Quali sono i passaggi necessari per non incorrere in contravvenzioni della legge e dei regolamenti condominiali per l’impianto di un climatizzatore.
 
L’installazione di un climatizzatore, vagliate le condizioni tecniche necessarie per una corretta messa in opera, necessita nei casi in cui si abiti in un condominio o in una condizione di vicinato, del rispetto di alcune leggi e regolamenti che ne disciplinano le condizioni per l’installazione.

In questo articolo analizziamo due condizioni diverse, ovvero l’installazione per chi abita in un condominio e quelle di chi abita in una singola casa di proprietà, quindi non soggetta ai regolamenti condominiali.

Nel primo caso i limiti che a cui si va incontro sono fondamentalmente due, il primo che riguarda le parti comuni dell’edificio ed il secondo il disturbo della quiete a causa del rumore emesso dall’unità esterna del climatizzatore.

L’articolo 1117 del codice civile stabilisce come parti comuni dell’edificio, quindi di proprietà di tutti i condomini, il suolo su cui sorge l’edificio, le fondazioni, i muri maestri, i tetti e i lastrici solari, le scale ed altro, ed in generale tutte le parti dell’edificio necessarie all’uso comune. Pertanto nessun opera può essere praticata sulle proprietà comuni senza avere il permesso dei condomini.

L’articolo 1120 del codice civile stabilisce che i condomini in maggioranza, criteri stabiliti secondo il quinto comma dell’articolo 1136 del codice civile, possono disporre al miglioramento o ad un uso più comodo del bene comune, evitando quelle innovazioni che possono recare pregiudizio alla stabilità dell’edificio e che ne alterino il decoro architettonico e che ne rendano talune parti comuni inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino.

A tal proposito la Corte di Cassazione civile sezione 2, con sentenza del 16 gennaio 2007, n. 851, ha stabilito per la tutela dell’art. 1120 c.c., che per decoro architettonico “deve intendersi l'estetica data dall'insieme delle linee e delle strutture che connotano lo stabile stesso e gli imprimono una determinata, armonica fisionomia, e che quindi contribuiscono a conferirgli una specifica identità”.

La sentenza continua precisando che se viene rilevata tale lesione, indipendentemente dalla visibilità della stessa in base alla posizione o alla volontà di parte dei condomini di mantenerla, sancita da eventuali maggioranze assembleari, essendo secondo l’art. 1120 il decoro architettonico del fabbricato incondizionato, anche un solo condomino può esprimere il proprio dissenso e agire per il ripristino delle caratteristiche originarie del fabbricato.

In buona sostanza per concludere, l’installazione in un condominio di un climatizzatore d’aria con l’unità esterna, si considera illegittima quando alteri il decoro dell’edificio e non praticabile se il regolamento condominiale vieta la modifica dell’aspetto architettonico dell’edifico.

Per contro la sentenza n. 1038 del 16/08/2011 del Giudice di Pace di Grosseto, stabilisce che le nuove invenzioni hanno modificato il comune senso dell’estetica e del decoro, pertanto le antenne televisive sui tetti, le parabole satellitari sporgenti, gli impianti di climatizzazione non vengono più percepiti come causa di deturpazione estetica, conseguentemente non sussiste un danno al decoro dell’immobile condominiale.

Ancora l’ordinanza 20 ottobre 2011, n. 847, (09/11/2011)TAR Puglia, sez. III, stabilisce che, ne riportiamo un estratto, il posizionamento di condizionatori all’esterno dell’edificio pur potendo comportare una alterazione della sagoma dell’edificio e da ritenersi opera minore e sostanzialmente libera.

Nel caso in cui l’installazione deve essere effettuata presso uno stabile di cui si è unici proprietari, non c’è il problema del decoro architettonico, fatta eccezione per i limiti imposti a livello comunale per zone storiche o altro, si incorre però, così come può capitare in condominio, al problema del rumore. Difatti il beneficio tratto per rinfrescare l’aria o riscaldarla, può causare dei fastidi ai vicini a causa del rumore emesso dall’unità esterna durante il suo funzionamento.

Diciamo subito che non esiste un diritto al silenzio assoluto, ma è chiaro che il rumore emesso da apparecchi fissi e mobili deve essere tale da non generare fastidio ai vicini. In particolare il D.P.C.M. 1 4 novembre 1997 sulla determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore, ne stabilisce i criteri.

Sono considerate sei classificazioni del territorio comunale in riferimento alla loro conformazione, e nello specifico abbiamo:

CLASSE I – sono le aree più protette dove il silenzio è l’elemento di base, come aree ospedaliere, scolastiche, di riposo e di svago, aree residenziali rurali, aree di particolare interesse urbanistico, parchi pubblici, ecc.

CLASSE II – destinate ad un uso residenziale con maggiore prevalenza, caratterizzate da un traffico veicolare locale, con bassa densità di popolazione, senza attività industriali ed artigianali e con poche attività commerciali.
 
CLASSE III – sono aree miste, con traffico veicolare locale e di attraversamento, mediamente popolate, con attività commerciali, con uffici, poche attività artigiane  e prive di attività industriali. Aree rurali dove si impiegano macchine operatrici.
 
CLASSE IV - aree con alta attività umana, aree urbane con intenso traffico veicolare, con alta densità di popolazione, con elevata presenza di attività commerciali e di uffici, con attività artigianali; le aree in prossimità di strade di grande comunicazione e di linee ferroviarie; le aree portuali, le aree con limitata presenza di piccole industrie.

CLASSE V – sono quelle prevalentemente industriali con scarsi insediamenti abitativi.
 
CLASSE VI – sono aree esclusivamente industriali prive di insediamenti abitativi.

In relazioni a queste classi ci sono delle tabelle del rumore che ne stabiliscono i livelli massimi. Le tabelle sono tre e si riferiscono la prima all’emissione del rumore, la seconda all’immissione e la terza ai valori di qualità. La prima, sulla quale ci soffermeremo, si riferisce al rumore emesso da un singolo apparecchio, la seconda al rumore complessivamente immesso da un insieme di sorgenti, la terza è la differenza tra il rumore residuo e quello di una sorgente di rumore.

Per quanto riguarda il caso specifico del rumore emesso da un climatizzatore d’aria, la tabelle che ci interessa è quella dell’emissione del rumore, che stabilisce il criterio per il quale i rilevamenti e le verifiche devono essere effettuati in corrispondenza degli spazi utilizzati dalle persone e dalla comunità.

Classi di destinazione di destinazione d'uso del territorio
Tempi di riferimento
Diurno
(06.00-22.00)
Notturno
(22.00-06.00)
I aree particolarmente protette
45
35
II aree prevalentemente residenziali
50
40
III aree di tipo misto
55
45
IV aree di intensa attività umana
60
50
V aree prevalentemente industriali
65
55
VI aree esclusivamente industriali
65
65

Inoltre bisogna considerare che il limite di tollerabilità del rumore non è assoluto ma deve essere valutato da contesto a contesto, nel senso che la condizione di rumore non ripetuto, quindi discontinuo sia per orari che per periodi può essere ulteriore oggetto di valutazione.

Articolo aggiornato: venerdì 4 agosto 2017

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Ogni ambiente, in base al suo carico termico, a parità di metri cubi, può necessitare per essere raffreddato o riscaldato di un climatizzatore con diversa potenza. Calcolarla, se non si possiede la minima preparazione in merito ai carichi termici ed a tutti i fattori che possono determinare un carico di calore maggiore o minore, diventa impossibile.
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo già avuto modo di conoscere la Trotec, per l’ampia ed efficiente gamma di deumidificatori, in questo articolo invece affrontiamo l’argomento condizionamento ed in particolare ci addentriamo alla scoperta dei condizionatori portatili di questo marchio tedesco.
 
 
Spazio trasparente.


La scelta di un climatizzatore non è sempre particolarmente facile, ci si perde in una vastità di modelli con caratteristiche tecniche diverse, che ci disorientano. Tralasciando le diverse caratteristiche, analizziamo una tipologia di climatizzatore che sul mercato riscontra una considerevole curiosità, il dual split, trial split, o in generale il multi split.
 
 
Spazio trasparente.


