Spazio trasparente.
 
Analisi della reale differenza di consumo energetico tra lavatrici di diversa classe di consumo A, A+, A++ ed A+++.
 
Foto articolo.
Come già spiegato in altri articoli per identificare il consumo energetico di una lavatrice basta leggere il dato riportato sulla Energy label applicata su di essa. Tuttavia l’identificazione del consumo non ci consente di farci un’idea immediata di quanto sia la differenza tra le diverse classi energetiche. Anzi in tanti casi non ci si sofferma affatto sul consumo ma solo sulla classe di appartenenza, scartando mentalmente dalla scelta le lavatrici con la classe meno performante.

Tralasciando il metodo stabilito dalla normativa per stabilire la classe di appartenenza, si tratta di una serie di calcoli abbastanza complessi e poco pratici, abbiamo cercato di elaborare una scala, una tabella per racchiudere in linea abbastanza prossima al dato reale di quelli che sono i consumi delle lavatrici in base alla classe ed in rapporto alla capacità di carico.

La tabella comprende lavatrici con classe dalla A alla A+++ e dai cinque agli undici chilogrammi di portata. Per realizzare la tabella abbiamo preso in considerazione i consumi energetici riportati sull’energy label di 46 lavatrici e stabilito una media aritmetica semplice per dedurre un unico dato identificativo del consumo per una determinata classe. Per quanto riguarda la classe A, ci siamo riferiti a dati di vecchie etichettature andando a moltiplicare il consumo del singolo lavaggio per i 220 cicli annuali stabiliti dalla nuova normativa per la capacità di 8 e 9 kg, in quanto non siamo riusciti a reperire dati aggiornati per questa categoria di prodotto e considerato che le lavatrici in classe A vengono prodotte sempre con minore frequenza soprattutto per le elevate capacità di carico.

Nello specifico della classe A per i 5 kg i dati sono due uno espresso per singolo lavaggio, 0,95*220= 209 e l’altro intero 190. Come media (209+190):2= 199,5 kw/annui. Classe A+ per i 5 kg abbiamo 1 solo dato 166 kw/annui. La classe A++ ed A+++ nessun dato.

Capacità 6 kg in classe A due riferimenti (156+174):2= 165 kw/annui. Classe A+ (194+194+195+195+173+220):6= 195,16 kw/annui. Classe A++ un solo riferimento 170 kw/annui.

Capacità 7 kg in classe A un solo dato, 227 kw/annui. Classe A+ (217+220+203+218):4= 214,5 kw/annui. Per la classe A++ (194+196+187+193+194):5= 192,8 kw/annui. Per la classe A+++ (160+173):2= 166,5 kw/annui.

Capacità 8 kg in classe A, solo un riferimento 1,36*220= 299.2 kw/annui. Per la classe A+ (249+222+245+224+249):5= 237,8 kw/annui. Classe A++ (219+222+219+218+219):5= 219,4 kw/annui. La classe A+++ (192+189+194):3= 191,66 kw/annui.

Capacità 9 kg per la classe A un solo dato, 1,53*220= 336,6 kw/annui. Per la classe A+ un solo riferimento, 277 kw/annui. Per la classe A++ (244+244):2= 244 kw/annui, mentre per la classe A+++ (218+216):2= 217 kw/annui.

Capacità 10 kg nessun riferimento, ma probabilmente nessun prodotto in produzione, per la classe A ed A+, mentre abbiamo 242 kw/annui per la classe A++ e (207+210):2= 208,5 kw/annui per la classe A+++.

Capacità 11 kg solo il riferimento per la classe A+++, (215+258):2= 254,5 kw/annui.

Sulla base di questi dati possiamo dedurre le differenze di consumo tra le classi di efficienza energetica, tra lavatrici della stessa capacità, ma anche di capacità diversa, così da poterci regolare nella scelta basandoci sui consumi. Si evince ad esempio una differenza di 33,5 Kw pari a 8,375 euro di corrente in un anno tra una 5 Kg di classe A ed A+, che acquistando una 8 kg in classe A+++ si ha lo stesso consumo di una 5 kg di classe A e..fate voi le varie considerazioni.

