Come fissare correttamente il tubo di scarico dell’aria calda del condizionatore portatile e perché non si può allungare.
 
Tutti i condizionatori portatili monoblocco hanno uno scarico, ovvero un foro,  che si trova nella parte posteriore della macchina, al quale è necessario inserire un tubo, fornito in dotazione nel momento dell’acquisto.

Il tubo ha la funzione di veicolare l’aria calda sottratta all’ambiente verso l’esterno, quindi non utilizzarlo comporterebbe una impossibilità di diminuire la temperatura ambiente, in quanto dal davanti avremmo l’immissione di un getto di aria fredda, mentre da dietro un flusso di aria bollente.

Fatta questa premessa, vediamo com’è strutturato e come fissarlo al meglio per non incorrere in malfunzionamenti del condizionatore e sfruttare il più possibile la sua efficienza.

Il tubo nelle due estremità ha gli innesti per poter essere fissato al monoblocco da una parte e di sistemarsi  tra i battenti della finestra o in modo fisso, con accessori a corredo, dall’altra parte.

La lunghezza può variare tra i differenti modelli di condizionatori, comunque mantiene una caratteristica che in ogni caso gli consente di allungarsi o accorciarsi, tutto compreso tra un minimo ed un massimo, ed allo stesso tempo di assumere una forma che gli consente di assumere una parabola per raggiungere il punto di fissaggio verso l’esterno.

Ogni tubo è in modo specifico studiato per l’apparecchio che lo monta, ed in modo particolare ci riferiamo alla lunghezza, la quale è calcolata in modo tale che la forza di ventilazione riesca a spingere l’aria calda fino all’esterno, quindi per essere dispersa e consentire che tale processo avvenga continuamente.

Per sfruttare al meglio le prestazioni del condizionatore è preferibile allungare il tubo solo per la lunghezza necessaria, quindi se non viene impiegata tutta, il defluire dell’aria è agevolato e l’efficienza di raffreddamento migliora. In buona sostanza sono da evitare allungamenti massimi del tubo se non strettamente necessari per raggiungere l’esterno e pertanto è meglio tenere il monoblocco un po’ più vicino alla finestra o al punto di uscita, che non allungare la massimo il tubo per averlo più verso il centro di una stanza, non al centro in quanto comunque il tubo non arriverebbe.

Allo stesso modo di come sia preferibile allungare il tubo solo per la distanza necessaria, non è consigliato, anche se esistono dei kit di allungamento, innestare delle prolunghe. L’effetto di una prolunga influisce sul rendimento, in quanto l’aria calda non riesce ad essere espulsa e rimanendo nel condotto tende a tornare indietro o comunque creare una barriera d’aria, che inficia la corretta espulsione, ricircolo, e resa del monoblocco.

Altro fattore molte importante nel posizionamento del tubo è la forma che gli si fa assumere, esso avendo un effetto a fisarmonica, può assumere una forma dritta o arcuata, in questo ultimo caso bisogna rimanere in una leggera curvatura, che solitamente si manifesta nel punto centrale, ma sono da evitare i colli d’oca, che provocano come per l’allungamento un rallentamento del flusso d’aria calda in uscita e un accumulo di vapore nel punto più basso del tubo, diminuendo la resa ed in taluni casi impedendone il funzionamento per surriscaldamento.

Articolo aggiornato: mercoledì 21 giugno 2017

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Oggi affrontiamo un argomento o meglio una domanda che tante persone si pongono quando devono climatizzare la loro casa. Prima di recarsi da un installatore tante persone nella loro mente concretizzano il pensiero che montando un climatizzatore nel corridoio possono riuscire a climatizzare tutto un appartamento; in realtà la cosa è molto differente dall’idea che ci siamo fatti.
 
 
Spazio trasparente.


Oltre alle anomalie di carattere generico che un po’ tutti i condizionatori fissi (split) dei diversi produttori possono manifestare, ci sono le anomalie o meglio dei difetti di funzionamento che sono tipiche di ogni condizionatore e che vengono indicati con dei codici che compaiono sul display del condizionatore o del telecomando.
 
 
Spazio trasparente.


Effettuando una ricerca o trovandosi davanti ad una esposizione di climatizzatori, non si può fare a meno di notare una varietà di prezzi con una differenza sostanziale tra prodotti con la stessa potenza termica.
 
 
Spazio trasparente.


Tre linee di condizionatori portatili dal design tutto italiano per la Argo, tre le linee con caratteristiche molto particolari e in alcuni casi uniche. La linea Extreme, la Dados e la Over.
 
 
Spazio trasparente.


Ci sono molti impianti di condizionamento più o meno recenti che sono di solo raffreddamento, installati logicamente per soddisfare questa specifica necessità, che però nell’arco del tempo è cambiata, necessitando anche del riscaldamento, e pertanto ci si trova nell’esigenza di avere un impianto capace di assolvere anche a questo compito.
 
 
Spazio trasparente.