La scelta del climatizzatore passa attraverso una serie di considerazioni, che vanno dalla marca, alle funzioni particolari di cui possono essere dotati, alla classe di consumo, al prezzo ed a tanti altri fattori tutti di grande importanza. Tra questi ce n’è uno che viene considerato, ma in tanti casi la sua valutazione è effettuata in modo un po’ generico, stiamo parlando della potenza termica.
 
 
Spazio trasparente.


L’utilizzo del climatizzatore sta diventando sempre più indispensabile per affrontare la stagione estiva, caratterizzata da temperature molto torride ed umide. Nelle mezze stagioni può essere impiegato per stemperare gli ambienti o anche impiegato, come fonte di riscaldamento principale in inverno in sostituzione di altre fonti di calore più classiche come i termosifoni ed altro.
 
 
Spazio trasparente.


Un condizionatore d’aria in pompa di calore è dotato di diverse modalità di funzionamento, che gli consento di poter essere impiegato in circostanze e condizioni ambientali differenti. Nella maggior parte dei modelli troviamo quattro modalità: raffreddamento, riscaldamento, deumidificazione e ventilazione, tutte funzioni di cui abbiamo ampiamente parlato in altri articoli.
 
 
Spazio trasparente.


La tecnologia consente continuamente di apportare dei miglioramenti ai prodotti e proporre delle soluzioni sempre più versatili e meglio adattabili a condizioni specifiche. Il mondo della climatizzazione è anch’esso interessato da moltissime innovazioni, che a dire il vero contraddistinguono in senso positivo le aziende migliori e più qualificate che ci sono sul mercato.
 
 
Spazio trasparente.


Un solo condizionatore portatile per l’Ariston, nello specifico un monoblocco con una estetica molto gradevole, caratterizzata da linee arrotondate e una colorazione bianca con una fascia ondulata e frontale di colore silver che lo rende particolarmente elegante.
 
 
Spazio trasparente.


Con l’entrata in vigore del nuovo regolamento delegato (ue) n. 626/2011, sulla catalogazione energetica dei climatizzatori d’aria, cambia il metodo di calcolo delle prestazioni dei climatizzatori d’aria reversibili (fatta eccezione per quelli a singolo e doppio condotto) e solo raffreddamento e solo riscaldamento.
 
