Spazio trasparente.
 
Serbatoio del brillantante pieno e spia del brillantante sempre acceso, le cause.
 
Foto articolo.
L’impiego del brillantante nella lavastoviglie è molto importante al fine di ottenere un’asciugatura ottimale. Di questo, per chi volesse approfondire, ne abbiamo parlato in un articolo specifico.

Il brillantante come è risaputo viene inserito, allo stato liquido, all’interno di un contenitore che si trova nella controporta della lavastoviglie o in altri casi viene sostituito dall’impiego della pastiglia unica che contiene il detersivo, il sale ed il brillantante.

La presenza del brillantante è segnalata da una spia che quando è spenta indica che il brillantante è presente nel contenitore, viceversa quando è accesa sancisce la sua assenza. Questo è quello che succede normalmente, anche se vi è da dire che quando la lavastoviglie è nuova, quindi durante i primi utilizzi, a seconda del modello, la spia potrebbe rimanere accesa per qualche ciclo anche se il brillantante è presente.

In questo articolo ci occupiamo del caso in cui, non siamo nei primi lavaggi, il contenitore del brillantante è pieno ma la spia rimane sempre accesa.

Per comprendere la causa che fa accendere la spia è necessario spiegare il procedimento che utilizza la lavastoviglie per capire se il contenitore del brillantante è pieno. Per precisione specifichiamo che questo processo è valido solo per alcuni modelli di lavastoviglie.

Il brillantante essendo necessario per la fase di asciugatura, viene prelevato nella parte finale del lavaggio, ovvero dopo che è trascorso un breve tempo dal caricamento dell’acqua calda del risciacquo finale. In questa fase un sensore di torbidità analizza l’acqua, che risulta chiara. Viene inviato un fascio di luce da un sensore trasmittente ad uno ricevente. Stabilito che l’acqua è pulita, il dato viene inviato alla scheda elettronica che lo memorizza. Nel momento in cui viene prelevato il brillantante o meglio si aziona il suo sistema di mandata, il sensore di torbidità invia un secondo fascio di luce, che questa volta se il brillantante è presente nell’acqua, a causa della sua consistenza, che impedisce il passaggio della luce, fa registrare che l’acqua è torbida. A questo punto il nuovo dato viene confrontato con quello precedente e la scheda stabilisce che il brillantante è presente e la spia rimane spenta se già lo era, oppure si spegnerà se era accesa.

Nel caso in cui ci dovesse essere una condizione differente, ovvero la lettura del dato del primo fascio di luce è uguale al secondo, la scheda interpreta l’assenza del brillantante ed accende il relativo led di mancanza del brillantante.

Nel momento in cui la spia del brillantante è accesa anche se il serbatoio è pieno, possiamo dedurre che c’è un guasto relativamente alla pompa di mandata del brillantante oppure al sensore di torbidità dell’acqua. Naturalmente potrebbe trattarsi di un guasto meccanico vero e proprio o un difetto relativamente ai collegamenti elettrici delle due componenti.

Dobbiamo distinguere però questa circostanza da quella in cui viene utilizzata la pastiglia tutto in uno, in quanto questa metta in circolo indistintamente il brillantante anche nella fase iniziale del risciacquo, pertanto il confronto dei dati delle due letture saranno uguali e la scheda stabilirà l’assenza del brillantante.

Infine potrebbe succedere che impiegando un brillantante di scarsa qualità o se al suo posto utilizziamo qualcosa di diverso, il sistema che verifica la torbidità non sarà in grado di verificare la presenza di qualcosa di diverso restituendo come dato la sua assenza e quindi l’accensione del relativo led.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Quando si imposta un ciclo di lavaggio, a meno che non si possieda una lavastoviglie con il programma automatico, capace di adeguare la temperatura di lavaggio al tipo sporco, bisogna scegliere tra i cicli proposti, quello più appropriato per il tipo di sporco che abbiamo necessità di pulire.

Pubblicato:
lunedì 3 settembre 2012
 
 
Spazio trasparente.
Contrariamente alla lavatrice, che è presente in tutte le case, la lavastoviglie ha una presenza di gran lunga inferiore. Mentre la prima è divenuta oramai indispensabile, l’acquisto della lavastoviglie, alcune volte, viene sottovalutato, o meglio considerato come superfluo anche perché il suo utilizzo viene associato ad un consumo di energia elettrica da sommare a quello che già si ha con altri elettrodomestici.

Pubblicato:
domenica 16 gennaio 2011
 
 
Spazio trasparente.
Sebbene tutte le lavastoviglie abbiano lo stesso compito, ovvero lavare piatti, bicchiere e tutto il resto, ed in linea generale abbiano dei programmi di lavaggio che riprendono le medesime caratteristiche, tra di loro ci sono dei modelli dotati di programmi speciali.

Pubblicato:
martedì 25 settembre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo visto nell’articolo precedente che il mancato riscaldamento dell’acqua può dipendere dalla resistenza o dalla scheda elettronica, in questo analizzeremo la terza causa del mancato riscaldamento, ovvero il termostato.

Pubblicato:
domenica 9 settembre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Quando si parla di lavastoviglie la misura per identificarne la capienza sono i coperti, ovvero la quantità di piatti, uno per portata, ed i bicchieri che i cestelli riescono a contenere. Nel calcolo dei coperti non sono comprese le pentole ed i tegami che avendo dimensioni completamente diverse una dall’altra non possono essere standardizzate.

Pubblicato:
domenica 7 novembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
A seconda del modello di lavastoviglie della Rex Electrolux, ci sono delle anomalie di funzionamento o dei guasti che vengono segnalati al consumatore attraverso delle indicazioni acustiche, l’accensione di alcune spie o attraverso una sigla sul display digitale.

Pubblicato:
martedì 1 luglio 2014
 
 
Spazio trasparente.
Ci sono molti sistemi che consentono agli impianti idrici di casa di disporre per tutto l’anno di acqua sempre calda è, pertanto, logico pensare di poter ottenere il massimo rendimento, sfruttandola per elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie, ai quali far risparmiare il tempo necessario al riscaldamento, effettuato per mezzo di una resistenza elettrica e conseguentemente risparmiare energia elettrica.

Pubblicato:
martedì 13 gennaio 2015
 
 
Spazio trasparente.
Avvertire una scossa di elettricità, nel momento in cui si viene a contatto con la lavatrice o la lavastoviglie, è un avvenimento poco piacevole, che ci indica che siamo in presenza di una anomalia. La scossa è avvertita solitamente nel momento in cui, soprattutto in presenza di mani bagnate, si urta il mobile o magari quando dopo aver aperto l’oblò della lavatrice, tocchiamo gli indumenti bagnati.

Pubblicato:
venerdì 10 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Tralasciando tutte le differenze tecniche e di programmazione che possono essere determinanti per scegliere una lavastoviglie piuttosto che un’altra, vediamo di capire quale è più performante riferendoci ai dati che per normativa devono essere esposti sul prodotto.

Pubblicato:
domenica 20 novembre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Un’anomalia abbastanza diffusa nella lavastoviglie è quella relativa al processo di asciugatura, che a seconda dei casi può presentarsi con una scarsa qualità ed in altri con una assoluta assenza, con relative stoviglie bagnate al termine del lavaggio.

Pubblicato:
mercoledì 22 febbraio 2017
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su