Un aspetto molto importante nella scelta di un climatizzatore è l’analisi delle caratteristiche tecniche, della potenza, del consumo e di tutti quei dati che rendono un climatizzatore migliore rispetto ad un altro.
 
 
Spazio trasparente.


Il condizionatore portatile come quello fisso, si differenzia oltre che per le caratteristiche funzionali specifiche , che ogni singolo modello può vantare, per la capacità termica, ovvero, per dirla molto semplicemente, per la quantità di aria che riesce a mandare.
 
 
Spazio trasparente.


Per affrontare tempestivamente le ondate di calore, la soluzione immediata è il climatizzatore portatile. Diversamente dal fisso non ha bisogno di installazione, e può essere spostato da un ambiante ad un atro, grazie alle comode rotelle poste sotto il mobile.
 
 
Spazio trasparente.


L’installazione di un climatizzatore, vagliate le condizioni tecniche necessarie per una corretta messa in opera, necessita nei casi in cui si abiti in un condominio o in una condizione di vicinato, del rispetto di alcune leggi e regolamenti che ne disciplinano le condizioni per l’installazione.
 
 
Icona regione.
Pietro da Prato giorno 21/06/2017
Salve, ho acquistato un climatizzatore portatile De Longhi PAC CN94 da utilizzare per il clima di una stanza (soggiorno + angolo cottura) di circa 25mq. Le mie domande sono queste. Nella stanza ho le famose griglie di sfiato che sono di 120 mm, una si trova oltre i 120 cm e l'altra sotto i 30 cm. Posso usare il foro sotto i 30 cm con un riduttore di diametro da 130 a 120 mm ? Ci possono essere conseguenze rilevanti sul rendimento della macchina oppure sul suo funzionamento tali da danneggiarla? La soluzione alternativa sarebbe fare uscire l'aria calda dalla porta finestra. Ma li il tubo in dotazione sarebbe posto sul pavimento e necessariamente sotto i 30 cm minimi suggeriti da manuale. E' applicabile quest'ultima soluzione? Ne esistono altre ? Grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buonasera Pietro, ritengo che la riduzione sia tale da non implicare nessun problema in termini di efficienza e danneggiamenti, procedi.
Icona regione.
Matteo da Vicenza giorno 25/09/2015
Buongiorno, ho un condizionatore con tubo di scarico all'esterno ma vorrei usarlo come riscaldamento o come deumidificatore. Devo per forza collegare il tubo di scarico dell'aria calda verso l'esterno o posso non metterlo e scaricare dentro casa? Questo perché vivo in un piccolo ambiente, rischio di rimanere senza ossigeno? Se usato in maniera oculata 1 o 2 ore al giorno per deumidificare posso farlo senza tubo di scarico installato? Vi prego di rispondermi dato che sarebbe molto importante. Per ora sto usando un piccolo deumidificatore che chiaramente non ha tubo di scarico, questi apparecchi mangiano l'ossigeno come potrebbe essere una stufa elettrica oppure no?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Matteo, il tubo di scarico serve per eliminare l’aria calda ed a seconda del modello l’umidità, alcuni portatili la raccolgono in una tanica, in questo caso per deumidificare non dovresti farlo, al contrario, che è nella stragrande maggioranza dei casi, se non metti il tubo fuori l’umidità la butta dentro, quindi non deumidifichi nulla. La funzione di riscaldamento c’è l’hanno in pochi, il tuo che marca e modello è? Il riscaldamento in alcuni modelli avviene con resistenza elettrica, quindi come se fosse una stufa in quel caso il tubo fuori non serve. Considera che a temperature intorno ai 16/18°C i portatili non deumidificano, quindi è meglio un deumidificatore, che ha pure dei limiti ma più bassi. L’ossigeno si consuma se avviene una combustione e con essi non avviene.

Icona regione.

Grazie per la pronta risposta, il mio condizionatore è un nordton (electrolux) EXP09HN1WL, ha sia condizionatore, deumidificatore e riscaldamento. Quindi mi state dicendo che posso usarlo all'interno del mio monolocale come riscaldamento/deumidificatore senza collegare il tubo di scarico dell'aria calda all'esterno?

Icona elettro-domestici.com

No, ti stavo dicendo che alcuni modelli per deumidificare hanno una tanica per la raccolta e non necessitano dell’impiego del tubo, ma sono in pochissimi; per riscaldare c’è sempre necessità di una comunicazione con l’esterno se siamo in presenza della pompa di calore, altrimenti se ha la resistenza elettrica non ha bisogno del tubo, ma non è più un condizionatore ma una stufa elettrica con la forma del portatile. Detto questo, non ho trovato il libretto e non conosco il modello nello specifico altrimenti ti avrei detto direttamente se si o no, controllo se ha una vaschetta per la raccolta di acqua e provalo in sola deumidificazione. Allo stesso modo provalo in riscaldamento e nota se esce aria da due parti, davanti calda e dietro fredda, se esce solo davanti calda significa che ha una resistenza e non ci vuole il tubo.