 
Icona regione.
Patrizia da Lecco giorno 04/08/2017
Buonasera, ho recentemente ristrutturato un appartamento disabitato da almeno 10 anni. Sopra il tetto, circa 10 anni fa il proprietario di una mansarda, senza autorizzazione del condominio, ha fatto installare il motore del condizionatore, peraltro il regolamento condominiale vieta l'installazione temporanea o definitiva di alcun oggetto negli spazi comuni. Tale motore provoca rumore che si sente in tutto il mio appartamento. Ho contattato l'amministratore il quale mi dice che essendo trascorsi 10 anni si tratta di un diritto acquisito. È possibile? Nessuno si sarebbe mai potuto lamentare del rumore essendo disabitato l'appartamento. Cosa ne pensa?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Patrizia, non essendo un avvocato, non posso risponderti in termini di legge precisi, quindi ti invito a rivolgerti ad un legale. Personalmente penso che il diritto non sia acquisito in quanto ci voleva il consento per iscritto di tutti i condomini, poi anche se fosse altra cosa è il rumore, che non può essere un diritto acquisito, la legge in questi termini stabilisce un limite, che non può essere superato.
Icona regione.
Diego da Roma giorno 16/09/2016
Buongiorno, ho comprato un appartamento in uno stabile anni '30 con facciata in stile. Vorrei installare all'interno del mio appartamento un condizionatore con unità esterna, da inserire però all'interno in un apposito soppalco costruito nell'appartamento utilizzando lo spazio del soffitto e parte della finestra per l'areazione. Vi chiedo quali dimensioni possano essere sufficienti per areare correttamente l'unità (probabilmente un trial) e soprattutto quali modelli di climatizzatori adatti a questa particolare funzione consigliereste. Grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Diego, non ci sono impianti particolarmente adatti a questa condizione, ogni motore ha necessità di essere in un posto areato, che consenta lo smaltimento dell’aria in generale ed in particolare di quella calda in estate, non ci devono essere impedimenti e bisogna evitare che ci siano polveri e depositi che possono confluire nel motore.
Icona regione.
Federico da Milano giorno 03/08/2016
Buongiorno, Ho comprato un appartamento a Milano in uno stabile anni '30 con facciata in stile. Vorrei installare all'interno del mio appartamento un condizionatore senza unità esterna, che richiederebbe quindi solo due fori del diametro di circa 20 cm in facciata. I due fori andrebbero effettuati sulla facciata che da su strada, che è l'unica esposizione del mio appartamento, ed ovviamente sarebbero coperti da griglie dello stesso colore del muro. Premetto che al momento sulla facciata del mio condominio non sono presenti (o almeno da me visibili) altri fori di qualsiasi tipologia, ma nel condominio di fianco, identico in tutto e per tutto ma con amministratore diverso, ne sono presenti diversi, quindi da un punto di vista di regolamento comunale non ci sarebbero problemi. Può l'amministratore in questo caso impedirmi di effettuare questi due fori? Grazie
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Federico, considerato che nel palazzo accanto sono installati, immagino che non ci sia nessun vincolo, quindi credo che non dovresti avere impedimenti. Essendo comunque materia molto delicata consiglio sempre di rivolgersi all’amministratore e poi ad un legale, se necessita.
Icona regione.
Alessandro da Bastia Umbra giorno 27/07/2016
Salve, ho deciso di installare il condizionatore in casa ma ho dei dubbi sul posizionamento del motore. Vivo in un piccolo condominio, al piano terra e l'appartamento ha giardino indipendente in 3 lati. Vorrei posizionare il motore nella parte di giardino che da' sul retro, quindi non visibile da nessuno (ho una siepe di pini). il regolamento condominiale non prevede vincoli o particolari limiti a riguardo. Posso posizionare il motore ad altezza 1,90 circa invece di posizionarlo soprelevato di 10 cm dal marciapiede? Piazzarlo sopra al marciapiede mi toglierebbe spazio rendendo inutile il piccolo marciapiede che circonda la casa. Nel mio condominio nessuno ha il condizionatore. L'amministratore mi ha risposto: non ci sono regole scritte, ma se lo appende è esteticamente brutto e può creare problemi ai vicini.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Alessandro, tecnicamente puoi installarlo sia in basso che in alto, non ci sono problemi nel funzionamento. Visto che il giardino è di tua proprietà e lo monti sul retro, non credo che avrai problemi con i condomini.
Icona regione.
Giorgio da Zoppola giorno 09/06/2016
Buonasera, vorrei installare la macchina esterna del condizionatore in un muro, che da sul giardino dei vicini con una cesta. Abitiamo al primo piano di una bifamiliare sopra e sotto che fa parte di un super condominio. Ad oggi non c'è nessun regolamento condominiale, ci si parla e si cerca di usare il buon senso, con lo spazio aereo dovrei essere apposto, ma potrebbe rompere le scatole per altro, tipo la sicurezza? Visto che sporge sul suo giardino? C'è una distanza minima da rispettare dal suo soffitto alla macchina esterna?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giorgio, la macchina esterna non deve essere di disturbo o intralcio agli altri condomini, se fissata non crea problemi di sicurezza, poi è chiaro che necessita di controlli per verificarne la tenuta, inoltre devi considerare che lo scolo della condensa deve essere condotto in modo tale che non goccioli nel giardino. I limiti di distanza sono dettati dall’ art. 907 del c.c, dove si parla di 3 metri.
Icona regione.
Massimo da Firenze giorno 25/02/2016
Salve, ho installato un motore per l’aria condizionata nel mio terrazzo, accanto non ho nessuno, il motore non sporge fuori, ma oggi mi ha mandato una email il mio amministratore che un condomino ha fatto presente che ho istallato il macchinario e mi ha avvisato che il motore non può essere messo. Devo rispettare la distanza delle finestre dei vicini ma io accanto non ho nessuno, mi devo preoccupare? Ho notato che nel palazzo accanto che fa parte sempre nel nostro condominio ha il motore fuori, come faccio a sapere se sono in regola. A chi mi posso rivolgere? Sono nel comune di Firenze non centro storico. Strada chiusa senza uscita e accanto dove abito passa un raccordo di superstrada (FI-PI-LI) grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Massimo, ritengo che sei nel giusto non avendo né leso la cosa comune, né dando fastidio in termini di rumore. Ti consiglio di rivolgerti ad un legale o alla tutela dei consumatori.
Icona regione.
Pasquale da Lecce giorno 22/10/2015
Salve, mi scuso in anticipo se la mia domanda ha avuto già una risposta in questo forum, preciso che ho sfogliato per un po’ e credo di essere il primo a porre questa domanda. Dunque, ho un appartamento a pian terreno, confinante con due abitazioni, sia a destra che a sinistra. Dovrò predisporre diversi condizionatori all'interno della mia abitazione. Tenendo presente che le unità esterne verranno tutte convogliate sul mio terrazzo, a debita distanza dai vicini per evitare rumori, mi chiedevo se gli split interni potessero essere installati sui muri di confine, in comune con i vicini. Questo dubbio mi sorge per lo scarico della condensa, che dovrebbe scendere dallo split in tubo pvc sottotraccia (5cm) per poi essere convogliato in un tubo montante per la raccolta della condensa di tutti gli split. Fatto salvo che tutto il lavoro sia fatto a regola d'arte, con punti di ispezione e quant'altro, è un problema installare lo split in se per se, con le relative discese di condensa, sul muro di confine in comune?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Pasquale, direi che è alquanto problematico sia per lo scarico della condensa ma anche per la tubatura, difatti dallo split escono i tubi del gas, quello elettrico e quello della condensa, per poi passare all’esterno ed essere collegati al motore. Ora se il muro è in comune significa che al di là dello stesso non c’è il vuoto ma un’altra abitazione, quindi i tubi come escono? Potresti solo portare i tubi internamente a questo muro e farli uscire in corrispondenza del terrazzo dove ai posizionato il motore. Si potrebbe fare, sicuramente è un lavoro più impegnativo e costoso, ma se c’è la giusta pendenza può andare. Ad ogni modo è necessaria una valutazione sul posto, ti consiglio di affidarti ad un installatore professionista, saprà di certo come muoversi.
Icona regione.
Sergio da Roma giorno 21/10/2015
È legittimo installare un condizionatore con unità esterna posta in una chiostrina interna di circa 4 metri x 4 metri che fa praticamente da cassa armonica amplificando enormemente il rumore?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Sergio, ci sono dei limiti al rumore, sono indicati sopra, se va oltre non è consentito.
Icona regione.
Ernesto da Roma giorno 20/10/2015
Abito al 1piano di un condominio e dalla parte box ( lato interno rampa garage) sono installati sui muri del fabbricato numerosi condizionatori del retro dei negozi sottostanti che da qualche tempo facilitano l'accesso di ladri agli appartamenti soprattutto dei primi piani, solamente nel mese di agosto/settembre ce ne sono stati più di uno. Mi chiedo se possibile far eliminare e/o spostare tali apparecchiature e come fare per ottenerlo.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ernesto, da un punto di vista regolamentare il clima deve essere installato in modo tale che garantisca il decoro architettonico, garantisca l’uso della cosa comune, garantisca la sicurezza, in tutti i sensi. Ritengo che se installato troppo in basso e quindi in una posizione tale da permettere a qualcuno di aggrapparvisi, in un certo qual modo già lede l’uso comune, poi la sicurezza. Devi parlare con l’amministratore di condominio e chiedere di farli alzare di qualche metro.
Icona regione.
Enzo da Polignano a Mare giorno 15/09/2015
Voglio installare delle bocchette di aria condizionata nei bagni ma il mio installatore dice che è proibito e pericoloso. Cosa dice la legge e cosa mi consiglia.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Enzo, cosa intendi per bocchette, degli split o le bocchette di un canalizzato? La legge non vieta di installare un condizionatore in un bagno, di solito non si fa, e si tende a riscaldarlo con un termoventilatore elettrico, però puoi farlo. Pericoloso non lo è neanche.
Icona regione.
Francesco da Lamezia Terme giorno 08/09/2015
Buonasera, ho un negozio di scarpe a pianterreno, ho installato i motori dei condizionatori nel retro del mio negozio vicino a delle finestre dove ho tolto i vetri per la fuoriuscita dell'aria ma ora c'è il proprietario dell'appartamento di sopra che fa dei problemi dicendo che i motori gli mandano l'aria calda dentro casa. Faccio presente che il mio locale non fa parte dei condomini e che i motori sono stati installati dentro il mio deposito e non fuori l'atrio per non danneggiare i locatori superiori. Come mi devo comportare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Francesco, installare un condizionatore in una proprietà non condominiale come indicato, è assolutamente lecito a meno che non ci siano vincoli comunali, delle belle arti ed altro, ma non è il tuo caso. Chiaramente vanno rispettati alcuni vincoli per quanto riguarda l’emissione di rumore, che mi pare non essere chiamato in discussione, e l’emissione di calore. In entrambi i casi è necessaria una perizia tecnica che dimostri l'emissione di rumori e fonti di calore (art 844 del c.c.) . Ancora deve essere rispettato un limite di distanza di 3 metri secondo l’art. 907 del c.c. Detto questo non abbiamo comunque una risposta certa, nel senso che tutto è relativo alle verifiche del caso. A mio avviso da quello che intuisco è difficile che il calore da come sono posizionati gli arrivi dentro casa, il calore tende ad andare verso l’alto e certamente non fa una curva per entrare in una finestra o balcone, certo è invece che sul balcone se ne può arrivare.