Chiaramente, come detto in precedenza i dati riportati sono puramente indicativi e servono per dare un’idea approssimativamente simile ai reali consumi di una lavatrice. Naturalmente ci possono essere delle differenze in alcuni confronti del dato del consumo, quindi vi invitiamo a considerarlo come un indicatore iniziale al quale deve seguire un’analisi diretta ed un confronto con i modelli di lavatrice che in modo specifico si intendono valutare.

Articolo aggiornato: lunedì 6 agosto 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Può capitare di caricare i tessuti da lavare nella lavatrice, impostare il programma di lavaggio, attendere alcuni minuti e constatare che il lavaggio non inizia. Che sarà mai successo? È sempre andata bene!!

Pubblicato:
lunedì 19 ottobre 2015
 
 
Spazio trasparente.
Molto spesso per questioni di spazio si ha l’esigenza di installare a colonna la lavatrice e l’asciugatrice, ovvero mettere un elettrodomestico sull’altro. Questo è certamente possibile, difatti sul mercato sono in commercio delle basi universali per la sovrapposizione o delle basi specifiche prodotte direttamente dai produttori di elettrodomestici.

Pubblicato:
giovedì 11 ottobre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Non tutte le lavatrici hanno nel cassetto dei detersivi lo scomparto destinato e predisposto per versare la candeggina. Dove c’è può essere identificato facilmente, in quanto è riportato un simbolo che ne identifica tale funzionalità, ovvero la sigla CL.

Pubblicato:
lunedì 3 gennaio 2011
 
 
Spazio trasparente.
Alcune volte sui tessuti si creano delle macchie che con un lavaggio tradizionale non riusciamo ad eliminare, questo a causa della loro natura particolare, non riconducibile ad uno sporco comune. A tal proposito abbiamo selezionato alcune tipologie di macchie, e creato una lista, che necessitano di un trattamento aggiuntivo al lavaggio tradizionale per poter essere puliti perfettamente.

Pubblicato:
martedì 20 marzo 2012
 
 
Spazio trasparente.
Con Samsung cambia l’idea del lavaggio tradizionale, con la sua nuova tecnologia che provvede a far sciogliere il detersivo ancor prima di arrivare nel cestello. Eco Bubble, in inglese, la nuova tecnologia utilizzata su 12 modelli di lavatrice, in italiano conosciuta e diffusa con il nome di eco lavaggio.

Pubblicato:
sabato 11 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Oltre al sistema classico di inserimento del detersivo nel cassettino specifico o all’interno del cestello della lavabiancheria, ci sono in commercio alcune lavatrici dotate di un serbatoio per il carico del detersivo ed il suo dosaggio automatico ad ogni lavaggio.

Pubblicato:
sabato 9 ottobre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Il timer meccanico è un componente che fino a qualche anno fa, veniva montato da tutte le lavatrici, oggi a seconda del modello di lavabiancheria è stato sostituito con quello elettronico o dal modulo elettronico (scheda). Tuttavia, sebbene le nuove lavatrici non lo hanno più, in circolazione ce ne sono ancora molte con programmazione meccanica, e quindi con detto timer.

Pubblicato:
mercoledì 4 maggio 2016
 
 
Spazio trasparente.
Il cavo di alimentazione dell’elettrodomestico è il mezzo che lo congiunge all’energia elettrica necessaria per farlo funzionare. È pertanto responsabile della veicolazione in entrata dell’elettricità e conseguentemente deve restare sempre in buono stato di funzionamento.

Pubblicato:
giovedì 2 marzo 2017
 
 
Spazio trasparente.
Il mercato degli elettrodomestici è costellato dalla presenza di diverse marche, ognuna delle quali produce e commercializza i propri prodotti. In fase d’ acquisto il consumatore si trova davanti una serie di articoli, per il segmento che intende acquistare,diversi ma simili.

Pubblicato:
martedì 10 settembre 2013
 
 
Spazio trasparente.
Come tutte le componenti della lavatrice anche il contenitore del cassetto del detersivo può subire dei deterioramenti, quindi delle incrinature e spaccature, conseguentemente delle perdite di acqua o subire un accumulo di sedimenti che possono dare origine alla formazione di cattivo odore.

