Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Le possibili anomalie che possono provocare un blocco della lavastoviglie dopo il caricamento dell’acqua.
 
Un’anomalia che non di rado si verifica nel funzionamento della lavastoviglie è quella relativa al fermo del programma dopo la fase di carico dell’acqua di lavaggio. La prima parte del ciclo si svolge in modo regolare, ovvero viene attivata la pompa di scarico iniziale e poi segue il caricamento dell’acqua per alcuni minuti. A questo punto, quando normalmente dovremmo iniziare a sentire il motore pompare l’acqua nel circuito, la lavastoviglie si blocca e nei modelli elettronici i led iniziano a lampeggiare, indicandoci che siamo in presenza di un malfunzionamento.

Questa condizione può interessare due aspetti diversi della lavastoviglie, il primo inerente al circuito di carico e l’altro a quello di lavaggio, puoi approfondire i circuiti nell’articolo sulle fasi del lavaggio.

Nel primo caso i passaggi consistono, dopo lo scarico iniziale: nel caricamento dell’acqua, e nello specifico nel farne entrare, la quantità necessaria, per il lavaggio. Questa a seconda del modello può essere determinata da una turbina conta litri, e successivamente confermata dal pressostato, che rileva lo stato di pieno, in altri casi solo dal pressostato.

In ogni circostanza o sistema, il carico si conclude dopo pochi minuti e se tutto va a buon fine, viene mandato segnale al timer o alla scheda, che tutto è andato bene. Caso contrario, se uno dei componenti di cui abbiamo parlato, o componente del circuito interessato, non riesce ad adempiere al suo scopo, non viene mandata comunicazione positiva ed il timer o la scheda, di conseguenza comunicano l’errore e, per sicurezza, procedono con l’immediato scarico dell’acqua.

Il secondo caso, si presenta, nella prima fase, come il precedente, ma a differenza  dopo il carico, sentiamo un click o un ronzio, che possono essere seguiti dal lampeggio delle spie ed anche, ma non per forza, dallo scarico dell’acqua.

Stabilite in linea generale le due condizioni, ora andiamo ad analizzare i componenti che possono essere responsabili, del guasto nell’uno e nell’altro caso:

1) Turbina conta litri, pressostato, air-break, trappola dell’aria, scheda elettronica;
2) Elettropompa, condensatore di spunto, scheda elettronica.

Il primo punto va affrontato, in prima battuta da un immediato controllo della scheda elettronica, che in caso di rottura, presenta, fatto eccezione per quello volte in cui perde la programmazione, delle bruciature di qualche componente. Se la scheda, a vista, non presenta anomalie, passiamo al controllo della trappola dell’aria (329). A seguire dobbiamo controllare la turbina ed il pressostato per i quali, possiamo verificare se sono alimentati, e diciamo che in caso di difetto, se in presenza di macchine elettroniche i led di errore accesi ci dovrebbero indicare la componente su cui soffermarci. In caso contrario, dovremmo effettuare tutti i test, quindi verificare i parametri secondo le specifiche tecniche del componente, o procedere a tentativi, sostituendo prima uno poi l’altro pezzo.

Nel secondo punto, abbiamo detto in precedenza che potevamo aver sentito un click o un ronzio. Questa distinzione è molto importante, in quanto in presenza del primo è molto probabile che il responsabile del non avvio dell’elettropompa sia il condensatore di spunto. Attaccato al motore tramite due cavetti, solo su alcuni modelli, possiamo constatare la presenza di un piccolo cilindro solitamente di colore bianco, che, responsabile del suo avvio, può scoppiare o scaricarsi, impedendone quindi il funzionamento.

Nel caso in cui invece sentiamo un ronzio, significa che il motore è alimentato correttamente, ma non riesce a girare. Questo potrebbe accadere per un blocco della ventola interna, si può provare a smontarlo e liberarla da eventuali impedimenti, altrimenti bisogna procedere con la sostituzione del motore.

Infine, ma non sentiamo ne click ne ronzio, la responsabilità può ricadere sulla scheda elettronica, che possiamo controllare come descritto in precedenza.

Per accedere a tutta la componentistica è necessario smontare il o i pannelli laterali, o coricarla sul dietro, ed accedervi dal sotto della lavastoviglie.

Articolo aggiornato: venerdì 12 marzo 2021

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo già affrontato il tema dello scarico continuo della lavastoviglie in un altro articolo e riferendoci in quella stesura all’anomalia provocata da una perdita di acqua, che quando presente manda la macchina in allarme ed attiva la pompa di scarico.
 
 
Spazio trasparente.


Risultati assolutamente interessanti in termini di prestazioni sulle lavastoviglie, la Bosch li ottiene con le nuove lavastoviglie dotate del sistema Active Water abbinato all’impiego della zeolite.
 
 
Spazio trasparente.


Potrebbe capitare che la lavastoviglie, che ha sempre lavato in modo esemplare, ad un bel momento al termine del lavaggio non restituisca più piatti, bicchieri, posate, stoviglie e quant’altro ben pulite. Ovvero che non lavi più in modo efficace, come aveva fatto fino al precedente lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.


Quando si imposta un ciclo di lavaggio, a meno che non si possieda una lavastoviglie con il programma automatico, capace di adeguare la temperatura di lavaggio al tipo sporco, bisogna scegliere tra i cicli proposti, quello più appropriato per il tipo di sporco che abbiamo necessità di pulire.
 
 
Spazio trasparente.


Contrariamente alla lavatrice, che è presente in tutte le case, la lavastoviglie ha una presenza di gran lunga inferiore. Mentre la prima è divenuta oramai indispensabile, l’acquisto della lavastoviglie, alcune volte, viene sottovalutato, o meglio considerato come superfluo anche perché il suo utilizzo viene associato ad un consumo di energia elettrica da sommare a quello che già si ha con altri elettrodomestici.
 
 
Spazio trasparente.


Sebbene tutte le lavastoviglie abbiano lo stesso compito, ovvero lavare piatti, bicchiere e tutto il resto, ed in linea generale abbiano dei programmi di lavaggio che riprendono le medesime caratteristiche, tra di loro ci sono dei modelli dotati di programmi speciali.
 
 
Icona regione.
Marco da Ardea giorno 12/03/2021
Ho lo stesso problema, on, scarico, carico, si accende la resistenza intermittente, sembra comandata dal pressostato più che dal relè, ma non parte la pompa per il lavaggio. Manca il comando dc sul relè pressostato e cavi ok, turbina girando mi fa 0 ohm ...non ho più idee.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Marco, hai controllato se arriva la corrente alla pompa di lavaggio? Può non farla attivare la scheda.
Icona regione.
Claudio da Roma giorno 17/12/2020
Salve, la mia lavastoviglie scarica e carica l'acqua regolarmente e non da nessun segnale di errore anzi completa il ciclo ma non lava. Cioè non girano gli spruzzi ne effettua i lavaggi malgrado porti a termine il ciclo e riscalda l'acqua. Da cosa potrebbe dipendere.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Claudio, gli spruzzi internamente sono regolamentati dalla spinta della motopompa, quindi a meno che non ci siano ostruzioni agli stessi, l’acqua non viene spinta abbastanza.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su