Spazio trasparente.
 
Sostituire un impianto di condizionamento solo freddo con un modello a pompa di calore.
 
Foto articolo.
Ci sono molti impianti di condizionamento più o meno recenti che sono di solo raffreddamento, installati logicamente per soddisfare questa specifica necessità, che però nell’arco del tempo è cambiata, necessitando anche del riscaldamento, e pertanto ci si trova nell’esigenza di avere un impianto capace di assolvere anche a questo compito.

A tal proposito ci viene spesso chiesto se è possibile sostituire una sola delle due componenti, motore o split, per rendere perseguibile il risultato.

La risposta è no, ma vediamo nel concreto perché non si può effettuare e cosa potrebbe fare.

Sostituire una delle due componenti è una strada non perseguibile in quanto, ognuna delle due parti è progettata per funzionare solo in quella modalità. È presenta una sola linea frigorifera, solo freddo, ed il flusso del gas refrigerante segue solo ed esclusivamente il medesimo percorso nello stesso verso. In un sistema a pompa di calore le linee frigorifere sono due, ed in base alla modalità impostata il flusso viene invertito veicolando il calore verso l’esterno o verso l’interno a seconda che funzioni rispettivamente in modalità di raffreddamento o di riscaldamento.

Quindi da un punto di vista pratico non è proprio possibile collegare uno split in pompa di calore con un motore solo freddo e viceversa, mancano gli attacchi delle mandate del gas.
Quindi se si è nella necessità di sostituire un impianto solo freddo con una pompa di calore è necessario sostituire entrambe le componenti. Quello che possiamo recuperare, in taluni casi, è una parte del vecchio impianto, ovvero la linea frigorifera esistente, lo scarico della condensa, e certamente le staffe per fissare il motore del condizionatore.

Per quanto riguarda la line frigorifera, tuttavia è necessario fare una precisazione, nel senso che in base al tipo di tubatura utilizzata ed al tipo di gas che il vecchio impianto utilizzava, bisogna considerare la sua compatibilità con il nuovo impianto. Quindi è importante che i due sistemi utilizzino dei gas uguali. Anche in questo caso comunque sarà necessario da parte del tecnico installatore una verifica dello stato della tubatura, e necessaria una azione di pulizia di residui del vecchio impianto.

Ad ogni modo è comunque preferibile, considerata la necessità di passare il secondo tubo per il gas, di sostituire anche quello presente. In buona sostanza per passare da un vecchio impianto di condizionamento solo freddo ad uno in pompa di calore è necessario sostituire tutto.

Pubblicato: mercoledì 20 giugno 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
In linea generale il dimensionamento di un impianto di climatizzazione consiste nell’identificare la potenza termica di cui necessita l’ambiente, in cui deve essere installato, per essere climatizzato.

Pubblicato:
giovedì 29 agosto 2013
 
 
Spazio trasparente.
Qlima è il nuovo marchio della Zibro, azienda abbastanza conosciuta nel settore degli elettrodomestici con le stufe a combustibile liquido, che per il raffrescamento estivo propone due linee di condizionatori portatili.

Pubblicato:
mercoledì 11 marzo 2015
 
 
Spazio trasparente.
Normalmente un condizionatore viene utilizzato per raffreddare o riscaldare un ambiente rispettivamente nel periodo estivo ed in quello invernale. Oltre a tali modalità, lo ricordiamo, c’è anche quella relativa alla deumidificazione di cui abbiamo parlato in altri articoli.

Pubblicato:
sabato 9 settembre 2017
 
 
Spazio trasparente.
Giorno 1 gennaio 2016 sono entrati in vigore due nuovi regolamenti che disciplinano il settore della ventilazione, ovvero il regolamento (UE) n. 1253/2014, che istituisce delle specifiche di progettazione e di eco compatibilità a cui attenersi, ed il regolamento delegato (UE) n. 1254/2014, che regolamenta l’etichettatura energetica.

Pubblicato:
mercoledì 3 febbraio 2016
 
 
Spazio trasparente.
Oltre alle funzione che di base troviamo in un climatizzatore d’aria: raffreddamento, riscaldamento, deumidificazione e ventilazione, ce n’è un’altra che è presente in quasi tutti i climatizzatori, la funzione notturna, conosciuta più comunemente con il nome “sleep”. La funzione è indicata da un tasto con il simbolo di una mezza luna o di stelle o entrambe, o la scritta sul tasto “sleep”.

Pubblicato:
martedì 18 settembre 2012
 
 
Spazio trasparente.
Una delle componenti più importanti del climatizzatore d’aria è il compressore, che ha la funzione di comprimere e mandare in circolo il gas refrigerante, consentendo il funzionamento del sistema aria condizionata.

Pubblicato:
sabato 6 aprile 2013
 
 
Spazio trasparente.
Per affrontare la calura estiva la De Longhi propone una varietà di condizionatori portatili con caratteristiche e potenza termica differenti in modo tale che con la sua gamma possa soddisfare diverse esigenze di raffrescamento. I modelli in commercio che andremo di seguito ad analizzare uno per uno, sono ben 9.

Pubblicato:
venerdì 6 febbraio 2015
 
 
Spazio trasparente.
Per i climatizzatori d’aria split, destinati al solo raffreddamento, l’energy label cambia volto a partire dall’1 gennaio del 2013. Il cambio dell’etichettatura è mosso dall’esigenza, da parte del legislatore, di mettere in evidenza i miglioramenti delle prestazioni, riferite al consumo energetico, al fine di rendere il consumatore consapevole delle differenze tra i vari prodotti in commercio, e conseguentemente, su tale spinta, ridurre il consumo globale di energia elettrica.

Pubblicato:
venerdì 9 novembre 2012
 
 
Spazio trasparente.
Il condizionatore come ben noto riesce a raffreddare, riscaldare (nel caso della pompa di calore), ventilare ed a deumidificare. Nello specifico ci riferiamo alle modalità di funzionamento cui può essere impostato, precisando che quando è impostato in raffreddamento allo stesso tempo deumidifica.

Pubblicato:
mercoledì 5 luglio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Dopo anni di onorato servizio, magari in pieno caldo quando la sua funzione è più che mai desiderata, il climatizzatore smette di funzionare. Eseguito qualche tentativo per rianimarlo, non c’è proprio niente da fare se non procedere alla sua sostituzione con un modello di nuova generazione.

Pubblicato:
giovedì 9 giugno 2011
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su