Icona regione.
Patrizia da Lecco giorno 10/08/2015
Buongiorno, ho un negozio di proprietà a piano terra. Al 1° piano abita un proprietario che mi permette di installare l'aria condizionata più pompa di calore con unità esterna al 2° piano l'altro proprietario non è d'accordo per il rumore dell'apparecchio esterno. Secondo voi si può installare l'aria condizionata? All'interno del negozio si muore di caldo, non si respira. I clienti si lamentano del troppo caldo!!!
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Patrizia, dipende dal rumore prodotto dall’apparecchio esterno, deve stare nei limiti indicati sopra nella tabella.
Icona regione.
Carlo da Roma giorno 06/08/2015
Buongiorno, abito in una palazzina condominiale, e da qualche tempo il condomino del piano di sopra ha installato il motore del condizionatore sopra la mia camera da letto, molto rumoroso, specialmente la notte, cosa devo fare per farglielo spostare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Carlo, devi verificare se il rumore supera la soglia consentita per legge, sopra puoi leggere in tabella i dati.
Icona regione.
Silvia da Milano giorno 24/07/2015
Buongiorno! Abito in una casa di corte con una facciata che dà verso la strada e l'altra, appunto, dentro la corte. Sui due fianchi ci sono altri edifici non abitati (rustici/garage) più bassi. Vorrei installare un climatizzatore nella camera da letto. Tempo fa mi ero informata mi hanno detto che il motore esterno può essere installato solo sul lato che dà sul cortile, in quanto sulla strada è vietato. Mi confermate che è così? Potrei installare l'unità esterna (previa, ovviamente, fattibilità fisica dei lavori) su uno dei muri ai lati che affacciano sui suddetti rustici? Grazie!
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Silvia, per questo devi verificare se ci sono dei limiti ambientali e delle belle arti al comune.
Icona regione.
Francesco da Bergamo giorno 23/07/2015
Buongiorno, sono proprietario di un appartamento nel sottotetto non coibentato di una palazzina storica vincolata dalle belle arti, vorrei installare un condizionatore posizionandolo sul tetto in quanto in facciata è da escludere a priori che mi venga concesso e purtroppo questa sarebbe l'unica alternativa, non ci sono balconi, cortili o quant'altro. Non esiste un'assemblea di condominio ne amministratore in quanto la proprietà è divisa soltanto tra 3 persone. Più che chiedere agli altri proprietari pensavo non fosse necessario altro. Purtroppo, temo per squisita cattiveria, mi è stato risposto che assolutamente non mi sarei dovuto permettere e che avrei dovuto avere pazienza come tutti che il caldo finisse.. cit. dato che il sottotetto, esposto a sud, raggiunge regolarmente i 40 gradi non so come comportarmi è in mio diritto insistere o procedere senza domandare altro? grazie mille
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Francesco, l’art. 1102 del c.c. stabilisce il diritto all’uso della cosa comune, senza richiederne autorizzazione, purché non ne alteri la destinazione e permette ad altri di farne parimenti uso. Ci troviamo però davanti ad una condizione per la quale l’uso del sottotetto, con l’inserimento di un motore, potrebbe, arrecare danno a causa di un suo eccessivo riscaldamento. Diciamo che se trovi il pignolo puoi incorrere in seccature. Basterebbe un po’ di buon senso ed altruismo.
Icona regione.
Federico da Anonimo giorno 20/07/2015
Buonasera, ho un negozio in un palazzo condominiale dove ho installato un condizionatore interno nella stanza del bagno con l'uscita dell'aria nella chiostrina dell'ascensore. Nella chiostrina però ci sono anche le finestre di altri condomini che si sono lamentati dell'aria calda che fuoriesce asserendo anche che, nell'aria stessa, c'è della polvere tossica. Dopo la dovuta premessa, ho due domande: è vero che l'aria espulsa dal condizionatore contiene polvere tossica? Dato che il condizionatore è installato internamente (e in realtà è quasi invisibile a parte la ventola che è sulla finestra, ma comunque non esterna) il condominio potrebbe valersi in qualche modo per farmelo rimuovere?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Federico, il condizionatore non espelle nessun tipo di polvere tantomeno tossica, si tratta solo di aria calda, poi se in questo spazio c’è polvere o altre sostanze queste possono volare per effetto della ventilazione. La chiostrina è uno spazio comune che non può essere alterato in nessun modo. Ad ogni modo considerata la delicatezza della situazione il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un legale.
Icona regione.
Lucio da Firenze giorno 10/07/2015
Ciao, abito in un appartamento a piano terra (con giardino privato di mia proprietà) di un condominio. Ho intenzione di installare dei condizionatori, posizionandoli a terra nel mio giardino e non visibili dall'esterno in quanto di fronte c'è un muro che copre la visuale dalla strada. L'amministratore dice che non dovrebbero esserci problemi, in quanto sulla mia proprietà e non visibili dall'esterno. Che problemi potrei avere con il condomino che abita sopra di me, a parte l'eventuale discorso del rumore?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Lucio, solo quello del rumore nient’altro.
Icona regione.
Massimo da Portoferraio - Isola d'Elba giorno 06/07/2015
Buongiorno, abito in un condominio di villette a schiera. Un mio vicino ha installato il motore di un condizionatore sul suo terrazzo a circa tre metri dalla mia finestra di camera. In condizioni "normali", di giorno ci sono 35 decibel di rumore di sottofondo, così come di notte. Quando accende il condizionatore, nella mia camera ci sono circa 40 decibel. Sulla soglia della finestra da 48 a 51. (Misurate con applicazione per iPad). Se ben ricordo, il rumore prodotto, in notturna, non dovrebbe superare oltre i 3 decibel il rumore di fondo. Oltretutto si sente un ronzio anche nelle altre stanze e rende le notti insonni anche a finestre chiuse, come dovrei comportarmi? grazie anticipato per la risposta.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Massimo, l’art. 4, comma 2 del DPCM 14/11/97 stabilisce che il rumore emesso si può considerare trascurabile se di giorno è al di sotto dei 50 dB(A) e di notte al di sotto dei 40 dB(A), misurato con finestre aperte. Mentre con le finestre chiuse tali limite è fissato rispettivamente in 35 dB(A) e 25 dB(A).
Icona regione.
Nadia da Civitavecchia giorno 29/06/2015
Abito in un primo piano con alcuni vani che si affacciano sul cortile interno condominiale. Ci sono 2 condizionatori a terra enormi che producono rumore e calore. Ora vedremo i limiti. Sopra al 1° piano ne hanno messi altri 2 enormi con lo scolo della acque giù nel cortile che mi risulta sempre bagnato per via dell'acqua che cade e fa anche rumore. Poiché il palazzo ha 5 piani cosa succede se tutti posizionano motori lì dentro. Ho pensiero che potrebbe diventare un forno crematorio, quasi. Come mi posso tutelare? È giusto che lo scolo dell'acqua venga giù?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Nadia, da come descrivi mi pare che siano stati installati non tenendo inconsiderazione il bene comune, nel senso che il rumore deve stare entro certi limiti ed anche lo scolo, sebbene vada giù, deve essere fatto in modo tale da essere raccordato ad un scarico e non a bagnare tutto il cortile. Inizia a parlare con i condomini e con l’amministratore di condominio.
Icona regione.
Carmela da Chiaravalle giorno 19/06/2015
Salve, abito sul corso e la macelleria che sta sotto casa mia, da circa otto anni ha istallato un estrattore rumoroso che gli serve per raffreddare l'ambiente in cui ha le celle frigorifere!!! Le abbiamo chiesto diverse volte di venirci incontro e di accenderli solo negli orari di apertura del negozio, ma ovviamente con scarsi risultati, visto che inizialmente ci accontenta e poi ricomincia a non rispettare gli orari!! Vorrei sapere se questo estrattore deve tenerlo per forza, da premettere che oltre a lavorare nel retro bottega loro ci mangiano.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Carmela, sicuramente ha bisogno dell’estrattore per lavorare ma ritengo ci siano delle norme specifiche, che non conosco, che regolamentano il settore e sicuramente c’è un vincolo per quanto riguarda il disturbo sonoro, quindi l’apparecchio dovrebbe stare entro quei limiti. Chiaramente in questi casi è opportuno rivolgersi ad un legale, anche perché a parole la questione si rivolge solo momentaneamente.
Icona regione.
Monica da Anonimo giorno 02/06/2015
Sono proprietaria di un appartamento al piano rialzato con ingresso indipendente affacciato su porzione di giardino condominiale a mio uso esclusivo. Diversi anni fa ho installato la macchina esterna del condizionatore posizionandola sul fianco perimetrale esterno del mio terrazzo che si affaccia interamente sulla porzione di giardino suddetta. Ora mi è stato chiesto di rimuovere la macchina perché istallata senza delibera del condominio. Cosa devo fare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Monica, come puoi leggere nell’articolo ci sono delle sentenze e delle ordinanze che sono dalla tua parte, quindi puoi studiarle e portarle a tua difesa. Il consiglio ultimo è comunque quello di rivolgerti ad un legale esperto della materia.
Icona regione.
Giovanna da Ferrara giorno 21/01/2015
Un vicino ha istallato macchina condizionatore su suo muro che si affaccia nel mio cortile, senza aver chiesto autorizzazione, e effettuando scolo in un tombino di mia proprietà, cortesemente mi indica norme che regolano accaduto.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giovanna, intanto se il tombino è di tua proprietà è una violazione bella e buona, l’installazione è sul suo muro, quindi legittima, l’importante e che non sia rumoroso oltre la soglia di legge riportata in tabella. In questi casi è necessario o risolvere in via bonaria o non c’è altra strada che rivolgersi ad un legale.
Icona regione.
Giorgio da Conegliano giorno 08/01/2015
Un negozio al piano terra ha posto l’unità esterna del clima sotto il terrazzo del mio appartamento al piano sopra. Vorrei che lo abbassasse di 2 mt per ridurre i rumori di ventola e vibrazioni, visto che c'è lo spazio e non da fastidio a nessuno. Cosa posso fare? So già che è impossibile parlarne: non lo farebbe perché se ne frega; perché così sfrutta il mio terrazzo come riparo naturale; e poi non fa mai nessuna manutenzione.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giorgio, l’unico modo è quello di parlare con l’interessato o se riscontri che non rispetti le norma parlarne con il condominio o un legale.
Icona regione.
Antonio da Cassola giorno 31/12/2014
Sotto la camera hanno installato un climatizzatore industriale in un vano scale esterno. Tutto il rumore anche di valvole pneumatiche e l'aria entrano nell’appartamento anche d'inverno. Non si può dormire. L'amministratore dice che devo rivolgermi ad un avvocato. Il proprietario aveva fatto richiesta per l'installazione di un semplice climatizzatore.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Antonio, se non rientra nei limiti di legge e mi sembra che non rientri, o viene rimosso in via bonaria o è chiaro che ti devi rivolgere, o dovrebbe occuparsene il condominio ad un legale.
Icona regione.
Alfio da Bergamo giorno 01/12/2014
Salve, l’ hanno scorso ho istallato un sistema di climatizzazione ma la vicina che mi abita di sopra dice che sente delle vibrazioni nella camera da letto causata dal motore esterno. Faccio presente che l’impianto e marca Daikin quindi sono tra i più silenziosi. Come mi devo comportare se vi sono altri reclami. Inoltre diverse volte ho fatto intervenire l’installatore che non ha riscontrato nessuna rumorosità.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Alfio, il problema è che se la vicina dice una cosa e tu ne riscontri un’altra nasce un diverbio, che se non si risolve in via bonaria può passare ad altre vie, in quel caso è poi, se del caso, una terza parte, un perito, a valutare rumore o altro.