Pubblicato:
lunedì 24 settembre 2018
 
 
commenti:
Icona regione.
Andrea da Teramo giorno 06/08/2018
Buongiorno, trovo l'articolo interessante ed esaustivo. Ovviamente anche l'utilizzo che facciamo dei nostri elettrodomestici può incidere sui consumi, ed è importante anche scegliere un modello top di gamma. I migliori prodotti infatti hanno in genere una miglior efficienza energetica e garantiscono maggior affidabilità rispetto a modelli economici. Il motivo risiede principalmente nelle componenti meccaniche, che sugli elettrodomestici più costosi sono in genere maggiormente dimensionate. Una spesa maggiore in fase di acquisto può diventare così un investimento nel tempo, che si traduce in bollette meno salate e minori interventi di manutenzione. Un cordiale saluto, Guidaacquisti.net
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Andrea, grazie per il tuo contributo.
Icona regione.
Sandra da Teramo giorno 09/03/2015
Salve, vorrei sapere l differenza tra una A+++ ed una A-40, qual è più performante in termini di consumi?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Sandra, la dicitura A-40 è obsoleta, si usava quando il massimo della catalogazione, prevedeva la classe A e per indicare che consumava di meno si indicava A-10,A-20,A-30,A-40, era quasi una anticipazione della A+,A++ ECC, anche se non è corrispondente. Per la differenza di consumo devi leggere il dato riportato sull’energy label, che ti indica esattamente quanto consuma, altrimenti non puoi determinare una differenza.
Icona regione.
Alessandro da Roma giorno 10/02/2015
Vorrei acquistare una Panasonic NA-127VB5 A+++, che differenza di risparmio ho contro una Beko WMY71283PTLMB3 A+++?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Alessandro, la differenza di consumo generale è impercettibile, come puoi leggere dall'energy label sotto riportate la Panasonic consuma 7 kWh in meno in un anno di lavaggi ( se ne considerano 220). Se noti però il consumo di acqua è leggermente superiore.

