Spazio trasparente.
 
Come recuperare le tubazioni impiegate per un climatizzatore ad R22 passando all’installazione di uno nuovo a gas R410A.
 
Foto articolo.
Il gas R22 impiegato per i vecchi impianti di climatizzazione, come stabilito da una normativa europea è stato messo al bando già da alcuni anni, a causa della presenza di sostanze gassose lesive per l’ozono.

Per i fluidi vergini a partire dal 1 gennaio del 2010 e per quelli recuperati dal 2014, devono essere utilizzati al loro posto dei gas non dannosi. In buona sostanza il gas R22 non è più presente sul mercato, se non di tipo recuperato, ma il costo elevato e la scarsità della sua presenza, impongono per operare su vecchi impianti di climatizzazione, con soluzioni alternative al suo impiego.

Ci possiamo trovare pertanto nella condizione in cui il vecchio climatizzatore ha subito una perdita di gas, a questo punto possiamo percorrere due strade: l’immissione di nuovo gas refrigerante nel circuito o la sostituzione del climatizzatore. In entrambi i casi abbiamo una problematica da affrontare.

Nel primo la non reperibilità di gas R22, che ci obbliga all’impiego di gas alternativi denominati Retrofit, ovvero una miscela di diversi gas, che sostituita al vecchio refrigerante dovrebbe garantire il funzionamento dell’impianto.

In realtà l’impiego dei refrigeranti Retrofit, su impianti che erano stati progettati per altri tipi di gas, possono creare dei problemi o comunque generare dei difetti. Possiamo assistere infatti ad un calo di resa, un aumento del consumo energetico causato da una maggiore sollecitazione del lavoro del motore ed una maggiore rumorosità.

Nella seconda ipotesi i residui di cloro e di oli minerali che sedimentano nella tubazione, sono dannosi per un nuovo impianto di climatizzazione con gas R410 A ed inoltre lo spessore ed il diametro della tubazione può non essere uguale a quella del nuovo impianto. In questi casi prima di procedere alla sostituzione, bisogna operare un’attenta operazione di bonifica, pena un deterioramento dell’olio causato dalla presenza del cloro e dal forte calore che si genera durante il funzionamento, con conseguente rottura del climatizzatore.

Per questa seconda ipotesi, c’è un’altra soluzione che riteniamo sia molto vantaggiosa da più punti di vista, che vediamo dopo, quella dell’installazione di un climatizzatore della Mitsubishi Electric dotato della Replace Technology, una tecnologia che permette il riutilizzo delle tubazioni esistenti, anche con differente spessore, senza effettuare nessuna opera di bonifica.

Il tutto è possibile grazie a due particolarità, ovvero l’impiego di olio alchilbenzenico, estremamente stabile e che previene il deterioramento causato dalla presenza del cloro, e l’utilizzo di motori ad alte prestazioni, che sopprimono la formazione del calore e conseguentemente evitano il deterioramento dell’olio, le due cause, che come abbiamo visto precedentemente, sono i motivi che rendono necessaria la bonifica.

Ritornando ai vantaggi, è palese che vengono aboliti i costi della bonifica e quelli per le nuove tubazioni, ed in più si riduce fortemente la spesa per la manodopera, che diminuisce sensibilmente grazie all’eliminazione di tutte le opere murarie necessaria all’eliminazione ed all’incasso delle nuove tubature.

Articolo aggiornato: lunedì 7 maggio 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
L’utilizzo del climatizzatore sta diventando sempre più indispensabile per affrontare la stagione estiva, caratterizzata da temperature molto torride ed umide. Nelle mezze stagioni può essere impiegato per stemperare gli ambienti o anche impiegato, come fonte di riscaldamento principale in inverno in sostituzione di altre fonti di calore più classiche come i termosifoni ed altro.