Icona regione.

Grazie del consiglio, se devo contattare un perito per stabilire i se i clima sono rumorosi a chi mi devo rivolgere, qual è la persona competente che possa rilasciare una documentazione.

Icona elettro-domestici.com

In questa fase conviene che, in base al modello, verifichi sulla scheda tecnica i dati del rumore emesso dall'unità esterna e se questa rientra nei limiti di legge, poi verifica con attenzione quando è in funzione se avverti delle vibrazioni, se non piazzato bene sulle staffe può generare più rumore di quanto dovrebbe. Se è tutto nella norma cerca di spiegarlo alla tua vicina sperando che capisca. Il riferimento al perito è una condizione che si può verificare in una controversia giudiziaria, quindi un persona esterna alle parti, averno uno proprio non serve.

Icona regione.
Davide da Cisliano giorno 26/11/2014
Buongiorno, ho un problema con il mio vicino di casa (villette a schiera e non condominio) che dice che il motore del mio condizionatore e l'aria da fastidio in quanto è rivolto verso la sua proprietà e mi ha mandato una raccomandata chiedendomi di toglierlo. A questo punto vorrei capire se ci sono delle distanze di legge anche per le villette.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Davide, a mio avviso se sei nella tua proprietà l’unico fattore che può essere oggetto di contestazione è il rumore, ci sono dei limiti da rispettare. Come sempre invito a consultarsi con un legale e saremmo lieti che ci raccontassi come si sviluppa la vicenda così che possa essere di aiuto a chi si trova in una medesima situazione.
Icona regione.
Edoardo da Mestre giorno 01/11/2014
Buongiorno, ho appena acquistato un appartamento sopra ad un negozio. L'intero stabile è composto solamente da queste due unità. Nella parte posteriore del negozio, sopra la porta sul retro dello stesso il proprietario ha attaccato pochi anni fa il motore del condizionatore che finisce per più di metà della sua altezza sul mio piano (dove ho il terrazzo), tanto che all'altezza della ringhiera del mio terrazzo ho la parte alta del motore. Nonostante le staffe siano fissate appena sopra la sua porta, posso farlo spostare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Edoardo, credo che puoi tranquillamente chiedergli di spostarlo, non di toglierlo, in quanto l’articolo 1102 del c.c. stabilisce l’uso della cosa comune purché non ne alteri la destinazione e permette ad altri di farne parimenti uso, nel tuo caso mi pare che a te un po’ impedisca. Chiederei in via bonaria di spostarlo, poi il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un legale esperto in materia.
Icona regione.
Silvio da Milano giorno 22/10/2014
Salve, mia moglie ha acquistato nel mese di aprile 2014 un negozio facente parte di uno stabile con due appartamenti ed un cortile con giardino sul retro. Su quest'ultimo si affaccia il muro del negozio con installato il motore del condizionatore. Nel mese di luglio 2014 questo spazio è stato venduto e l'acquirente pretende che mia moglie tolga il motore del condizionatore. La mia domanda è: essendo il motore già presente su quel muro al momento dell'acquisto sia di mia moglie che del nuovo proprietario sul retro, siamo obbligati a spostarlo? Ci tengo a precisare che l'unico altro muro disponibile per l'installazione è quello sulla facciata del negozio dove oltre al danno economico dello spostamento avrei il danno estetico!
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Silvio, il fatto che il condizionatore era già presente non fa acquisire un diritto, infatti l’articolo 1158 del c.c. dispone: “La proprietà dei beni immobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni”. D’altra parte l’articolo 1102 del c.c. “sancisce il diritto all'uso della cosa comune purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri di farne parimenti uso”, quindi potresti avere diritto a tenerlo. Ad ogni modo ti consigliamo di rivolgerti ad un legale vista la delicatezza dell’argomento.

Grazie mille per aver risposto alla mia richiesta di aiuto! Vorrei solo precisare che sulla proprietà del condizionatore non ci sono dubbi, spero comunque di arrivare ad accordo se proprio dobbiamo spostarlo! Grazie mille ancora, siete stati gentilissimi e velocissimi!

Icona regione.
Paolo da Messina giorno 20/10/2014
Abito in un condominio e sono proprietario di un terrazzo a piano terra; il condomino del 1° piano ha installato un’unità esterna di un condizionatore sul parapetto esterno del suo balcone, praticamente sopra il mio terrazzo. Posso legalmente farlo togliere per motivi di sicurezza e visto che già una volta abbiamo avuto problemi con perdita d'acqua della sua unità esterna con presenze di pozzanghere? In attesa di una Vostra gradita risposta, vi mando i miei cordiali saluti.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Paolo, il condomino ha diritto all’installazione del condizionatore, ma deve assolutamente tenere in considerazione il fatto che non debba essere di disturbo o intralcio ai vicini, in questo caso può essere pericoloso e comunque il verificarsi di eventi quali la caduta di condensa sulla tua proprietà lo porta in difetto. Prova a spiegargli la cosa, deve solo spostarlo, poi ti devi rivolgere ad un legale.
Icona regione.
Gerardo da Pisa giorno 30/09/2014
Buongiorno, abito in una casa torre, vorrei montare un condizionatore senza unità esterna, facendo quindi solo due fori di diametro 200 mm circa sul muro esterno (di mia proprietà) che si affaccia su proprietà di terzi (no condomini) ad una distanza verticale di circa due metri. Ritenete che ci siano gli spazi di legge?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Gerardo, l’unico problema che vedo è quello dello scarico della condensa. Nel momento in cui pratichi il foro sulla tua parete non hai problemi, l’aria espulsa non può essere motivo di protesta, anche perché andrà verso l’alto, ma il tubo di scolo dell’acqua, dove lo dirigi?
Icona regione.
Vincenza da Parma giorno 08/09/2014
Salve, ho spostato la ventola del climatizzatore che si trovata a terra sul balcone di mia proprietà, in alto. La differenza rispetto a prima è che ora è visibile dalla strada. Per tale modifica mi è arrivata una lettera dall'amministratore che mi chiede di rispostare in basso la ventola in quanto questa è visibile dalla strada (parlando di norme di legge che non cita!). Vorrei capire se esiste una legge che impone dove posizionare il condizionatore, facendo presente che sul regolamento di condominio non è indicato da nessuna parte.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Vincenza, il consiglio è di rivolgerti sempre ad un legale, comunque la sentenza sentenza n. 1038 del 16/08/2011 del Giudice di Pace di Grosseto, che trovi linkata nell’articolo sopra, stabilisce che puoi metterlo.
Icona regione.
Dario da Milano giorno 30/07/2014
Buongiorno, dovrei installare un'unità esterna sotto la mia finestra al secondo piano, a 6 metri di altezza da un terrazzo al primo piano non di mia proprietà. Ho il permesso dell'amministratore e del regolamento condominiale (ci sono condizionatori posizionati allo stesso modo ai piani superiori), ma la vicina al piano sotto si lamenta in quanto ha paura del rumore e minaccia azioni legali. Controllando gli indici di rumorosità, rientro nei regolamenti. E' possibile che la signora possa avere ragione? A me spiace per la signora, ma è l'unica parete in cui si può mettere e in cui i condomini l'hanno messo. La signora si è opposta a tutti, ma il regolamento condominiale parla chiaro. Può avere ragione?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Dario, se esiste un documento condominiale deve esserci espressamente indicata la possibilità e le modalità per poter installare il climatizzatore e chiaramente deve riportare l’accettazione sottoscritta all’unanimità da tutti i condomini, quindi anche dalla signora in questione, la quale non ha modo di opporsi a qualcosa che ha accettato.

