Spazio trasparente.
 
Quali sono e come scegliere tra le diverse tipologie di cappe per cucina, in funzione della dimensione, della portata ed altro.
 
Foto articolo.
La cappa è un elemento fondamentale in ogni cucina. Il suo impiego consente, con il riciclo dell’aria di eliminare i cattivi odori ed i fumi generati durante la cottura, evitando anche la formazione di umidità, nociva per i mobili della stessa cucina, ma in generale per tutto l’ambiente e la casa.

Prima di analizzare i criteri più importanti, per la scelta della cappa, vediamo in grandi linee, quali sono le diverse tipologie per dimensione e forma presenti sul mercato:

1) La cappa con tubo di aspirazione a vista, che è utilizzata nella maggior parte dei casi. È formata dalla zona di aspirazione, che solitamente ha le sembianze di un camino nella forma più tradizionale, anche se può variare a forme più lineari e squadrata o a forme completamente innovative e moderne, e dal tubo di aspirazione, a forma di colonna squadrata. A seconda della posizione che occupa questa tipologia di cappa si divide in:

a) modello a parete, è quello che si fissa su una parete lineare;
b) modello ad angolo, viene solitamente impiegato in cucine di piccole dimensioni per recuperare lo spazio nell’angolo, o comunque per dare una forma specifica alla cucina, si fissa nell’angolo tra le pareti adiacenti;
c) modello ad isola, sospeso sopra il piano cottura della cucina, è fissato al soffitto in una zona centrale della stanza.

Queste tipologie di cappe vengono anche definite cappe da arredo, considerata la loro totale visibilità, accentuata dalla sempre maggiore attenzione datagli dai produttori, che nel delinearne forme particolari, utilizzando diversi colori ed impiegando materiali disparati, volti ad esprimere un impatto visivo sempre più gradevole ed armonioso nell’insieme, le rendono oggetti di vero arredamento.

2) Cappe ad incasso, si presentano con una forma lineare, che si inserisce nel mobile della cucina. Il tubo di aspirazione viene posizionato all’interno del mobile. A seconda della struttura e dell’accostamento distinguiamo le cappe da incasso in:

a) incasso parziale, quando la cappa si installa appena sotto il mobile. In questa tipologia possiamo ulteriormente distinguere i modelli con frontalino estraibile e quelle estraibili. Quelle con il frontalino, sono composte da una parte fissa e da un’altra, che grazie ad un carrello, che scorre su delle guide, può essere estratta aumentando la superficie di aspirazione. Quelle estraibili, sono dotate di un meccanismo di apertura del frontale.
b) incasso totale, quando la cappa è installata all’interno del mobile sovrastante il piano di cottura e rimane al suo interno.

La scelta della cappa ideale passa attraverso il primo aspetto da considerare, ovvero lo spazio a disposizione per il suo posizionamento. Una volta valutato, possiamo stabilire la sua dimensione, che deve necessariamente essere, almeno, della stessa larghezza del piano di cottura da servire, quindi una misura compresa tra i 60 cm ed i 120 cm.

Seconda considerazione è la capacità di aspirazione in metri cubi orari nell’arco di 1 ora, tale portata infatti deve essere adeguata sia al volume dell’ambiente, che alla mole di cottura.

Per garantire una areazione ottimale, bisogna considera una portata d’aria pari al volume della stanza moltiplicato per 5 ( ricambio d’aria necessario), così ad esempio, se abbiamo una cucina di 4 mt per 6 mt ed un’altezza di 3 mt, dobbiamo orientarci su una cappa con una capacità di 4X6X3X5= 360 m3/h. Allo stesso tempo bisogna considerare quanto si cucina, così possiamo stabilire che si cucina spesso e magari per molte persone, bisogna orientarsi su una portata d’aria maggiore di 500 m3/h.

La scelta di una cappa leggermente sovradimensionata rispetto all’ambiente può essere utile, in quanto consente di utilizzarla a velocità ridotta e ridurre l’emissione di rumore.