Pubblicato:
martedì 21 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Un condizionatore d’aria in pompa di calore è dotato di diverse modalità di funzionamento, che gli consento di poter essere impiegato in circostanze e condizioni ambientali differenti. Nella maggior parte dei modelli troviamo quattro modalità: raffreddamento, riscaldamento, deumidificazione e ventilazione, tutte funzioni di cui abbiamo ampiamente parlato in altri articoli.

Pubblicato:
domenica 10 settembre 2017
 
 
Spazio trasparente.
La tecnologia consente continuamente di apportare dei miglioramenti ai prodotti e proporre delle soluzioni sempre più versatili e meglio adattabili a condizioni specifiche. Il mondo della climatizzazione è anch’esso interessato da moltissime innovazioni, che a dire il vero contraddistinguono in senso positivo le aziende migliori e più qualificate che ci sono sul mercato.

Pubblicato:
lunedì 16 aprile 2012
 
 
Spazio trasparente.
Un solo condizionatore portatile per l’Ariston, nello specifico un monoblocco con una estetica molto gradevole, caratterizzata da linee arrotondate e una colorazione bianca con una fascia ondulata e frontale di colore silver che lo rende particolarmente elegante.

Pubblicato:
giovedì 26 marzo 2015
 
 
Spazio trasparente.
Con l’entrata in vigore del nuovo regolamento delegato (ue) n. 626/2011, sulla catalogazione energetica dei climatizzatori d’aria, cambia il metodo di calcolo delle prestazioni dei climatizzatori d’aria reversibili (fatta eccezione per quelli a singolo e doppio condotto) e solo raffreddamento e solo riscaldamento.

Pubblicato:
venerdì 10 maggio 2013
 
 
Spazio trasparente.
In questo articolo cerchiamo di tracciare tutte le fasi che si susseguono durante il funzionamento del climatizzatore in funzione di riscaldamento. La successione di avvenimenti che andiamo a descrive non deve necessariamente seguire in tutti i casi la stessa sequenza, in quanto questa può variare tra i vari modelli ed in base alle condizioni climatiche.

Pubblicato:
lunedì 13 febbraio 2012
 
 
Spazio trasparente.
Per contrastare l’elevata concentrazione di umidità in un ambiente domestico, si può utilizzare un deumidificatore, che nasce in modo specifico per questo scopo, o un climatizzatore d’aria, che oltre a deumidificare riesce a rinfrescare o a riscaldare il locale.

Pubblicato:
venerdì 1 marzo 2013
 
 
Spazio trasparente.
Nella fase di installazione di un climatizzatore c’è da valutare molto attentamente dove viene posizionata l’unità esterna, ci si sofferma il più delle volte a valutare la migliore posizione per lo split, ma ci si interessa poco di cosa avviene fuori.

Pubblicato:
domenica 29 aprile 2012
 
 
Spazio trasparente.
L’entrata in vigore della nuova energy label per l’etichettatura energetica dei climatizzatori, ha imposto il cambiamento di parecchi dei metodi, precedentemente utilizzati per valutarne i dati tecnici, ed anche l’obbligo di dichiarare altri dati tecnici precedentemente omessi.

Pubblicato:
martedì 11 giugno 2013
 
 
Spazio trasparente.
Il gas R22 impiegato per i vecchi impianti di climatizzazione, come stabilito da una normativa europea è stato messo al bando già da alcuni anni, a causa della presenza di sostanze gassose lesive per l’ozono.

Pubblicato:
lunedì 8 aprile 2013
 
 
commenti:
Icona regione.
Maurizio da Catanzaro giorno 07/05/2018
Buongiorno, vorrei chiedere se cambiando tipo di refrigerante al mio condizionatore devo anche cambiare l'unità esterna, mi spiego climatizzatore attuale con gas 407 sto passando al 410 posso tenere solo l'unità esterna. Cavi collegamenti elettrici e cosi via tutto nuovo.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Maurizio, ti rimando alla lettura dell'articolo specifico all'argomento.

 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su