Le prestazioni ed il funzionamento della stufa a gas termoventilata.
 
Sempre più presente sugli scaffali, riscuote un modesto interesse per l’idea di una prestazione superiore rispetto alla stufa a gas tradizionale, stiamo parlando della stufa a gas termoventilata.

A seconda del modello si presente con una forma uguale alla stufa a gas tradizionale, o con due ventole in vista, poste nella parte superiore del cruscotto alle estremità della stufa. In quest’ultimo caso le ventole sono coperte da una griglia direzionabile per consentire una diffusione del calore più ampia ed orientata a seconda delle esigenze. Nell’altro caso il flusso d’aria è orientato in avanti e non c’è la possibilità di orientarlo.

Aprendo l’articolo abbiamo volutamente inserito la frase “l’idea di una prestazione superiore” , che in realtà è reale e concreta, però vogliamo a tal proposito sottolineare il funzionamento di questa stufa e cosa avviene con la termoventilazione.

La parte a gas è uguale a quella di una stufa tradizionale, il pannello può essere ad infrarossi o catalitico ed il consumo è identico (vi invitiamo a leggere l’articolo sulla stufa a gas per approfondire l’argomento). Per quanto riguarda la parte ventilata bisogna dire che funziona chiaramente con l’elettricità ed il consumo è pari a quello di un termoventilatore. Per intenderci questo tipo di stufa è composta da due prodotti separati : una stufa a gas ed un termoventilatore, messi in un unico mobile.

Quindi un consumo doppio, sia di gas che di elettricità. La parte elettrica è formata dalla presenza di due resistenze nel caso della stufa con due ventole separate e da una doppia resistenza nel caso della stufa con la ventola frontale. Le resistenze hanno un assorbimento di 2000 watt, corrispondenti ad un consumo di 2 Kw/h, esattamente, come dicevamo prima quanto un termoventilatore, perché di questo si tratta. La potenza è regolabile su un livello minimo 1000 watt ed un livello massimo 2000 watt, il consumo che ne consegue è rapportato proporzionalmente.

Abbiamo voluto sottolinearne il funzionamento perché alcune volte, il concetto di stufa termoventilata induce a pensare che sia più potente nella diffusione del calore, ed in effetti lo è, ma fa trascurare o non pensare al fatto che ha un consumo elettrico. La scelta di una stufa a gas come fonte di riscaldamento è dettata dalla sua economicità nei consumi, quindi è molto importante avere chiaro che il prodotto termo ventilato non lo è più.

La ventilazione può essere utilizzata indipendentemente dalla messa in funzione delle resistenze elettriche, in questo caso la diffusione del calore generato dal funzionamento del pannello a gas, può essere spinto con maggiore intensità nell’ambiente, anche se la diffusione non è particolarmente superiore a quella che avviene in modo naturale. Il flusso d’aria non attraversa direttamente il calore, ma essendo in posizione più alto, la sua azione diventa poco efficace. Sicuramente agevola il processo di diffusione, ma acquistare una stufa a gas termoventilata solo per utilizzare la ventola e non le resistenze è antieconomico, in quanto il suo costo è abbastanza superiore a quella tradizionale.

Questo tipo di stufa può essere impiegata in quegli ambienti dove la sola potenza del gas non è sufficiente e si ha bisogno di una maggiore potenza termica. Possiamo ottenere così una potenza di 5000 watt, nel caso di una stufa catalitica, 3000 il pannello e 2000 le resistenze, e di 6200 watt nel caso della infrarossi con 4200 watt del pannello e 2000 watt delle resistenze elettriche.

La stufa è dotata di un cavo di alimentazione di qualche metro di lunghezza e deve essere necessariamente posizionata vicino ad una presa di corrente. Il funzionamento della stufa può essere singolo o misto. Nel senso che può essere utilizzata solo la parte elettrica, solo la parte a gas o contemporaneamente sia l’una che l’altra.

Articolo aggiornato: giovedì 26 febbraio 2015

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


L’installazione della stufa a gas non è un’operazione particolarmente complicata, può essere effettuata, senza l’ausilio di un tecnico specializzato, da chiunque possieda un minimo di manualità.
 
 
Spazio trasparente.


Anche per il mondo del riscaldamento a biomassa non legnosa dall’1 gennaio del 2018 è obbligatoria la classificazione energetica. Pertanto come per gli altri elettrodomestici per i quali è obbligatoria già da molto tempo, tali prodotti, parliamo di stufe a gas, stufe a legna, stufe a pellet ed altro, dovranno essere correlate quando esposte nei negozi delle relative etichette energetiche.
 
 
Spazio trasparente.