Vorrei chiedere se in assenza di un esplicito documento condominiale, quanto conta il fatto che quasi tutti i condomini hanno piazzato un'unità esterna su uno spazio comune. Se chiedono di levare il mio possono far levare tutti gli altri? O vale la regola del tacito consenso (se nessuno si è lamentato fino ad ora, è come si si fosse acconsentito alle installazioni).

In buona sostanza anche “un solo condomino può esprimere il proprio dissenso e agire per il ripristino delle caratteristiche originarie del fabbricato”.
Icona regione.
Babila da Livorno giorno 29/07/2014
Buongiorno, ho una piccola proprietà che si affaccia su una via comunale. Per accedervi c'è una porta cancello con dei gradini, lateralmente sul marciapiede comunale la pasticceria ha costruito inizialmente un muretto, che poi ha chiuso con dei vetri. L'altro giorno tornando dalla casa al mare ho notato che all'altezza di m.1,50 sopra al muretto che fa angolo con il mio portone-cancello di ingresso ha montato due grossi motori che gettano all'esterno aria calda, dell'impianto di climatizzazione. Mi chiedo se è regolare e se posso richiedere la rimozione.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Babila, mi pare di capire che non siamo in presenza di una proprietà condominiale, tu ha la tua abitazione ed accanto c’è un altro fabbricato dove è installato il motore. In questo caso puoi chiedere la rimozione se il rumore supere la soglia di tollerabilità prevista per legge (la trovi indicata sopra) o se non ha rispettato delle concessioni comunali, quindi dovresti fare un esposto ai vigili.

Buongiorno, vi ringrazio per la celere risposta, temo però di non essere stata sufficientemente chiara. Posso avere un contatto al quale inviare la foto? Ho bisogno di chiarimenti in merito a distanze da rispettare o meno.

Puoi inviare a info@elettro-domestici,com.
Icona regione.
Jessica da Mestre giorno 24/07/2014
Buongiorno, l'unità esterna del mio condizionatore è su un terrazzino comune tra me e la mia vicina, diviso solo da barre metalliche. Il condizionatore è stato posizionato lì con il permesso della precedente proprietaria 20 anni fa. Dopo 2 anni la nuova vicina ha cominciato a lamentarsi, sostiene che l'aria calda emessa dal condizionatore le arriva tutta sul terrazzo e le brucia le piante. Può farmi levare il condizionatore?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Jessica, in linea generale in un condominio non si può mettere nessun motore a meno che non sia espressamente indicato il contrario nelle regole condominiali o comunque con il permesso un’anime di tutti i condomini. Credo che avrebbe diritto a fartelo levare, anche se ci potrebbe essere un diritto acquisito vista la sua presenza ventennale. Ti consiglio di parlare con l’amministratore di condominio e con un legale.
Icona regione.
Ramona da Busalla giorno 21/07/2014
Buongiorno, davanti a casa mia circa 7 metri ci sono dei frigoriferi a motore che appartengono a frutta verdura e macellaio, fanno rumore! Di notte d'estate non posso aprire la finestra che c'è tanto rumore. Cosa devo fare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ramona, ci sono i limiti di legge che prevedono i limiti del rumore, se i frigoriferi vanno oltre o sopporti o ne chiedi la sistemazione bonaria o devi esporre denuncia alle autorità competenti.
Icona regione.
Francesca da Firenze giorno 09/07/2014
Buongiorno, abito in un appartamento al terzo e ultimo piano di mia proprietà nel comune di Firenze composto da due vani con camera nel piano sottotetto. Qualche mese fa la mia vicina (trattasi di 2 appartamenti frazionati) ha istallato il motore del condizionatore sul tetto, proprio sopra la mia camera da letto. Il motore è a 140 cm dalla mia vasistas e a 185 cm dalla mia testa se si considera che l'altezza massima del sottotetto è 200 cm circa. Non è solo una questione di rumore, ma anche di vibrazioni e di ipotetici danni che, in caso di guasto o malfunzionamento, sarebbero tutti nella mia camera da letto e nel mio appartamento. C'è qualcosa che posso fare per fargli spostare il motore in un'altra porzione di tetto?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Francesca, in un condominio il tetto è parte comune, quindi la tua vicina non avrebbe potuto metterci i motori senza il consenso di tutti, quindi anche il tuo. Chiedile di spostarlo per gentilezza, altrimenti ti devi rivolgere ad un legale per far valere il tuo diritto.
Icona regione.
Patrizia da Milano giorno 10/06/2014
Buongiorno, ho un'unità immobiliare in un piccolo condominio(quattro unità immobiliari)formatosi a seguito di vendita di un unico proprietario. Nel locale condominiale dei contatori due condomini hanno sostituito un piccolo ciller già esistente dal momento di costituzione del condominio, che serviva per condizionare i loro appartamenti con una grossa moto condensante ad aria per esterno. Per farla funzionare hanno carotato l'architrave di cemento armato ottenendo due grossi fori e hanno segato la porta di accesso in douglas posizionando una grossa grata. Il locale è di piccolissime dimensioni e ora la temperatura interna di tale locale è infuocata impedendo l'accesso. Temo fortemente, vista l'alta temperatura per gli impianti elettrici ivi collocati e i contatori elettrici. Cosa posso fare per tutelarmi? Faccio presente che anni fa ho chiesto di posizionare anch'io un piccolo ciller accanto al loro e mi hanno negato il permesso.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Patrizia, l’unica via che vedo percorribile è quella di una consulenza legale, che analizzi la costituzione del condominio e se ci sono le condizioni per le quali è legittimo l’utilizzo dello spazio comune solo a beneficio di alcuni, oltre che a valutare se tale utilizzo non sia dannoso per l’edificio stesso.
Icona regione.
Milena da giorno 28/05/2014
Buongiorno ho un condizionatore marca Haier HSU_09HD03/R2 volevo sapere se crea rumore al mio vicino, poiché montato nel mio pozzo luce, questa persona si lamenta, è pignola, datemi notizie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Milena, dai una lettura all’articolo e vedi se rientri in questa tipologia di situazioni.
Icona regione.
Antonio da Palermo giorno 24/05/2014
Ho montato un motore del condizionatore sul muro di mia proprietà, che si affaccia su un giardino privato, all'altezza di circa 3 m, il proprietario del giardino, ha il diritto di farmelo rimuovere per legge? Se é si quale è la legge.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Antonio, ritengo che ci sia la possibilità di fartelo togliere nel momento in cui ci sono degli spazi comuni, condominiali, sebbene non si tratti di un condominio esteso, nel momento in cui la proprietà di uno stabile appartiene a più persone, si tratta sempre di spazi comuni. A mio avviso valgono le regole del condominio, ti invito comunque a rivolgerti ad un legale che tratta la materia.
Icona regione.
Angelo da Roma giorno 19/04/2014
Buonasera, ho acquistato un Mitsubishi dual con motore esterno (modello MXZ2D53VA) e l'installatore lo ha montato in vicinanza del piccolo balcone che affaccia sulla facciata esterna del palazzo. I condomini hanno contestato e chiesto che venga rimosso. Sto cercando una soluzione: ho letto che esistono sistemi di condizionamento ad acqua che si possono montare internamente all'appartamento. Quali sono i vantaggi? Quali i problemi con questa soluzione? Sapete se è possibile convertire ad acqua l'impianto in questione? Avete qualche altra idea su come possa risolvere il problema?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Angelo, ci sono climatizzatori che non necessitano del motore posizionato all’esterno di due tipi, ovvero quelli ad aria, come Unico di Olimpia Splendid, composto da un solo corpo, che si installa su una parete che da all’esterno, praticandovi due fori (climatizzatori senza unità esterna), e quelli ad acqua composti da due pezzi lo split ed il motore, che può essere sistemato anche all’interno. Precisando che quelli che hanno le migliori prestazioni sono i classi aria/aria con motore esterno, posso dirti che i senza unità esterna, vanno abbastanza bene, mentre per gli split ad acqua non ho informazioni esaustive da fornirti.
Icona regione.
Paola da Zanirato giorno 12/04/2014
Buongiorno, ho un negozio in centro storico in un vicolo largo solo tre metri, nel negozio di fronte al mio, in ristrutturazione, è stato posizionato nel vano finestra all'interno della proprietà del negozio stesso il corpo esterno di un grosso condizionatore a doppia ventola, davanti è stata posta una griglia che deflette tutta l'aria che fuoriesce verso il basso. Il tutto sta proprio di fronte alla mia porta di ingresso a tre metri di distanza. La mia porta è l'unico accesso e ricambio d'aria del locale e sta sempre aperta con la bella stagione. Cosa posso fare per tutelarmi dalla fuoriuscita di calore che per vicinanza e direzione entra da me?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Paola, da un punto di vista legale l’unica obbiezione sollevabile può essere quella del rumore, in questo caso bisogna verificare l’emissione sonora e rapportarla al tipo di territorio. Per quanto riguarda l’aria espulsa, non credo che riesca ad arrivare all’uscio della tua porta generandoti fastidi. Qualora ne dovesse arrivare, io direi di proporre al tuo vicino di invertire l’orientamento della griglia verso l’alto, in quanto l’aria calda tende per sua natura ad andare in quella direzione e così facendo l’aria in uscita assumerebbe una parabola fuori dallo specchio della tua porta.
Icona regione.
Mario da Biccari giorno 08/04/2014
Salve abito in un condominio da 5 anni quest'anno ho intenzione di installare un climatizzatore sul mio balcone lato strada. I condomini non tutti sono d'accordo perché dicono di rovinare l'aspetto architettonico del palazzo, però loro sul lato strada hanno le caldaie che rovinano l'aspetto architettonico. Cosa mi consigliate di fare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Mario, purtroppo se non hai il consenso di tutti i condomini non puoi metterlo.

