Spazio trasparente.
 
Condizionatore portatile, perché la potenza termica in Kw non corrisponde ai btu/h e perché è importante capirlo per la scelta migliore.
 
Foto articolo.
Il condizionatore portatile come quello fisso,  si differenzia oltre che per le caratteristiche funzionali specifiche , che ogni singolo modello può vantare, per la capacità termica, ovvero, per dirla molto semplicemente, per la quantità di aria che riesce a erogare.

Tale capacità termica è indicata in Kw, la normativa che regolamenta l’energy label prevede questa unità di misura, anche se, più comunemente l’unità di misura  che restituisce immediatamente l’idea della potenza sono i btu/h.

Quindi se leggiamo l’energy label troviamo la potenza indicata in Kw, ma se prendiamo visione dei dati tecnici riportati sui cataloghi, sui siti ufficiali dei diversi produttori o dei rivenditori, troviamo accanto alla potenza in Kw quella in Btu/h.  Allo stesso modo in un negozio fisico nella maggior parte dei casi si fa riferimento ai btu/h ed anche sui prodotti, molte volte, si possono trovare degli adesivi che evidenziano i btu/h. Ricordiamo che per legge sul prodotto deve essere apposta l’energy label.

Fino qui niente di nuovo, se non fosse che da una attenta analisi dei modelli in commercio di molti produttori di condizionatori portatili, il confronto delle due potenze restituisce una dato differente. A tal proposito riportiamo un esempio, di un modello ripreso da un catalogo, dove è dichiarata come capacità nominale  la potenza di 2,85 Kw mentre per si parla di 12000 btu/h. Snocciolando 3,412 btu/h corrispondono ad 1 watt e 1000 watt sono 1 kw. Pertanto effettuando il passaggio abbiamo 12000 btu/h che divisi per 3,412 restituiscono  3516 watt, a loro volta divisi per 1000  otteniamo la potenza termica convertita in 3,5 kw, che non equivale al dato indicato di 2,85 Kw.

Ora effettuando il calcolo al contrario, partendo dalla potenza termica di 2,85 Kw per verificare i btu/h, avremo 2,85 per 1000 otteniamo 2850 watt e sapendo che 1 watt è uguale a 3,412 btu/h, dallo sviluppo dei due dati otteniamo una potenza termica di 9724 bth/h.
Ci troviamo pertanto difronte a due potenze diverse per lo stesso portatile e, si capisce bene, come questo dato, se non correttamente valutato possa essere fuorviante nello scegliere, in base ad un dimensionamento calcolato su un specifico ambiente, il condizionatore più adatto alle esigenze del caso.

Dal nostro punto di vista la potenza che bisogna tenere in considerazione è quella dichiarata in Kw termici sull’energy label, anche perché è lo strumento che il legislatore ha creato per consentire una valutazione dei dati riportati e calcolati secondo uno stesso metodo.

La presenza dei due dati è difatti riferita a due condizioni differenti, infatti la potenza in Kw si basa sul metodo di calcolo riportato nella normativa EN14511, mentre la potenza in btu/h è riferita alle prestazioni massime del gas refrigerante, che si verificano con una temperatura di 35°C ed una umidità relativa dell’80%.

Abbiamo riscontrato queste differenze nei condizionatori della De Longhi, Argo, Olimpia Splendid, differentemente per Qlima il dato è esatto mentre per Trotec è arrotondato quasi sempre per eccesso alla cifra tonda più vicina, ad esempio un 8871 btu/h è dichiarato 9000 btu/h.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Effettuando una ricerca o trovandosi davanti ad una esposizione di climatizzatori, non si può fare a meno di notare una varietà di prezzi con una differenza sostanziale tra prodotti con la stessa potenza termica.

Pubblicato:
mercoledì 27 aprile 2011
 
 
Spazio trasparente.
Quando il caldo è torrido e ci troviamo in presenza di una percentuale di umidità particolarmente elevata, abbiamo il desiderio di rinfrescare l’ambiente nel quale ci troviamo il più velocemente possibile.

Pubblicato:
mercoledì 16 marzo 2011
 
 
Spazio trasparente.
Una linea di climatizzatori compatti, poco invasivi ed un design bello da vedere. Sono ideali per creare, sia per esigenze familiari o professionali, il microclima ottimale nel rispetto dei bassi consumi energetici.

Pubblicato:
sabato 18 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Il condizionatore come ben noto riesce a raffreddare, riscaldare (nel caso della pompa di calore), ventilare ed a deumidificare. Nello specifico ci riferiamo alle modalità di funzionamento cui può essere impostato, precisando che quando è impostato in raffreddamento allo stesso tempo deumidifica.

Pubblicato:
mercoledì 5 luglio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Il condizionatore portatile è quasi sempre impiegato nella stagione estiva per sconfiggere la calura, difatti nasce principalmente per tale scopo e nella stragrande maggioranza i modelli sono dotati della funzione di raffreddamento, ventilazione e di deumidificazione.

Pubblicato:
giovedì 22 ottobre 2015
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo già parlato di anomalie di carattere generale che i diversi impianti di condizionatori fissi dei differenti produttori possono manifestare, ma nello specifico di ogni produttore ed addirittura in alcuni casi differenziandosi per modello, ci sono dei codici specifici per ognuno di loro, che vengono restituiti sul display o sul telecomando per comunicarne il difetto.

Pubblicato:
venerdì 19 giugno 2015
 
 
Spazio trasparente.
Tre linee di condizionatori portatili dal design tutto italiano per la Argo, tre le linee con caratteristiche molto particolari e in alcuni casi uniche. La linea Extreme, la Dados e la Over.

Pubblicato:
giovedì 12 febbraio 2015
 
 
Spazio trasparente.
In linea generale il dimensionamento di un impianto di climatizzazione consiste nell’identificare la potenza termica di cui necessita l’ambiente, in cui deve essere installato, per essere climatizzato.

Pubblicato:
giovedì 29 agosto 2013
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo, già, in altri articoli affrontato l’argomento, stabilendo dei parametri utili per la determinazione della potenza termica, di un climatizzatore, necessaria al raffreddamento ed al riscaldamento di un ambienteò.

Pubblicato:
martedì 2 aprile 2013
 
 
Spazio trasparente.
Cambia il panorama dell’etichettatura energetica dei climatizzatori d’aria e diversamente da quanto avveniva con la vecchia, che uniformava tutti i climatizzatori in modo indistinto senza considerare la tecnologia, la nuova normativa, che entra in vigore giorno 1 gennaio del 2013, distingue le diverse tecnologie.

Pubblicato:
venerdì 9 novembre 2012
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su