Icona regione.
Piero da Lugano giorno 24/07/2015
Salve, ho acquistato un climatizzatore portatile e vorrei posizionarlo al centro dell'appartamento, ma non ho finestre in questa zona. Ho però due bagni con bocchetta di aspirazione condominiale in funzione ad una potenza costante durante le 24h. La bocchetta ha diametro di 10 cm e regge il peso di una busta di carta di 30 grammi (quindi 0.38 grammi a cm2). Stavo pensando di allungare leggermente il tubo in dotazione (da 150 a 250 cm) per arrivare alla bocchetta di aspirazione, che si trova a 225 cm di altezza. Da quanto ho letto in questo sito, non dovrei superare i 120 cm di altezza dal suolo, ma, tenuto conto che avrei un effetto di aspirazione, posso collegarmi a questa uscita senza rischiare di danneggiare il climatizzatore? Ovviamente dovrei trovare una soluzione per collegare il tubo che è di 14 cm di diametro alla bocchetta che è di 10 cm. Ultima domanda: con una temperatura di circa 30° C e una potenza refrigerante di 12'000 BTU, quale potrebbe essere la temperatura di uscita dell'aria fredda? Io misuro circa 16° C: è normale?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Piero, un tubo troppo in alto può rallentare notevolmente l’espulsione dell’aria calda, certo se l’aria viene aspirata il deflusso è agevolato, ma sinceramente non so dirti come si comporterà il condizionatore. Prova e facci sapere il risultato finale. La temperatura in uscita dipende molto da quella in entrata, può essere normale 16 °C.
Icona regione.
Quaroni da Caprino Bergamasco giorno 10/07/2015
Vi chiedo per favore indicazioni per come e dove reperire il tubo estensibile del diametro di 7 cm, per il condizionatore portatile grazie e cordialità.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Quaroni, ti consiglio di dare un’occhiata a questa pagina di Amazon, ci sono kit completi oppure c’è il HQ W3-65022 accessorio per la casa, che è adattabile.
Icona regione.
Giovanni da Forlì giorno 09/07/2015
Salve, ho appena comprato un modello di condizionatore portatile nel quale libretto viene riportato che l'installazione a muro/finestra del tubo deve stare da terra da un minimo di 30 cm ad un massimo di 120 cm. Io dovrei posizionare questo tubo ad un altezza maggiore di 120 siccome la mia finestrella rimane molto alta rispetto la macchina; a quali problemi andrei incontro superando l'altezza consigliata dal costruttore? Considerando che da manuale dice che posso sia scolare condensa tramite un'uscita forzata (collegando un pezzo di gomma ove andrà a scaricare in un recipiente), oppure lasciare quest'uscita chiusa dal proprio tappino e la macchina condenserà in automatico tramite scarico...io ovviamente ho optato per la prima perché mi sembra che così la macchina lavora meglio.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giovanni, l’indicazione di tali misure è atta ad acconsentire un adeguato smaltimento dell’aria calda e soprattutto della condensa, che nel tuo caso stai optando per drenarla tramite il tubicino, ottimo. Un percorso troppo alto tuttavia potrebbe, ma minimamente ed impercettibilmente, a meno che non metti prolunghe, rallentare l’uscita dell’aria o addirittura non consentirne una uscita in termini di quantità giusta, facendo rimanere aria calda all’interno e compromettendo il funzionamento generale.
Icona regione.
Roberto da Prato giorno 10/05/2015
Salve, ho intenzione di acquistare un climatizzatore portatile della De Longhi il modello è il PAC WE128ECO SILENT perché devo spostarlo da una cameretta di circa 12 mq ad una stanza di circa 25mq, installare 2 condizionatori fissi sarebbe troppo dispendioso quindi ho optato per questa soluzione. La mia domanda è questa, nella cameretta devo praticare un foro al muro, tenendo conto del diametro del tubo in dotazione che è di 130 mm che foro devo praticare nel muro tenendo anche conto che il tubo si restringe in una specie di attacco? Il climatizzatore in questione che optional fornisce per un'installazione a muro? Nella stanza più grande ho le famose griglie di sfiato che sono di 120 mm come mi collego a questa griglia?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Roberto, i condizionatori portatili della De Longhi, sono dotati di un tubo del del diametro di 130 mm, di una flangia per allaccio al muro, una ventosa per sostegno sul vetro ed una bocchetta che si collega al tubo nella parte finale che termina stringendo per il fissaggio alla finestra. Il foro che devi praticare al muro è di 134 mm, all’interno del quale si inserisce la flangia ed il tubo a sua volta al suo interno. Per i fori da 120 mm non vengono forniti in dotazione raccordi, tuttavia puoi trovare dei raccordi in ferramenta, che si usano per altri scopi, ma sono adattabili.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su
Chiudi
Amazon Music Unlimited