Loro non mi danno il consenso perché rovino l'aspetto architettonico del condominio ma loro con le caldaie non l’hanno già rovinato? Volendolo mettere sempre sullo stesso balcone però diciamo che non supera l'altezza della ringhiera possono sempre dirmi di no? Visto che è nascosto dalla ringhiera non credo che rovina l'aspetto architettonico del palazzo.

In realtà non puoi metterlo per due motivi, il primo che tutto il condominio secondo l’articolo 1117 del codice civile è parte comune, quindi appartiene a tutti e nessun opera può essere effettuata senza il consenso degli altri, il secondo riguarda il decoro architettonico, che se il clima è nascosto potrebbe decadere. Le caldaie rovinano l’estetica, ma sono probabilmente parte integrante del progetto dello stabile, quindi ne fanno parte. Al tuo posto cercherei di far capire che non rovini l’estetica dello stabile, senza importi troppo in quanto potrebbero opporsi comunque.

Ok grazie, proverò ancora a chiedere se posso installarlo a terra sul mio balcone per non rovinare l'aspetto architettonico del palazzo. Ma se anche in quel caso dicono di no dicendomi come scusa sempre l'aspetto architettonico non potrei ribattere in nessun modo?

Approfondisci la legittimità della presenza delle caldaie e verifica se ci sono altri condizionatori montati anche nascosti, posso essere argomenti su cui ribattere, altrimenti non hai nulla in mano.

