Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Cosa determina la calcificazione e cosa comporta non eliminarla nella resa della macchina del caffè.

Per garantire nel tempo il massimo dell’efficienza della macchina del caffè  è fondamentale eseguire periodicamente, una delle operazioni più importanti per il suo funzionamento, la decalcificazione.

La periodicità con cui effettuarla può variare in base alla durezza dell’acqua che viene utilizzata, solitamente nella confezione delle macchine da caffè si trova un misuratore, che consente di valutarla. Ad ogni modo potremmo stabilire indicativamente, il limite nel numero di circa 200 caffè fatti. Chiaramente il valore potrebbe cambiare in base al fattore tempo e presenza di calcare nell’acqua. Infine il valore può essere preso come riferimento per le macchine che non segnalano la necessità della decalcificazione, altre invece hanno una spia che indica quando è necessario eseguirla.

La decalcificazione è un processo attraverso il quale si va a ridurre o ad eliminare la formazione di calcare all’interno del circuito della macchina. Difatti man mano che la si utilizza, a seconda della concentrazione di calcare nell’acqua che viene impiegata per fare il caffè, si verificano dei depositi di calcare, che influiscono negativamente sulla sua corretta lavorazione e sul risultato finale: il caffè.

Una delle condizioni che fa subito intendere che è necessario effettuare la decalcificazione è un caffè non particolarmente caldo.

In buona sostanza la decalcificazione consiste nel far scorrere attraverso il condotto idraulico acqua mista al decalcificante. Per azionare il procedimento, bisogna estrarre il contenitore dell’acqua, quello che normalmente riempiamo e dal quale viene prelevata l’acqua per fare il caffè, riempirlo di acqua ed aggiungere il decalcificante, ricordiamo che ogni macchina del caffe, riporta sul libretto di istruzioni, la quantità di acqua e di decalcificante da utilizzare. Una volta riempito bisogna metterlo in posizione ed, a seconda delle istruzioni della macchina, avviare il tasto decalcificazione o avviare il funzionamento del cappuccinatore. Il procedimento prevede che tutto il liquido passi attraverso il condotto dell’acqua, per uscire dal beccuccio citato.

Al termine del ciclo, bisogna estrarre nuovamente il contenitore, che questa volta deve essere riempito di acqua pulita e reinserito. Si effettua nuovamente l’operazione fatta in precedenza, fino all’erogazione di tutta l’acqua.

A questo punto, si può riempire per il contenitore per la terza volta, con l’acqua pulita e la macchina è pronta per fare il caffè.

Il procedimento descritto indica quello che avviene in linea generale, è da dire che in base al modello di macchina, tale processo può essere gestito mediante appositi comandi e spie che ne disciplinano i tempi, dando indicazione quando è terminato.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Antonello da Lamezia Terme giorno 01/04/2016
Se utilizzo acqua minerale evito che si formi calcare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buonasera Antonello, l'acqua minerale in linea di massima ha meno presenza di calcare e di magnesio, rispetto all’acqua del rubinetto, tuttavia è presente e con il tempo, magari impiega più tempo, ma il deposito di calcare si verifica ugualmente. Puoi usarla e può influire anche sul gusto del caffè, ma la decalcificazione devi sempre farla.

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo trattato in un articolo precedente, di come eseguire, in un forno ventilato, una verifica circa il funzionamento del motorino della ventola ed eventualmente in caso di rottura, come procedere alla sua sostituzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una tipologia di forno, non particolarmente diffusa in Italia ma, che merita assolutamente una particolare attenzione è quella con funzione pirolitica. Questo tipo di forno a dire il vero è molto diffuso in tutta Europa ed in particolar modo nel territorio francese, dove quasi tutti i forni venduti sono dotati di questa funzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La maggior parte dei forni da incasso o delle cucine libere da installazione sono dotate del forno elettrico. Ci sono però anche dei modelli di forno in entrambe le categorie, che possiedono il forno a gas.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Ogni fornello del piano di cottura della cucina è comandato da un pomello, che ne consente l’accensione e ne regola l’intensità della fiamma. Difatti ruotando tale manopola in senso antiorario la fiamma si abbassa, mentre girandolo in verso orario la fiamma si alza.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il piano di cottura è certamente un elemento essenziale ed indispensabile in ogni cucina componibile, può, a seconda dello spazio che destiniamo alla sua collocazione, essere di misure diverse.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sia che si tratti di una cucina libera da installazione o un piano cottura da incasso il funzionamento può avvenire sia con gas gpl che con gas metano. A seconda del modello, la fabbrica predispone la cottura con gas gpl o gas metano seguendo nella maggior parte dei casi una logica comune, che ci consente di capire solo guardando il prodotto se si tratta di un piano cottura gpl o metano o nel caso di una cucina non da incasso il tipo di gas a cui è predisposta.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea