Perché considerare la rumorosità di un climatizzatore, una scala per identificare la corrispondenza del rumore associandolo a delle condizioni reali.
 
Un aspetto fondamentale quando si effettua la scelta di un climatizzatore è l’identificazione della rumorosità. Ai fini del benessere infatti, oltre ad una gradazione ed una percentuale di umidità ottimale nell’ambiente climatizzato è di basilare importanza non avvertire rumore, soprattutto negli ambienti dedicati al riposo come la camera da letto.

Il rumore è una componente che disturba il benessere psicofisico ed in alcuni casi se prolungato e particolarmente intenso può provocare danni alla salute.

Il livello di rumorosità di un climatizzatore si misura in dB(A), la pressione sonora percepita dall’orecchio umano, minore saranno i decibel e maggiore è il livello di confort che si avverte nell’ambiente.

La rumorosità attualmente può essere letta sui cataloghi delle aziende produttrici, l’energy label ha un riquadro dedicato alla dichiarazione della rumorosità, tuttavia l’attuale normativa non impone l’obbligo per il produttore di dichiararla e nella quasi totalità dei casi viene omessa. Attualmente si sta lavorando ad un ampliamento della normativa che prevede, oltre alla revisione del metodo di calcolo, di alcuni dati tecnici, una nuova energy label che evidenzierà la performance del climatizzatore  in silenziosità.

Allo stato attuale i migliori e maggiori produttori di climatizzatori dichiarano il dato sui loro cataloghi, in base a questo può essere fatto un confronto tra i vari modelli per scegliere il prodotto più silenzioso.

Addentrandoci ancor di più nella comprensione del livello di rumore, va fatta subito una distinzione tra le macchine on-off ed inverter, quest’ultime grazie ad una serie di accorgimenti tecnici sono più silenziose. Un climatizzatore in generale può essere considerato abbastanza silenzioso se si attesta su un indice inferiore ai 30 dB(A) ed in modo particolare se scende al di sotto dei 25 dB(A), alcuni condizionatori di grande qualità riescono a vantare i 19 dB(A).

Per comprendere meglio la percezione del rumore portiamo a riferimento una scala che identifica delle situazioni, che si manifestano nella vita reale abbinate alle quali si esprime la pressione sonora, quindi la percezione del rumore, che avvertiamo in queste circostanze.

Il livello oltre il quale l’orecchio umano riesce a percepire il rumore è di 10 dB(A), aumentando identifichiamo i 20 dB(A) con il rumore generato con il fruscio delle foglie di un bosco, 25 dB(A) con il cinguettio degli uccelli, 40 dB(A) è l’interno di una biblioteca, 50 dB(A) il rumore presente in un ufficio ed ancora 60 dB(A) l’interno di una vettura con passeggeri, per poi salire fino ad arrivare a livelli fastidiosi per il nostro udito.

Articolo aggiornato: lunedì 27 luglio 2015

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Per i climatizzatori d’aria split, destinati al solo raffreddamento, l’energy label cambia volto a partire dall’1 gennaio del 2013. Il cambio dell’etichettatura è mosso dall’esigenza, da parte del legislatore, di mettere in evidenza i miglioramenti delle prestazioni, riferite al consumo energetico, al fine di rendere il consumatore consapevole delle differenze tra i vari prodotti in commercio, e conseguentemente, su tale spinta, ridurre il consumo globale di energia elettrica.
 
 
Spazio trasparente.


Il condizionatore come ben noto riesce a raffreddare, riscaldare (nel caso della pompa di calore), ventilare ed a deumidificare. Nello specifico ci riferiamo alle modalità di funzionamento cui può essere impostato, precisando che quando è impostato in raffreddamento allo stesso tempo deumidifica.
 
 
Spazio trasparente.


Il condizionatore portatile è quasi sempre impiegato nella stagione estiva per sconfiggere la calura, difatti nasce principalmente per tale scopo e nella stragrande maggioranza i modelli sono dotati della funzione di raffreddamento, ventilazione e di deumidificazione.
 
 
Spazio trasparente.


Dopo anni di onorato servizio, magari in pieno caldo quando la sua funzione è più che mai desiderata, il climatizzatore smette di funzionare. Eseguito qualche tentativo per rianimarlo, non c’è proprio niente da fare se non procedere alla sua sostituzione con un modello di nuova generazione.
 
 
Spazio trasparente.


Tutti i climatizzatori d’aria sono forniti di un sistema di filtraggio di base, essenziale per un loro corretto funzionamento, e predisposti per l’inserimento di altri filtri speciali, che hanno la capacità a seconda della loro natura di trattare l’aria ancora più in profondità e renderla ancora più sana e respirabile.
 
 
Spazio trasparente.


Dopo anni di non regolamentazione dell’installazione, della manutenzione e del controllo dei condizionatori domestici, a partire dal 1 gennaio 2015 entra in vigore il regolamento dell’ Unione Europea n° 517 del 16 aprile 2014, che regola in generale gli impianti termici, anche se in questo articolo ci soffermeremo sugli aspetti che riguardano gli split domestici.
 
 
Spazio trasparente.


Ogni ambiente, in base al suo carico termico, a parità di metri cubi, può necessitare per essere raffreddato o riscaldato di un climatizzatore con diversa potenza. Calcolarla, se non si possiede la minima preparazione in merito ai carichi termici ed a tutti i fattori che possono determinare un carico di calore maggiore o minore, diventa impossibile.
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo già avuto modo di conoscere la Trotec, per l’ampia ed efficiente gamma di deumidificatori, in questo articolo invece affrontiamo l’argomento condizionamento ed in particolare ci addentriamo alla scoperta dei condizionatori portatili di questo marchio tedesco.
 
 
Spazio trasparente.


La scelta di un climatizzatore non è sempre particolarmente facile, ci si perde in una vastità di modelli con caratteristiche tecniche diverse, che ci disorientano. Tralasciando le diverse caratteristiche, analizziamo una tipologia di climatizzatore che sul mercato riscontra una considerevole curiosità, il dual split, trial split, o in generale il multi split.
 
 
Icona regione.
Maddalena da Poggio Rusco giorno 27/07/2015
Buongiorno, ho un monolocale in Sardegna di circa 30 metri quadri con un altezza di 2,80 m e vorrei installare un condizionatore inverter che sia silenziosissimo. Mi potreste indicare la potenza che mi sarebbe necessaria e soprattutto i modelli a cui potrei riferirmi in fatto di silenziosità.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Maddalena, delle marche leader, tra cui: Daikin, Mitsubishi, Panasonic, Fujitsu, trovi modelli silenziosi. Ne ho scelto uno che può andare per freddo e caldo e silenziosità, il modello Msz-Fh25Ve 9000 della Mitsubishi.
Icona regione.
Ferruccio da San Paolo di Jesi giorno 16/02/2013
Vorrei istallare in un condominio un condizionatore da 12000 btu, inverter la cui l’unità esterna emana una pressione sonora di 54 dB(a) e quella dell'unita' interna di 41-37-31. Considerando che la finestra della camera di un condomino è situata ad una distanza dal compressore di circa 4 metri, posso avere dei problemi? Questo condizionatore non le risulta abbastanza rumoroso? Grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ferruccio, il climatizzatore risulta abbastanza rumoroso tale da poter disturbare il tuo vicino e tale che lo stesso possa richiederti la rimozione e tutto ciò che la legge prevede.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su
Chiudi
Regala un libro per Natale