe capitare che ad un bel momento uno di essi o più di uno, non si accendano più. Magari sentiamo il ticchettio dell’accensione ma il fornello non si accende.

Pubblicato:
giovedì 3 gennaio 2019
 
 
Spazio trasparente.
L’azione del vapore è da sempre sfruttata in diversi ambienti di applicazione, cha vanno dall’igiene ed il benessere della persona, alla produzione di energia elettrica nelle centrali a vapore, all’impiego sugli elettrodomestici..

Pubblicato:
sabato 7 maggio 2011
 
 
Spazio trasparente.
Nell’impiego di un forno elettrico ad un bel momento può succedere che quello che prepariamo si brucia. Indipendentemente dai cibi e rispettando l’impostazione della temperatura ed il tempo di cottura, troviamo i cibi bruciati.

Pubblicato:
giovedì 20 settembre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo già parlato del piano di cottura ad induzione in un precedente articolo, nel quale ci abbiamo approfondito gli aspetti legati al suo funzionamento ed alle caratteristiche tecniche generali o specifiche.

Pubblicato:
lunedì 2 gennaio 2017
 
 
Spazio trasparente.
La termocoppia della cucina, oramai obbligatoria su tutti i piani di cottura di qualsiasi tipologia, ha la funzione di bloccare la fuoriuscita del gas in caso di spegnimento accidentale del fornello.

Pubblicato:
venerdì 9 settembre 2016
 
 
Spazio trasparente.
La maggior parte dei forni da incasso o delle cucine libere da installazione sono dotate del forno elettrico. Ci sono però anche dei modelli di forno in entrambe le categorie, che possiedono il forno a gas.

Pubblicato:
mercoledì 16 gennaio 2019
 
 
Spazio trasparente.
Il piano di cottura è certamente un elemento essenziale ed indispensabile in ogni cucina componibile, può, a seconda dello spazio che destiniamo alla sua collocazione, essere di misure diverse.

Pubblicato:
lunedì 23 aprile 2012
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su