Icona regione.
Valeria da Genova giorno 05/04/2014
Salve, il condomino proprietario dell'appartamento sotto al mio, con giardino, ha installato in facciata, senza chiedere né all'amministratore né ai condomini il permesso, due motori di condizionatore proprio sotto le finestre del mio bagno e di una camera. Sono preoccupata anche dal punto di vista della sicurezza! Si trovano a circa un metro e sessanta/settanta dai miei davanzali! Posso farli spostare sul pavimento del giardino?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Valeria, in un condominio non è possibile installare dei climatizzatore se non indicato nelle regole condominiali, regole in ogni caso da tutti sottoscritte. In questo caso non il condomino non poteva installarli, quindi puoi chiederne lo spostamento o la rimozione e nel tuo diritto. La vicinanza non desta problemi di sicurezza.
Icona regione.
Roberto da Roma giorno 17/02/2014
Salve ho da poco acquistato un seminterrato, e ho istallato il motore del condizionatore tra le mie due finestre che danno sul cortile condominiale a un'altezza di 40 cm da terra. 70 Cm sopra al mio motore ce ne sono altri due non di mia proprietà. I condomini mi stanno facendo pressioni per togliere il mio motore perché troppo basso e quindi pericoloso. Esiste una normativa in tal senso?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Roberto, non sono al corrente di una legge che stabilisce l’altezza minima per installare il motore del climatizzatore. In un condominio ci può essere però un regolamento interno che ne stabilisce i termini, che però deve essere stato avallato unanimemente da tutti i condomini, quindi dovresti in questo caso esserne a conoscenza. A parer mio tra 40 cm ed 1,50 mt, dove sono gli altri due, non c’è differenza di “pericolosità” entrambi sono raggiungibili, ne deduco che si tratti di una richiesta fondata su presupposti di interessi personali. Comunque ti invito a consultare un legale.
Icona regione.
Andrea da Padova giorno 04/02/2014
Salve, ho installato l'unità esterna sul poggiolo ad un'altezza di circa 3 metri. Dopo un po’ di tempo l'amministratore del condominio mi ha intimato a posizionare l'unità esterna all'altezza del pavimento in base a norme di sicurezza. È corretto?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Andrea, l’installazione del climatizzatore in un condominio è soggetta all’autorizzazione di tutti i condomini e del rispetto del decoro architettonico, quindi se hai avuto questi permessi non devi spostarlo, se invece non li hai avuto, sebbene la posizione non viola le norma di sicurezza, non sei nella legittimità e te lo possono fare anche togliere, quindi abbassalo.
Icona regione.
Marco da Adria giorno 21/11/2013
Salve, abito in una casa a schiera, e il mio vicino ha messo il condizionatore proprio sul confine tra le nostre abitazioni. Volevo sapere se per legge c'è una distanza da rispettare.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Marco, credo, ma ti invito a rivolgerti ad un legale, che una casa a schiera possa rientrare in un contesto di proprietà condivisa, tipo un condominio, dove si è proprietari della propria abitazione, ma essendoci dei muri condivisi, non si possa fare ciò che si vuole. Se così è e il motore è sul confine, quindi in mezzo alle due proprietà, avrebbe dovuto avere il tuo consenso.
Icona regione.
Giuseppe da Marsala giorno 11/10/2013
Salve, ho istallato l'unità esterna del condizionatore sul muro della mia casa che da su un terreno privato, ad una altezza di circa 3 metri, può il proprietario del terreno (agricolo) farmelo rimuovere?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giuseppe, ritengo che se è installato sulle mura di tua esclusiva proprietà, non dovresti avere nessun problema se il motore non supera i limiti di legge per quanto riguarda il rumore. Per maggiori approfondimenti però rivolgiti ad un legale.
Icona regione.
Antonio da Genova giorno 08/10/2013
Buongiorno, ho istallato ma macchina esterna del condizionatore nella mia loggia ma al di sopra del corrimano del balcone nonostante il regolamento lo vietasse perché l'idraulico mi ha detto che c'era poca areazione e non era sicuro. Alcuni condomini vogliono farmelo togliere.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buonasera Antonio, se il regolamento condominiale non lo prevede, non puoi fare niente, devi toglierlo.
Icona regione.
Maria da Roma giorno 21/08/2013
Sono disturbata dal ronzio del condizionatore istallato dall'inquilino sottostante al mio. Non saprei quantificare i decibel, forse le emissione sonore sono inferiori ai limiti di legge. Ma di certo il disturbo è costante e invade tutto il mio appartamento, in alcuni punti in modo particolare. E' equiparabile al rumore di un frigorifero acceso. La notte è impossibile dormire. Gli inquilini non intendono cambiare le loro abitudini. Il proprietario non risponde alle mie mail. Cosa posso fare? E che possibilità ho di trovare una soluzione?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Maria, l’installazione di un climatizzatore in un condominio deve seguire una serie di regole, prima tra tutte il consenso di tutti i condomini e il rispetto dei limiti del rumore, vagliate queste condizioni, se in torto e non risponde alle tue richieste, purtroppo l’unica strada da percorrere è quella legale.
Icona regione.
Barberini da Arezzo giorno 07/08/2013
Il mio vicino di casa ha installato l’unità esterna del climatizzatore di fronte alle mie finestre di camera. La distanza è di circa 4 mt. Il rumore è forte in quanto il suo muro fa un po’ angolo ed il rumore rimbomba. Il climatizzatore rimane fra due muri aperti ma è diretto verso le mie finestre e si sente aria calda. In attesa di una vostra risposta.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Barberini, in queste circostanze puoi solo sincerarti se sono rispettati i limiti del rumore ed in caso negativo prima parlare con il tuo vicino per trovare una soluzione amichevole o rivolgerti ad un legale.
Icona regione.
Gianmario da Rottofreno giorno 30/07/2013
La mia vicina ha fatto installare l'unità esterna del condizionatore con la ventola girata frontalmente sul mio terrazzo ed ora mi ritrovo impossibilitato a fruire del terrazzo, tipo loggia, in quanto ci sono delle temperature alte dovute all'aria calda che fuoriesce dal motore del condizionatore. Come se non bastasse la vicina tiene pure abbassate le tende esterne e pertanto tutto il calore investe il mio terrazzo, non posso nemmeno arieggiare i locali.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Gianmario, purtroppo è un bel problema e non ho nessuna indicazione da darti.
Icona regione.
Ettore da Teramo giorno 19/07/2013
Un vicino di casa al mare ha appena installato un condizionatore d'aria, nel suo balcone, ma a misura del confine di proprietà del muro e a 30 centimetri dalla mia finestra della camera. Quando sto riposando vengo disturbato dal rumore dell'apparecchio e se apro la finestra sento l'odore sgradevole di olio bruciato. È regolare? Se la risposta è negativa qual è la strada da percorrere per tutelare i miei diritti?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ettore, in primo luogo dovresti stabilire se i limiti del rumore eccedono quelli di legge, quindi potresti ad esempio dal modello risalire alle caratteristiche tecniche, tra cui il rumore e sincerarti di questo. Se i limiti sono superati puoi prima parlarne con l’interessato e poi l’altra ed unica strada è affidarsi ad un legale.
Icona regione.
Nicola da Potenza giorno 13/07/2013
Salve, vorrei sapere a che distanza devono stare le unità esterne di un condizionatore da una finestra di un condominio posto di fronte ad esse e a chi rivolgersi nel caso in cui non sia stata rispettata tale distanza per un eventuale ricorso... vi ringrazio anticipatamente e aspetto vostra risposta.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Nicola, credo che se il motore è installato in un palazzo che non è quello in cui abiti tu il problema ci sia solo un problema di inquinamento acustico, ti devi comunque rivolgere ad un legale.
Icona regione.
Vittorio da Como giorno 13/07/2013
Buongiorno. Volevo sapere se era possibile posizionare l'unità esterna di un condizionatore di fronte alla porta di ingresso di un altro appartamento, ad una distanza di circa 4 metri. Esiste una regolamentazione o una legge che determina distanze e posizioni oppure è tutto dovuto al buon senso?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Vittorio, dovresti trovare quello che cerchi nell’articolo di cui sopra.
Icona regione.
Fabio da Bari giorno 11/07/2013
Salve, nella mia attività commerciale dovrei installare un climatizzatore con unità esterna. La proprietaria del locale è favorevole, ma i proprietari del palazzo si sono opposti alla installazione del compressore esterno. Se installassi quest'ultimo nell'interno del mio locale, su una finestra che affaccia su un atrio scoperto interno al palazzo (a cui non ho accesso) potrei immettere aria calda o sarei passibile di azione legale?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Fabio, considera che in inverno il motore ha la funzione di recuperare calore dall’esterno e lo split di buttarlo all’interno, quindi in linea teorica se lo metti dentro, quindi in un ambiente più caldo, recupera anche più calore, rimane però il problema dello smaltimento della condensa di eventuali sbrinamenti, che normalmente si fanno confluire all’esterno, in questo caso dovresti fare confluire il tutto in un contenitore, da tenere sotto controllo e svuotare. Anche per la sola deumidificazione devi fare lo stesso. In estate invece il processo è al contrario, quindi il calore da dentro viene portato all’esterno attraverso il motore, che però se è all’interno non può farlo. Se posizioni il motore in modo tale che la ventola spinga il calore al di fuori della finestra, quindi nell’atrio, potrebbe andar bene, anche se hai sempre il problema dello scolo della condensa, e legalmente può darsi che veicolando il calore in un ambiente non di tua proprietà, potresti incorrere in un problema legale, e quindi conviene che ti consigli con un legale per ragguagli specifici. Infine resta il rumore all’interno, che può essere fastidioso, diciamo che come soluzione non è l’ideale.
Icona regione.
Francesco da Ravenna giorno 09/07/2013
Salve, ho una casa bifamiliare dove i vicini hanno montato il condizionatore nella loro proprietà ma attaccato al nostro confine, dove ci sono 2 camere da letto (piano terra e mansarda) e proprio in mezzo è stato messo, che esteticamente imbruttisce, ma il problema è il rumore, che proprio adesso, che dormiamo con la finestra aperta, si sente il rumorio fastidioso in un posto silenzioso. È possibile trovare una soluzione? C'è una distanza minima dal confine?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Francesco, purtroppo se il condizionatore fa rumore quello resta, devi solo parlare con i vicini, se magari possono farlo spostare. Leggi su quelle che sono i riferimenti per essere in regola e nel caso non lo siano parla con loro, l’altra strada è di rivolgersi ad un legale per fare una valutazione più attenta e nel caso procedere.
Icona regione.
Luca da Venezia giorno 19/06/2013
Abito in centro storico a Venezia, la finestra della mia cucina-soggiorno si affaccia al piano terra di un cavedio di un'altra proprietaria, questa ha ben pensato di installare una unità esterna per 3 condizionatori a circa 2 mt dalla mia finestra. Non appena aziona i condizionatori in casa, l'unità esterna sprigiona un vento caldo invadendo il mio open-space. E' possibile sapere cosa posso fare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Luca, la questione è delicata e purtroppo in questi casi o chiudi la finestra e ti metti anche tu un climatizzatore o devi rivolgerti ad un legale per stabilire se ci sono i presupposti per richiedere la rimozione.
Icona regione.
Lucky da Cologno Monzese giorno 27/02/2013
Buongiorno, abito in una villetta, vorrei montare due unità esterne per condizionatori ad una distanza orizzontale dal vicino di circa due metri. Ritenete che ci siano di legge gli spazi?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Lucky, non credo che la distanza sia un problema e mi pare che non ci siano vincoli di legge in merito a questo, chiaramente non sono un legale quindi nel caso sincerati meglio. Ci sono però dei limiti per il rumore, nella tabella sopra sono indicati.
Icona regione.
Vittorio da Rovigo giorno 26/11/2012
Salve,
cortesemente vorrei sapere se in un luogo pubblico o aperto al pubblico (per esempio palazzi, muri perimetrali degli uffici, ecc) esiste una normativa per una altezza minima dal suolo riguardo l'installazione dell'unità esterna di un climatizzatore e se esiste e la conoscete, se mi potete dare un articolo di riferimento.
Vi ringrazio.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Vittorio, non so se esiste una normativa la riguardo, certo che in caso di condomini o palazzi in comproprietà ci sono molti ostacoli.
Icona regione.
Rossella da Scarlino giorno 15/08/2012
Abito in un vicolo largo un metro e sessanta davanti alla porta di casa mi hanno installato un climatizzatore che lancia tutta la sua aria calda dentro il mio appartamento, posso farlo rimuovere tramite un avvocato.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Rossella,
mi dispiace per la situazione, non ho esperienza in merito a questioni legali, quindi non saprei dirti anche se a rigor di logica ti crea danno e quindi…. Vista la posizione frontale alla porta, potresti chiedergli di spostarlo di qualche metro più al lato in modo che il flusso dell’aria non ti arrivi dentro casa, ciao.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su
Chiudi
Regala un libro per Natale