Icona regione.
Stefano da Ceranova giorno 07/01/2015
Ciao vorrei sapere quanto risparmierei acquistando una LG F12U2QDN0 da 7kg A+++-40% turbo wash, rispetto alla Hotpoint Ariston Slim WMSD 822 BX da 8kg A++, considerando che faccio dai 4 ai 5 cicli di lavaggio alla settimana.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Stefano, il consumo per ciclo di lavaggio standard cotone 60° C a pieno carico è di 0,58 kw/h nella Lg e di 0,742 nella Ariston. Con 5 cicli nel primo caso consumi 0,58*5= 2,9 kw/h mentre nel secondo 0,742*5= 3,71 kw/h.
Icona regione.
Tiziana da Caltanissetta giorno 05/12/2014
Buongiorno, poiché devo usufruire della detrazione Irpef (bonus mobili), Vi chiedevo se una lavatrice classe AAA sia inferiore ad una con classe A+?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Tiziana, la dicitura tripla classe A, quindi AAA, non è più valida, veniva impiegata con la vecchia etichetta energetica, dove erano indicate tre classi: consumo, qualità di lavaggio e qualità di asciugatura, quindi AAA. La nuova etichetta ha eliminato l’indicazione della classe qualità di lavaggio che deve essere per forza A, quindi superfluo indicarla. Essendo il consumo quindi in classe A, è inferiore alla A+.
Icona regione.
Monica da Rovigo giorno 20/10/2014
Buongiorno, mi sto comperando una asciugatrice. Vorrei sapere, facendo due cicli settimanali, in termini di spesa, quanto risparmio con una classe A++ rispetto ad una classe A.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Monica, il risparmio è approssimativamente inferiore del 20%. Per definirlo in euro, dovremmo però avere i riferimenti dei specifici modelli che hai selezionato. Se li indichi approfondiamo il discorso.
Icona regione.
Silvia da giorno 20/09/2014
Buongiorno, vorrei sapere come si devono leggere i valori di consumi energetici esposti sulle macchine del tipo: 200 kWh/ anno, su quanti lavaggi all'anno sono stati calcolati? Per le macchine con capacità di carico maggiore o uguale a 8 kg, ho letto che si considerano 220 lavaggi all'anno, ma per una da 5 kg di carico quanti?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Silvia, il riferimento è per tutte le lavatrici indipendentemente dalla capacità di carico di 220 lavaggi all’anno. Puoi approfondire leggendo la “guida energy label”.
Icona regione.
Anna da Pontedera giorno 15/07/2014
Vorrei sapere la differenza di consumo da lavatrice classe A+ a quella A++.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Anna, in alto a sinistra della pagina c’è un’immagina con riportati i consumi delle diverse classi in basi alla capienza in kg. I dati sono frutto della media di consumo di alcuni modelli di lavatrici, potrebbero tuttavia discostarsi leggermente da modello a modello. Il miglior metodo per verificare la differenza di consumo è mettere a paragone il dato riportato sull’energy label dei modelli che intendi confrontare.
Icona regione.
Pieralberto da Bellaria giorno 20/10/2013
Ho acquistato una lavatrice classe A+ Ariston Hotpoint WML UE, la durata dei programmi è veramente esagerata: per cotone con sporco normale a 60° il tempo dichiarato dalla casa è 180 minuti, al momento dell'acquisto non ho pensato a questo particolare. La tabella dei consumi dichiara per questo lavaggio kWh 1,09 e visto che le ore sono 3 x 1,09= 3,27; dove sta la classe A? La mia vecchia classe C faceva lo stesso lavaggio in 80 minuti con consumo dichiarato di 2,4 kWh, dove sta l'inghippo ? Era solo più rumorosa.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Pieralberto, il consumo indicato si riferisce all’intero ciclo di lavaggio, l’indicazione kWh è una unità di misura, che indica non che in un’ora ha un consumo di 1,09 Kw, ma che per l’itero ciclo consuma 1,09 kWh.
Icona regione.
Andrea da Cagliari giorno 25/10/2012
Ciao, mi chiamo Andrea. Spesso ho trovato le diciture AA, AAA e così via. Mi chiedevo se sono equivalenti alle diciture A+, A++ etc.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Andrea,
non sono esattamente la stessa cosa, fino a tempo fa i parametri di valutazione di una lavatrice erano tre: consumo, qualità lavaggio, asciugatura. Ognuno dei tre aveva una scala di valutazione dalla A alla G. Quindi AA significava che per le prime due otteneva il massimo della prestazione, AAA per tutte e tre. La nuova normativa ha rivisto la scala che va dalla A+++ alla D per quanto riguarda il consumo, e dalla A alla G per l’asciugatura, mentre la qualità del lavaggio deve essere obbligatoriamente di classe A, quindi non si enfatizza più la qualità del lavaggio in classe A, lo deve essere per forza.
Icona regione.
Leonilde da Valmontone giorno 07/06/2012
Vorrei sapere la differenza di risparmio energetico della lavatrice Candy GC4 1000giri A+ 6Kg e Candy GO41262 centrifuga 1200 giri classe A+ 6kg. inoltre chiedo se con questi modelli il risparmio c'è considerando che l'uso sarà di 3 lavaggi settimanali grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Leonilde,
ho fatto una ricerca ed il modello che tu mi indichi come GC4 non mi risulta, credo che per questa macchina, ti riferisca alla GO4 106 DF o alla GO4F 106 che hanno gli stessi consumi energetici, e per la precisione sempre tenendo in considerazione il lavaggio standard a pieno carico a 60°C (che è lo standard stabilito per la valutazione dalla normativa vigente), il consumo è di 1,05 kWh a lavaggio, così anche per il secondo modello che mi hai indicato. Il consumo si riduce per un carico a metà a 0,79 kWh, ed ancora a 0,63 kWh se utilizzi una temperatura di 40°C. Ora, considerando il costo di un Kw di energia elettrica € 0,25, se effettui tre lavaggi standard a settimana, puoi avere un consumo approssimativo di 1,05x3x0,25= € 0,7875 ed in un mese 0,7875x4= € 3,15. Leonilde vai tranquilla il consumo delle attuali lavatrici è basso, stai attenta comunque alle temperature, sono quelle che influenzano al rialzo i consumi, ciao.
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenze lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su