Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Qual è la causa del mancato riscaldamento del condizionatore nella mezza stagione.
 
In un'altra articolo abbiamo affrontato l’argomento inerente al limite di riscaldamento di un condizionatore durante il periodo invernale. In questa stesura ci occupiamo invece del suo limite nel mandare aria calda nella mezza stagione.

Per essere più precisi, per mezza stagione vogliamo intendere quel periodo dell’anno in cui la temperatura esterna inizia a salire, ma nelle abitazioni si continua ad avvertire freddo. Insomma quando si percepisce ancora quella differenza, quella escursione, tra fuori e dentro l’abitazione. Frequentemente succede che la fonte di riscaldamento principale in dette abitazioni, siano i termosifoni, che vengono spenti, facendo funzionare il condizionatore per superare questo periodo prima dell’arrivo delle temperature miti della primavera o del caldo dell’estate.

Possiamo però trovarci nella spiacevole condizione che il condizionatore, dopo averlo avviato, mandi pochissima aria calda oppure non ne mandi per niente fino anche bloccarsi completamente nel funzionamento. Cosa sta succedendo? Si è rotto? In effetti potrebbe essere, ma nello specifico andremo a descrivere il caso di limitazione tecnica, quindi non di guasto davanti al quale possiamo trovarci.

Per comprendere il perché non produca aria calda, bisogna partire dal concetto fondamentale che il condizionatore non ha la capacità di produrre aria calda o fredda, ma soltanto di veicolare il calore da un ambiente ad un altro, quindi in estate lo porta fuori, restituendo l’aria privata dal calore, quindi fresca, all’interno, mentre in inverno recupera il calore che c’è all’esterno e lo porta all’interno.

Tutto questo avviene grazie ad uno scambio termico tra la temperatura del gas refrigerante e quella dell’ambiente in cui si trova l’evaporatore, nel quale passa il gas. Per garantire detto scambio è necessario che ci sia una differenza tra le temperature, altrimenti questo non può avvenire.

In virtù di questo ogni condizionatore possiede una scheda tecnica, che è corredata da un insiemi di dati, tra i quali sono presenti quelli che indicano il limite di funzionamento dei due diversi regimi, freddo e caldo. Focalizzandoci su quest’ultimo, possiamo notare che in molti è indicato un limite massimo di temperatura intorno ai 18°C. Quindi se andassimo a far funzionare in modalità riscaldamento un condizionatore con tale limite, in presenza di una temperatura esterna di 18°C o 19°C, il risultato sarebbe quello del blocco del funzionamento. In termine tecnico si dice che il condizionatore è andato in blocco, frasi che sentiamo molto più spesso associata in presenza di temperature troppo fredde, ma che vale anche per questa condizione.

Giusto per capire di cosa stiamo parlando e a cosa bisogna portare attenzione in fase di acquisto, onde effettuare un acquisto il più consapevole possibile, riportiamo gli estratti delle schede tecniche di alcuni condizionatore. Lo facciamo solo a titolo di esempio, facendo presente che ogni modello ha la sua scheda, che al di là dell’appartenenza ad un marchio, può essere differente tra i diversi modelli.

Daikin serie FTXZ-N + RXZ-N:

Campo funzionamento condizionatore.

Possiamo notare che in riscaldamento funziona da -20°C ad un massimo di 18°C;

Daikin serie FTXJ-MW/S + RXJ-M:

Campo funzionamento condizionatore.

In questi modelli possiamo notare che si alza la temperatura minima -15°C, ma soprattutto quella massima a 20°C;

Mitsubishi serie MSZ-LN:

Campo funzionamento condizionatore.

In questa linea osserviamo come il limite di temperatura massima in riscaldamento è di 24°C;

Mitsubishi serie  MSZ-FH:

Campo funzionamento condizionatore.

Anche questa linea possiede il medesimo limite massimo di 24°C;

Hitachi serie RAK-PECI:

Campo funzionamento condizionatore.

In questa serie della Hitachi la temperatura massima di funzionamento in riscaldamento è di 21°C;

Hitachi serie RAK-RPB / RAK-PPA:

Campo funzionamento condizionatore.

Anche questa linea ha il limite massimo a 21°C.

Olimpia Splendid serie ARYAL iON:

Campo funzionamento condizionatore.

Anche in questo caso la temperatura massima di funzionamento è di 24°C, anche se nella tabella è indicata anche quella di 18°C. La differenza è legata alla diversa umidità dell’aria.

Per concludere, ribadiamo che ogni serie o modello può avere delle prestazioni diverse, pertanto è bene analizzarle singolarmente.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Come è risaputo un condizionatore d’aria fisso, quindi parliamo degli split da parete, anche se i concetti che andremo ad esprimere possono riguardare anche altre tipologie di impianti, espellono acqua durante il loro funzionamento. Tale condizione è del tutto normale e deve verificarsi in modo regolare, altrimenti ci può essere qualcosa che non funziona correttamente.
 
 
Spazio trasparente.


L’entrata in vigore della nuova energy label per l’etichettatura energetica dei climatizzatori, ha imposto il cambiamento di parecchi dei metodi, precedentemente utilizzati per valutarne i dati tecnici, ed anche l’obbligo di dichiarare altri dati tecnici precedentemente omessi.
 
 
Spazio trasparente.


Installare un climatizzatore in fai da te non è possibile a meno che non si possiedano attrezzature e competenze tecniche necessarie. L’opera di installazione di un climatizzatore, così in generale e in maniera superficiale consiste nel collegare l’unità interna a quella esterna. Non c’è necessità, come alcune volte si pensa, di dover immettere del gas nel circuito frigorifero in quanto è già di fabbrica caricato del gas necessario per il suo funzionamento.
 
 
Spazio trasparente.


Il gas R22 impiegato per i vecchi impianti di climatizzazione, come stabilito da una normativa europea è stato messo al bando già da alcuni anni, a causa della presenza di sostanze gassose lesive per l’ozono.
 
 
Spazio trasparente.


Un climatizzatore, nella forma tradizionale si compone di due unità, quella interna e quella esterna.
 
 
Spazio trasparente.


Premesso che ogni condizionatore ha una sua potenza termica e per capirci meglio per tale potenza si intende quella che comunemente è identificata con i btu/h, va detto che nello scegliere un impianto si può commettere un errore grossolano in riferimento a detta potenza.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su