La rumorosità deve essere compresa in un valore che va dai 50 ai 70 dba, solitamente, sui cataloghi, in base alla normativa, viene indicata la velocità di ventilazione massima.

Altro parametro da considerare è la velocità di ventilazione, che deve essere variabile, per consentire di utilizzare in base alle necessità di cottura una adeguata aspirazione.

Mediamente tutte le cappe hanno tre velocità, in alcuni quattro ed in altri si aggiunge la funzione “booster” che effettua un’azione intensiva di eliminazione di fumi e di odori.

Infine per quanto riguarda il consumo energetico, bisogna valutare due dati, entrambi indicati sulla scheda tecnica, ovvero l’assorbimento elettrico del motore e dell’illuminazione, su quest’ultimo incide la tecnologia della lampadine utilizzate, che possono essere alogene, al neon o a led. Tra tutte, quelle a led consumano di meno, si parla approssimativamente di 3 watt per lampadina, contro i 15/20 watt di alogena e neon.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Nei piani di cottura dotati di accensione elettronica, oramai lo sono quasi tutti, potrebbe capitare che ad un bel momento uno di essi o più di uno, non si accendano più. Magari sentiamo il ticchettio dell’accensione ma il fornello non si accende.

Pubblicato:
giovedì 3 gennaio 2019
 
 
Spazio trasparente.
L’azione del vapore è da sempre sfruttata in diversi ambienti di applicazione, cha vanno dall’igiene ed il benessere della persona, alla produzione di energia elettrica nelle centrali a vapore, all’impiego sugli elettrodomestici..

Pubblicato:
sabato 7 maggio 2011
 
 
Spazio trasparente.
Nell’impiego di un forno elettrico ad un bel momento può succedere che quello che prepariamo si brucia. Indipendentemente dai cibi e rispettando l’impostazione della temperatura ed il tempo di cottura, troviamo i cibi bruciati.

Pubblicato:
giovedì 20 settembre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo già parlato del piano di cottura ad induzione in un precedente articolo, nel quale ci abbiamo approfondito gli aspetti legati al suo funzionamento ed alle caratteristiche tecniche generali o specifiche.

Pubblicato:
lunedì 2 gennaio 2017
 
 
Spazio trasparente.
La termocoppia della cucina, oramai obbligatoria su tutti i piani di cottura di qualsiasi tipologia, ha la funzione di bloccare la fuoriuscita del gas in caso di spegnimento accidentale del fornello.

Pubblicato:
venerdì 9 settembre 2016
 
 
Spazio trasparente.
La maggior parte dei forni da incasso o delle cucine libere da installazione sono dotate del forno elettrico. Ci sono però anche dei modelli di forno in entrambe le categorie, che possiedono il forno a gas.

Pubblicato:
mercoledì 16 gennaio 2019
 
 
Spazio trasparente.
Il piano di cottura è certamente un elemento essenziale ed indispensabile in ogni cucina componibile, può, a seconda dello spazio che destiniamo alla sua collocazione, essere di misure diverse.

Pubblicato:
lunedì 23 aprile 2012
 
 
Spazio trasparente.
Di libera installazione o da incasso tutta la cottura può funzionare sia con gas gpl, che con gas metano. A seconda del modello, la fabbrica predispone la cottura con gas gpl o gas metano, seguendo nella maggior parte dei casi una logica comune.

Pubblicato:
mercoledì 15 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Per mantenere in buono stato di funzionamento la cappa della cucina, sia essa un modello aspirante o filtrante, è necessario tenere i filtri sempre efficienti. La loro efficacia, chiaramente, dipende dal loro stato di pulizia.

Pubblicato:
mercoledì 30 gennaio 2019
 
 
Spazio trasparente.
Una condizione davanti alla quale possiamo trovarci nell’utilizzo del piano di cottura, è quella di riscontrare improvvisamente che uno o più pomelli, che gestiscono l’accensione dei fornelli, si è bloccato.

Pubblicato:
lunedì 27 marzo 2017
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenze lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su