I modelli di stufa a gas commercializzati sono di due tipi, quelle con pannello ad infrarossi e quelle catalitiche. Per scoprire i dettagli sulle caratteristiche, sistemi di sicurezza ed altro leggere l’articolo “stufe a gas”.
 
 
Spazio trasparente.


La stufa a gas non necessita di particolare manutenzione, è un prodotto molto funzionale che risponde molto bene alle necessità di riscaldamento di un ambiente domestico. È tuttavia di fondamentale importanze per garantire la sicurezza, controllare il tubo del gas ed in modo particolare effettuarne la sostituzione entro i termini di scadenza dello stesso.
 
 
Spazio trasparente.


La stufa a gas sia nel caso del modello catalitico che con i mattoncini infrarossi, dispone per l’accensione di un sistema di piezoelettrico simile a quello dei piani cottura.
 
 
Spazio trasparente.


Uno dei malfunzionamenti più frequenti in una stufa a gas è quello relativo al cambiamento di colore della fiamma pilota, che dall'azzurro, risultato di una perfetta combustione del gas, quindi corrispondente ad una equilibrata miscelazione tra gas ed aria, passa al colore giallo, con in alcuni casi la presenza di un poco di azzurro.
 
 
Spazio trasparente.


La stufa a metano blue flame è un modello che esteticamente richiama la stufa infrarossi a metano. Si differenzia a prima vista per la presenza di una fiamma diffusa di colore blue, che per l’appunto dà il nome alla stufa.
 
 
Spazio trasparente.


Il metano è sicuramente il gas più diffuso ed utilizzato per il riscaldamento delle abitazioni. Il suo impiego avviene principalmente attraverso l’alimentazione di caldaie, che oltre a fornire acqua calda in casa, alimenta il riscaldamento attraverso i termosifoni.
 
 
Spazio trasparente.


Sempre più presente sugli scaffali, riscuote un modesto interesse per l’idea di una prestazione superiore rispetto alla stufa a gas tradizionale, stiamo parlando della stufa a gas termo ventilata.
 
 
Icona regione.
Francesco da Benevento giorno 26/02/2015
Salve, quale tra una stufa a gas termo-ventilata ed una a combustibile liquido (Zibro per intenderci) mi consigliereste per riscaldare un appartamento di circa 60m²? Qual è la differenza di consumi tra le due?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Francesco, vanno entrambe bene. Personalmente cercherei di fare ricadere la scelta sul prodotto che ti fa spendere di meno e ti rende la gestione più semplice. Quindi metterei a confronto il costo iniziale, il costo della bombola e quello del combustibile, la reperibilità di entrambi e il consumo di entrambi. Non posso farti io il calcolo in quanto ci sono diversi modelli di stufe a combustibile ed ognuna di loro ha delle prestazioni tecniche diverse.
Icona regione.
Chiara da Frosinone giorno 24/11/2014
Salve, avrei bisogno di una informazione, ho acquistato una stufa Sicar modello ECO 42T quindi dotata di ventola. Quando provo ad accendere la ventola si spegne la fiamma pilota e i bruciatori accesi. Sbaglio? La ventola va accesa con la fiamma e bruciatori spenti o è difettosa?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Chiara, non dovrebbe spegnersi. Prova al contrario ma se non va rivolgiti al rivenditore.

Grazie mille! Andrò dal rivenditore perché se accendo la ventola a fiamma spenta non esce aria calda. Grazie mille per la disponibilità a presto!

Icona elettro-domestici.com

Comunque facci sapere.

Mi sono rivolta al rivenditore e mi ha sostituito la stufa. Era difettosa, la ventola era troppo potente e faceva spegnere la fiamma.

Icona regione.
Maria da Pordenone giorno 04/10/2014
Buongiorno, volevo chiedere se questo tipo di stufa e omologata o comunque a norma di legge per poterla avere in un negozio di abbigliamento.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Maria, le stufe sono omologate ed a norma di legge per l’uso domestico, per quello in attività con il pubblico dovresti informarti su regolamenti che interessano il commercio, sui quali non ho informazioni.
Icona regione.
Dario da Palermo giorno 09/12/2012
Mi chiedevo invece che consumo abbia soltanto la ventola senza l'accensione delle resistenze..? Sicuramente pochissima, ma sarebbe comunque utile saperlo. Grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Dario, con precisione non so dirti, ho provato a vedere sulla stufa, ma non c’è riportato un dato, comunque per analogia ad un piccolo ventilatore dovremmo essere intorno ai 15/20 watt e forse anche di meno. Continuo a cercare, provo a smontare la ventola e vedere se c’è una indicazione precisa.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su
Chiudi
Amazon Music Unlimited